Passato

 

 

 

Passato

 

 

Fragili
suoli di
correnti
edificati di rovine
nostalgiche
rovine di un passato
in — fermo        dis
abitato e
solo
nella luce fissa del sogno.

borgo di San Petronio, bologna. Dicembre 2016
 

 

 

 

 

 
IMG-20160418-08456

Levarsi

 

 

 

Levarsi

 

 

           E
non avere via        avanti
a

a — girare
passo a
passo
tastando queste mura
fino a
levarsi di
spavento
da
qui.

borgo di San Petronio, bologna. Dicembre 2016
 

 

 

 

 

 
IMG-20160418-08456

Una rosa

 

 

 

 

WP_20151122_15_07_12_Pro 3 copia
 

 

 

Una rosa

 

 

A — fiorare
dal cuore di silenzi
di
una rosa

          ri — membra
          petalo a
          petalo
          un a — mirare       segreto
          favoloso

borgo di San Petronio, Bologna. 9 novembre 2016
 

immagine da un originale di Pierre Soupir

 

 

 

 

 

 

μύθος

 

 

 

μύθος

 

 

La notte
la lingua
è nido di stupore
nell’orecchio

             senza nomi.

borgo di San Petronio, Bologna. 26 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 

Come l’onda

 

 

 

Come l’onda

 

          Come le fredde sere di questi giorni di primavera

come l’onda
che si ritira al
mare      io
raccolgo a caso
i miei passi
e
la vertigine.

bologna. 26 – 28 aprile 2016
 

 

 

DSCF0017
Il velo delle sere sui marmi di San Petronio. bologna, aprile 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

 

 

 

 

 

Accesso di piogge

 

 

 

Accesso di piogge

Scricchio —
la e scintilla
procedendo nel luogo
la caduta di piogge

        dal silenzio di essere,
        pure dis-stare
        molto lontano
        da qui

bologna. 24 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Dissigillare

 

 

 

Dissigillare

Dis — sigillare
il fuoco e
il ferro
dov’era il solco
del cuore
impresso a vivo
nella pelle nuda       tra-durre umide
         zolle
         sul calcinato
         di croste.

bologna. 22 aprile 2016

 

 

Désceller

Dé-sceller
le feu et
le fer
au sillon
du coœur
imprimé à vif
dans la peau nue        trans-poser
des mottes de terre humides
sur les croûtes
calcinées

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous
 

              Cliccare QUI per la pagina dedicata sul sito di Philippe Aigrain

 

ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 

Vita mia

 

 

 

Vita mia

 

Degli uccelli dell’aria il richiamo dei canti, dalla finestra aperta nel silenzio della stanza nel giorno alto nel cielo sul cortile

e batti-cuore
in gola

e mi ricordo,
e sotto-pelle
a pietrisco ferita       contro-natura
breccia
all’assedio del cuore.

bologna. 21 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

D’azzurro una mano

 

 

 

D’azzurro una mano

 

Più lento di viole l’imbrunire

quando inattesa
d’azzurro una mano
accendeva di —
stare
dietro ai tetti,
e
luna che ascende
indistinguibili
crinali a —
venire.

bologna. 19 – 20 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Di fremiti

 

 

 

Di fremiti

Di fremiti
la carne, parla per sé
………
       questa pelle      parola
       da vivere

San Michele in Bosco. 18 aprile 2016
 

 

 

IMG-20160418-08456
Angelo segna-vento sulla loggia dell’ingresso monumentale dell’Istituto Ortopedico Rizzoli
bologna, San Michele in Bosco. Aprile 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

 

 

 

Al cuore

 

 

 

Al cuore

Tumefatta la polpa
nel solco
che scava, al centro del petto
alla vista del cuore.

E tutto intorno alla ferita
si brecciano
pietre
s’incrostano alla pelle
— estinto il sangue
cauterizzate le vene
alla radice.

( in sogno ) 17 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Stasera

 

 

 

Stasera

Il segno a croce nei venti del cielo
ri-vela il punto esatto di luna.

Santo Stefano
bologna. 17 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Antichi borghi

 

 

 

Antichi borghi

Sparuti
agli Appennini sopra il livello del mare
dove
il silenzio di pietra
degli abbandoni
è abitato dei raggi di sole
e di rondini a primavera
            i morti nella casa,
            stanno impiccati
            come nell’isba la poetessa *
— desolato
lo stesso lago del cuore.

* Marina Ivanovna Cvetaeva

Grazie a Lisa. 15 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Scritto nell’aria – una nota

 

 

 

Scritto nell’aria – una nota

Scritto nell’aria è il gesto nel suo principiare di carne e sangue e miracoloso entusiasmo. Il tra-gitto fra i momenti diversi che precipitano il prender forma, intermittendo di continuo la volontà nel segno dei suoi divenire.

