Tu sei venuto

 

 

 

     Nella penombra illuminata
     sotto l’ali

e

tersa l’aria
riscorre come
voce liberata di

   rintocchi
      di
         campane.

24.X
 

 

 

 

Nel sonno

 

 

 

Il
nocciolo del
sonno
nell’immobilità

e

     la voce del sole
     risuona nel
     giorno che si leva
     a
     Oriente.

21.X
 

 

 

 

Ora d’autunno

 

 

 

E

   mentre stinge nel cielo
   quest’ora della sera
   di
   selvatico
   aperto che
   tuffa nell’aria
   il suo richiamo

   e

   ha gola di menta
   occhi di rusciulu *
   acceso nelle brume e
   respiro salmastro
   e
   vuole scriversi
   q u i.

* corbezzolo

17.X
 

 

 

 

L’onore del canto

 

 

 

Per me,
l’onore del canto
a
questa pioggia nel buio
sottile
sulla via,
a questa coltre di
nubi sul prato
rischiarata nella notte
dalle luci di città,
a
questa foglia
di profilo
toccata al ramo.

15.X
 

 

 

 

 

 

 

E’ il vento —

       di menta e
       di origano
       dolce selvatico,
       e
       rotola
       con i cardi incontro
       a una luce di
       melograni che infiammano – le spalle
            ai muri –
       clausure
       d’
       incolti.

2.X
 

 

 

 

Beatitudine

 

 

 

In
questa forma
della tua
grazia

     distesa

     dolce il
     calore
     dice la tua
     creatura.

2.X
 

 

 

 

Un calore di piogge

 

 

 

A —
     densano le membra
     un
     calore di
     nuvole
     di piogge
     come nelle sere
     incipienti
     d’autunno.