Una rosa

 

 

 

 

WP_20151122_15_07_12_Pro 3 copia
 

 

 

Una rosa

 

 

A — fiorare
dal cuore di silenzi
di
una rosa

          ri — membra
          petalo a
          petalo
          un a — mirare       segreto
          favoloso

borgo di San Petronio, Bologna. 9 novembre 2016
 

immagine da un originale di Pierre Soupir

 

 

 

 

 

 

μύθος

 

 

 

μύθος

 

 

La notte
la lingua
è nido di stupore
nell’orecchio

             senza nomi.

borgo di San Petronio, Bologna. 26 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 

Accesso di piogge

 

 

 

Accesso di piogge

Scricchio —
la e scintilla
procedendo nel luogo
la caduta di piogge

        dal silenzio di essere,
        pure dis-stare
        molto lontano
        da qui

bologna. 24 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

D’azzurro una mano

 

 

 

D’azzurro una mano

 

Più lento di viole l’imbrunire

quando inattesa
d’azzurro una mano
accendeva di —
stare
dietro ai tetti,
e
luna che ascende
indistinguibili
crinali a —
venire.

bologna. 19 – 20 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Scritto nell’aria – una nota

 

 

 

Scritto nell’aria – una nota

Scritto nell’aria è il gesto nel suo principiare di carne e sangue e miracoloso entusiasmo. Il tra-gitto fra i momenti diversi che precipitano il prender forma, intermittendo di continuo la volontà nel segno dei suoi divenire.

Accostate – così – tutte le vie possibili di un a-bandonare, che acconsente della forma non più della sua impronta assiepata nelle flagranze di tutti i suoi passare…

bologna. 15 aprile 2016

 

cliccare QUI per Scritto nell’aria

 

 

 

 

 

 

Scritto nell’aria

 

 

 

Scritto nell’aria

 

Ci sono luoghi-di-colore che non finiscono di trasmutare il segno dei loro divenire

accostati       abbandoni
acconsentono
l’impronta di un
passare
passato de –
flagrato

E ritornano
e in cerca
assiepando umidori e
solitudini
che non si coniugano
mai.

bologna. 11 aprile 2016

 

cliccare QUI per una nota

 

 

 

 

 

 

Luminare dai mondi

 

 

 

Luminare dai mondi

E nell’orecchio
l’oro germinale
di un azzurro

           ( i cori lontano
             del chiarore
             che fa il vento )

E luminare
dai mondi,
nel mezzo di fuochi.

bologna. 4 febbraio 2016
 

 

 

 

 

 

Santa Maria dei Servi

 

 

 

Santa Maria dei Servi

Limpida
minutamente tutta stellata
notte sì cara
da ricordare
           l’aria chiara e
           un tramonto di luna       lentissimo
           e
           terso.

bologna. 28 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Antenata

 

 

 

Antenata

Silente
       come un conflitto
       irresoluto e
       vivo
       e aspro di silenzi.

 
Hai infilato la mia porta
vibrando
la tua presenza
nel luogo in cui
non eri attesa
       e scompigliando
       l’interezza e
       l’oriente
       del canto.

bologna. 21 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Voi

 

 

 

Voi

Da quale accesso
risorti       per quale lungo viaggio
giungete
fino a noi,
le nostre vite
fermando con
lo stupore
di un
perché.

bologna. 21 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Mare blu

 

 

 

Mare blu

Nell’ondivago
mareblu       nel corpo vasto
misterioso e
certo      
leva il suo piede
lo scritto di corrente.

bologna. 19 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

16 gennaio

 

 

 

16 gennaio

per il giorno della mia nascita

 

E il non avere
luogo
da tutta la vita,
ma una vena di vento
rasoterra fra i verdi
che profuma di
Aperto
             e un frinire di notti
             di stelle
erano segni
certi
di poetica follia.

bologna. 15 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Negli occhi del dio

 

 

 

Negli occhi del dio

E lo stupore negli occhi
del dio
alla vista raggiante della notte stellata
……
Il cuore – quieto – comprende
la necessità
del suo nascondimento.

villa convento di Lecce. 9 gennaio 2016
 

 

 

 

 

D’inerzia

 

 

 

D’inerzia

Accumuli di bianco
senza vento
trapassano le ore       all’orizzonte
trattengono
riserve d’acqua
intorno,
                   alla deriva.

villa convento di Lecce. 9 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Sensuale

 

 

 

Sensuale

Eterne ricorrenze di marea      e
toccata da carne
la pietra,
di verdi tremuli
il vento, e di dolcezza
di rovi
odoroso lo spirito del frutto
per un’altra stagione.

torre della serpe, Terra d’Otranto. 8 gennaio 2016