Accostate – così – tutte le vie possibili di un a-bandonare, che acconsente della forma non più della sua impronta assiepata nelle flagranze di tutti i suoi passare…

bologna. 15 aprile 2016

 

cliccare QUI per Scritto nell’aria

 

 

 

 

 

 

Scritto nell’aria

 

 

 

Scritto nell’aria

 

Ci sono luoghi-di-colore che non finiscono di trasmutare il segno dei loro divenire

accostati       abbandoni
acconsentono
l’impronta di un
passare
passato de –
flagrato

E ritornano
e in cerca
assiepando umidori e
solitudini
che non si coniugano
mai.

bologna. 11 aprile 2016

 

cliccare QUI per una nota

 

 

 

 

 

 

Piazza Santo Stefano

 

 

 

 

DSCF9579
Il mercatino dell’antiquariato, ogni seconda domenica del mese.
bologna, piazza Santo Stefano. Aprile 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

Piazza Santo Stefano

Nel deserto del tempo
sereno
appena un giorno di sole…

            d’improvviso la pietra
            al
            grido       scoppiato
            di un bambino

 

bologna. 10 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Il raggio

 

 

 

Il raggio

Stiletta l’uccello
il deserto del giorno di luce
con il raggio del canto.

a Francis Royo, poeta
1.11.1947 – 14.3.2016

 

 

cliccare QUI per un’eco dei versi su :
 

MOTS LIÉS

Slow Reading—Parcours de lectures

stiletta-l-uccello-il-deserto-letcr1-exp4

 

 

 

 

 

 

Fiabesco

 

 

 

Fiabesco

Fiabesco di luna
l’arpione all’infinità
         di
         essere
         stella.

bologna. 9 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Nell’umus

 

 

 

Nell’umus

E la trama
     a ruote
nell’
umus del cielo
stellato.

villaconvento di Lecce. Marzo 2016
 

 

 

DSCF8717
Fioriscono asfodeli nelle piane di Ade come nei giardini d’ulivo abbandonati.
montevergine di Arnesano (Lecce). Marzo 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

Cliccare QUI per l’articolo completo

 

 

 

 

 

 

Concerto di Pasqua

 

 

 

DSCF9464
Basilica di Sant’Antonio da Padova. bologna, aprile 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

Concerto di Pasqua

E
di ali un fremere
tutto
alla base del cuore
a-vicendarsi
di
stormi in volo       d’angeli
un tuffo al soffio inter —
rotto, palpitando
       e nella volta della notte
       misteriosa
       levatura in sogno
       di nembi che
       rischiarano
       fino ad estinguersi
       nel
       blu.

Bologna. 2 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Barbarico

 

 

Se la lingua nasce complessa già
e misteriosa
………….

 

 

 

DSCF8740
Dissodati
montevergine di Arnesano ( LE ). Marzo 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 
cliccare QUI per leggere di più
 

……. in lavorazione ……

 

 

 

 

 

 

Senza-vento

 

 

 

Senza-vento

 

In morte del poeta Francis Royo

 

Farsi stipite        al passaggio
del Senza-vento

bologna. 29 marzo 2016
 

 

Se faire chambranle
au passage
du Sans-Vent

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain
 

cliccare QUI per leggere di più

 

 

 

 

 

 

” Passare oltre … “

 

 

 

Ce n’es pas un esprit qui a fait les choses,

Antonin Artaud Artaud le Mômo

 

 

 

 

DSCF9352
La via stretta della passione
lecce, basilica di Santa Croce. Marzo 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

Cliccare QUI per l’articolo completo

 

 

 

 

 

 

La saldatura

 

 

 

La saldatura

Disertata —
      per quanto tempo, questa saldatura
      di crinali
      con la tavola d’ossa
      …….

Bologna. 25 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Disanima

 

 

 

Disanima

Uno spazzato vuoto
di vento
al cuore di
      niente-da-vedere
disanima
spettro di materia
in superficie
il risvolto alienato
da profondità
      — per il di-serto di tensione eretta
      nel desolato
      si evapora.

Lecce. 22 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Metamorfosi

 

 

 

Metamorfosi

Corpo di marosi
metamorfosa
il nome di maree
fumigando nel-mezzo-verticale
alle urgenze del vento

       batte-ndo
       la nera sempiterna
       baluardo di correnti.

Porto Badisco, in Terra d’Otranto. 21 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Di correnti

 

 

 

Di correnti

Imbiondisce la via
piumata
di sotto al livido        scosso di correnti

il mare nero

San Cataldo di Lecce. 21 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Un resto di gioia

 

 

 

Un resto di gioia

Resta di che sperare       ancora
sulle palmette nell’oro
alle cime dei fichi
      — un
      resto di gioia
      feconda.

