L’impercettibile sussulto

            L’impercettibile sussulto L’impercettibile sussulto Nella quiete Per un canto diverso Che l’aria ha solcato E questo corpo d’eterno Alla finestra muove bologna. 13 ottobre 2014            

Si estingue la distanza

            Si estingue la distanza Si estingue la distanza che seminava di luce — per un istante      addentro E nuovamente si cela di azzurri per la sera. bologna. 27 settembre 2014            

Si fa presente

            Si fa presente Si fa presente nella notte lentamente la ruota della cupola e poi la sua lanterna cieca le crune buie nella pietra e appese le campane mute. Sgranando questo pozzo di silenzi che sono la memoria radicando in seno a queste mura barbariche di senso a questa vena selvatica di carni di … Continue reading

L’agonismo della luce

            L’agonismo della luce L’agonismo silenzioso Fra le coltri di vapore Nel grigio che schiarisce      umido fecondo. Gela il tremore del Vento. bologna. 24 settembre 2014          

Un velo d’arie

_DSF4966_1000

            Un velo d’arie Un velo d’arie Solca la distanza. Un silenzio Di luce      intorno sigilla. Più Azzurro e solitario Oltre le falde di pietra, il cielo Mostra a noi La nuca. bologna 23 – 24 settembre 2014       Basilica di San Petronio. bologna, settembre 2014          

In piena luce

_DSF4706_1000

            In piena luce Nell’azzurro ancora separato Si spandeva la luce Dal fiume del mattino. bologna. 13 – 24 settembre 2014       Palazzo del Comune. bologna, settembre 2014          

S’apre a ogni sguardo

            S’apre a ogni sguardo S’apre a ogni sguardo Nei frontoni di pietra Nelle profondità del Tempo in cui Le mani scivolano Come per disertati sacelli Sotto l’azzurro del cielo. bologna. 18 – 21 settembre 2014          

Una colata di sabbia

_DSF4761_1000

      Una colata di sabbia Una colata di sabbia ha modellato figure Tra le dita del Vento Che -si sa, Mentre rivela Rovina nella costa dei segni      nel passaggio Il tempo, custode       bologna. 13 settembre 2014         I           II           III … Continue reading

Più remoto

      Più remoto Più remoto quel tratto di mare Tra le dune e rovine La distanza lucente delle onde Nel chiarore del cielo Il chiarore di lune In viaggio là Dove non c’è cammino bologna. 11 settembre 2014          

La mia parte di luna

      La mia parte di luna La mia parte di luna Come uno specchio abbacina sul mare Il cammino sommerso La grotta di perle Poi la distanza lucente in cui La nera torre sta circonfusa E il tempo Manda rintocchi di campane bologna. 9 settembre 2014          

Bianco lunare

      Bianco lunare Il cielo bianco di notte lunare Si muta lentamente Molto lentamente. Della terra un alitare Si spande Di calore sostiene       Come di membra il silenzio bologna. 9 settembre 2014          

Esergo

      Esergo Per amore di tutte le cose che sono fatte di tempo. Per una vena selvatica o forse per una oscura radice. bologna. 19 agosto 2014          

Ancora un poco

      Ancora un poco Ancora un soffio dalla notte Che passa come Vento promesso Di seta, di parole. Ancora un sorso da questa oscurità Riversa come un manto nel blu Costellata di battiti Di lune. Ancora un poco d’incanto bologna. 8 settembre 2014          

Nell’orecchio del mondo

      Nell’orecchio del mondo Il grido di notte che ha gettato l’uccello nel volo nell’orecchio del mondo che s’apre      Uno scoppio di risa nell’oscurità bologna. 6 – 8 settembre 2014          

Un profumo di verde

            Un profumo di verde Un profumo di verde nell’ora della sera giunge dal filo d’erba sorpreso fra due stagioni nel suo rigenerare. bologna. 6 – 24 settembre 2014