Nell’alvo

      Nell’alvo Limo sognante sulla costa dei versi        dove palpebra chiusa        di fiume        riposa. spezia di Liguria. 7 aprile 2015            

Pubblicato in Luni

Dell’angelo

            Dell’angelo Tra vivere      morire nell’attrito in cui s’annunzia           levando. luni di Liguria. 6 aprile 2015            

Pubblicato in Luni

Nel punto esatto

            Nel punto esatto Nel punto esatto nella semioscurità l’urgenza del volo schiude la cifra del tempo e l’inerzia del Verbo muta in pura follia       grida di canto. bologna. 7 aprile 2015            

Limo dormiente

            Limo dormiente Limo dormiente alla deriva di parole, dove la palpebra       chiusa di fiume sopra l’acqua riposa. bologna. 7 aprile 2015            

Legni

            Legni Legni che trattengono alle correnti di sonno, di voci alle colline alle gole in cui si tuffa ripetuta notte dove un chiarore nell’oscura densità un vapore lunare appare scompare. Passo della Cisa. 3 aprile 2015            

Pubblicato in Luni

E poi

            E poi Affiora l’oscuro profondo e vasto di firmamento di sordità di parole. S’apre la morte      necessaria, senza Vento. bologna. 2 aprile 2015            

Appare

            Appare vomere discissorio nel cielo per suo stesso splendore Appare — ed è come se annunciasse bologna. 2 aprile 2015            

Radica nel blu

            Radica nel blu Radica nel blu di notte una ossatura siderale          così la luna, nel buio arato di Vento. bologna. 1 aprile 2015            

Di che colore

            Di che colore Di che colore il cielo delle sere a primavera? — Mediterraneo azzurro, come nell’aria il suono dei bronzi di campane. E quanto fonda la notte, quanto più nera e limpida l’oscurità. bologna. 30 marzo 2015         Crepuscolo bologna, piazza Galvani. Marzo 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire ) … Continue reading

Il tetto del mondo

            Il tetto del mondo Leva il tetto del mondo il merlo col canto        lo spazio in fuga attraverso. Silenzio di mattina presto bologna. 30 marzo 2015              

Sulle conche dei vivi

            Sulle conche dei vivi  Forre di oscurità blu sulle conche dei vivi       rimugina il buio quello che siamo noi, attaccato a questa linea di terra. Lontana e più viva, farà contorno di pelle l’aureola alla luna. Via Æmilia. 29 marzo 2015            

Levarsi

            Levarsi Levarsi nella ferita intatta del giorno nuovo fresco taglio d’innesto sotto l’azzurro del cielo tutto l’oro che appare bologna. 29 marzo 2015            

Giorno nuovo

            Giorno nuovo Il giorno nuovo mi ha sorpresa sui miei stivali neri, e nere spalle di piume una luce d’Oriente dardeggia lontananze … La memoria dei morti perduta bologna. 28 marzo 2015            

Piove quietamente

            Piove quietamente Piove quietamente sul nastro nero di sonno E neve a raffiche come valanga di stella                che apre Sentivo un dolore vago attorno al cuore come … bologna. 25 marzo 2015            

Affiorano

            Affiorano Affiorano i miei versi di parola come legni stellati sulle braccia del Vento. bologna. 23 marzo 2015            

Dopo l’eclissi

      ( in esergo )         Dopo l’eclissi Dopo lo spento di cenere che ha disanimato il fulgore d’azzurro nel cielo del giorno — il merlo come all’aurora ha lanciato il suo canto. bologna. 20 marzo 2015