Strada provinciale Lecce – San Pietro. 19 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Nella luce di piogge

 

 

 

Nella luce di piogge

Fra due clausure
di pietre
di
dolore
eucalipti sconfinano
( con le mezzelune
laminando in luce di
piogge
di vento )

                nell’in-cavo
                rimosso
                di terra sognante
                palude-scritta
                piumata
                di correnti.

Strada provinciale Lecce – San Cataldo. 16 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Fosforico

 

 

 

Fosforico

Di schianto
fosforico
sopra gli ulivi l’oscurità
imperversa
contro-corrente
impercettibili clamori
in lingua di foglia.

Salento 12 – 15 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Catarsi

 

 

 

Catarsi

Che mi avrebbero saldato il cammino a questo nido di Legioni celesti, per il tramite del danno irreparabile alla nascita nel sale e nella polpa . . .

bologna. 5 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

E le parole

 

 

 

E le parole

Spiaggiate
           derive
di
maree

all      asciutto
luminoso dei giorni.       Tempo

     ( e le parole nel volume s’immergono
       rifratte
       da costanti di correnti )

bologna. 3 – 4 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

L’altezza del cielo

 

 

 

L’altezza del cielo

L’altezza del cielo
sulla piazza
cancellano le ombre per metà e più

             del povero cristo
             gettato fra il portico e la strada
             la cantilena questuante non desta
             un moto del cuore
             tanto stanotte la Grazia
             ci manca.

bologna. 23 – 24 febbraio 2016
 

 

 

 

 

 

Primule

 

 

 

Primule

Nel cuore della notte
sotto un’ala gocciante
nel cielo
profumano primule
la via dell’Aperto.

bologna. 13 febbraio 2016
 

 

 

 

 

 

Intermezzo

 

 

 

Intermezzo

Affiorare alla schiuma del giorno
con il piede alle sparse correnti,
alla dimenticanza nel sorriso       solitaria
lontananza di affetti,
allattata di parola

Aria nuova che infiora di vento

La notte di stelle

bologna. 10 febbraio 2016
 

 

 

 

 

 

Zoé

 

 

 

Zoé

Rasoterra celeste
il richiamo
al selvatico eterno
dal profumo di un fiore.

bologna. 10 febbraio 2016
 

 

 

 

 

 

Luminare dai mondi

 

 

 

Luminare dai mondi

E nell’orecchio
l’oro germinale
di un azzurro

           ( i cori lontano
             del chiarore
             che fa il vento )

E luminare
dai mondi,
nel mezzo di fuochi.

bologna. 4 febbraio 2016
 

 

 

 

 

 

Santa Maria dei Servi

 

 

 

Santa Maria dei Servi

Limpida
minutamente tutta stellata
notte sì cara
da ricordare
           l’aria chiara e
           un tramonto di luna       lentissimo
           e
           terso.

bologna. 28 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Antenata

 

 

 

Antenata

Silente
       come un conflitto
       irresoluto e
       vivo
       e aspro di silenzi.

 
Hai infilato la mia porta
vibrando
la tua presenza
nel luogo in cui
non eri attesa
       e scompigliando
       l’interezza e
       l’oriente
       del canto.

bologna. 21 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Voi

 

 

 

Voi

Da quale accesso
risorti       per quale lungo viaggio
giungete
fino a noi,
le nostre vite
fermando con
lo stupore
di un
perché.

bologna. 21 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Mare blu

 

 

 

Mare blu

Nell’ondivago
mareblu       nel corpo vasto
misterioso e
certo      
leva il suo piede
lo scritto di corrente.

bologna. 19 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

16 gennaio

 

 

 

16 gennaio

per il giorno della mia nascita

 

E il non avere
luogo
da tutta la vita,
ma una vena di vento
rasoterra fra i verdi
che profuma di
Aperto
             e un frinire di notti
             di stelle
erano segni
certi
di poetica follia.

bologna. 15 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Negli occhi del dio

 

 

 

Negli occhi del dio

E lo stupore negli occhi
del dio
alla vista raggiante della notte stellata
……
Il cuore – quieto – comprende
la necessità
del suo nascondimento.

villa convento di Lecce. 9 gennaio 2016
 

 

 

 

 

D’inerzia

 

 

 

D’inerzia

Accumuli di bianco
senza vento
trapassano le ore       all’orizzonte
trattengono
riserve d’acqua
intorno,
                   alla deriva.

villa convento di Lecce. 9 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Sensuale

 

 

 

Sensuale

Eterne ricorrenze di marea      e
toccata da carne
la pietra,
di verdi tremuli
il vento, e di dolcezza
di rovi
odoroso lo spirito del frutto
per un’altra stagione.

torre della serpe, Terra d’Otranto. 8 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Secentesco

 

 

 

Secentesco

E come posa d’inverno la pietra
salmastra
angolare
di secoli manufatti
nell’imbrunire
di un’aria
di mare
……..
            solitaria
            architetta
            nel capriccio dei venti.

bologna. 25 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

A te

 

 

 

A te

A te ri – guarda
questo calare di luna che
ti avvicina
straniera creatura di questi luoghi
– tu, che hai
cessato
di pensare
la tua mortalità
disabitando
questo vascello intagliato di secoli.

bologna. 20 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Buon Natale

 

 

 

 

DSCF6841

 

 

 

Per tutti quanti camminiamo nel buio di una ferita che non rimargina mai, possa stanotte una Luce danzante diffondere il conforto della sua cura.

 

 

 

DSCF6880

 

 

bologna, Notte di Natale 2015 :

esterno, levare di luna sul quadriportico di Santa Maria dei Servi ;

interno, cattedrale di San Pietro, pala d’altare di Donato Creti, 1736. Particolare dello sfondo con la vista della città.

( cliccare sulle immagini per ingrandire )

 

 

 

 

 

 

Genealogia

 

 

 

Genealogia

“fino al tempo in cui spenta sarà la luna”

Grotta istoriata
d’ombre
al
posto del cuore

              Sul lastricato echeggia
              il battito dei passi
              e non si addentra
              al mistero
              una sola parola.

bologna. 17 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Al mattino

 

 

 

Al mattino

Al mattino
tastare la ferita
che segna
a due

E una gabbia di costole
      e
      vento

bologna. 17 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Da quale forma

 

 

 

Da quale forma

Da quale forma di membrature
affaccia questo volto,
da quale inclinazione
si levano lo
sguardo
la parola

bologna. 17 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Nell’eco di parola

 

 

 

Nell’eco di parola

Dimorare nello scomodo
anfratto di
voce senza,
a
questa venuta
sottomessa o …

Tentare il passo e
l’arida distanza
e un resto d’insonnia
nell’eco di parola.

bologna. 17 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Qualche cosa di vivo

 

 

 

Qualche cosa di vivo

Mi attraversa
di brividi

           Io so
qualche cosa di vivo
a innesto
mi coglie

Nell’ora senza più parole.

bologna. 17 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

E si ferrano le ore

 

 

 

E si ferrano le ore

L’inattingibile distanza che
ci separa
      le notti
      diverse

E si ferrano
le ore
del conflitto di vivere.

bologna. 14 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Del mattino

 

 

 

Del mattino

Il biancore del mattino
quando ancora non è vinto
nell’azzurro
nelle fibre del gelo.

bologna. 12 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Quando i visceri

 

 

 

Quando i visceri

Quando i visceri ascoltano
in – conoscibile
         luce
         nella stanza,
         al levarsi del giorno …

bologna. 12 dicembre 2015
 

 

 

 

Andare

 

 

 

Andare

Abbattere
dei giorni queste
mura di trame,
al dolore
richiudere la porta
sull’oscuro
e poi

        dis – togliersi da
        questa ricaduta
        tentare nuove desinenze
        non
        sedi – mentare
        andare         non seguire
        più.

bologna. 10 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

I pomeriggi di brume

 

 

 

 

 

DSCF6067
Monte Donato. bologna, novembre 2015
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

 

 

 

I pomeriggi di brume

I pomeriggi di brume
dei mattini sereni       chi li raccoglie
             al primo gelo d’inverno,
             chi se li porta
sulle braccia, fino all’espiro
d’azzurro fra
la terra e il cielo,
sopra le rime
di sogni dei rovi?

bologna. 30 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

Segreto

 

 

 

 

 

DSCF6055
Monte Donato. bologna, novembre 2015
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

 

 

 

Segreto

Nell’alitare segreto
e gelido
un tremolare di
foglie
non visto
dal vento.

Monte Donato. 29 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

Fra la città e la pietra

 

 

 

Fra la città e la pietra

Fra la città e
la pietra          sorpreso
        nella sera
                a veleggiare

bologna. 1 – 3 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Quale nome

 

 

 

Quale nome

Quale nome
per queste ombre di arance
e di rose
per questo lume di miele
e questo evo
secolare lentissimo
a declinare.

bologna. 1 – 3 dicembre 2015

 

 

Comment nommer

Comment nommer
ces ombres d’oranges
et de roses
ce rayon de miel
et ce vieil âge
déclinant
sans fin
~

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous
 

ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 

Non sono poeta

 

 

 

Non sono poeta

Non bastano i versi per fare una poesia,
come non basta la voce al canto

Saldata
all’incolto dei giorni
miracolosi
di esistere,
allo stupore gettato nel grido
della lingua dei padri        — che le madri non l’hanno.

bologna. 1 dicembre 2015