Bianco

 

 

 

Bianco

 

 

Bianco        dipana
l’orecchio di
stupori

       silenzio

tempo
non è più,
       volume d’arie
       a —
       densa

borgo di San Petronio, bologna. 13 novembre 2016
 

 

 

 

 

 

Un verso di canto

 

 

 

Un verso di canto

 

 

Più sottile

     un verso di
     canto
     in queste mura d’assedio
     di
     niente.

borgo di San Petronio. 22 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 

Esposti

 

 

 

Esposti

 

 

Sbavature
nel tempo di
piogge discinte

         rigano greti riarsi
         senza fine
         il corso dei giorni.

borgo di San Petronio, Bologna. !4 – 15 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 

La notte giovane

 

 

 

La notte giovane

 

 

    E
            l’azzurra trasparenza nel clamore di una stella

del vento
la brillanza

Borgo di San Petronio, bologna. 28 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Selvatica

 

 

 

Selvatica

 

 

E l’oro di cicale
consuma ai bordi l’ora

nel cielo della sera
dove un deserto chiaro
un campo
un aperto di
nuvole
mosso di correnti        contorna
s — misurando
una vena selvatica
e
una costa d’eterno.

Borgo di San Petronio, bologna. 28 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Sogno di tenerezza

 

 

 

Sogno di tenerezza

 

 

Affidarmi
alle tue mani
madre
vorrei

      la più fonda nostalgia
      da tutta la vita
      sei tu
      sogno di tenerezza.

Orti di Santa Cristina, bologna. 20 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Denuncia

 

 

 

Denuncia

 

Denuncia
questa messe d’amaro
in bocca,
questo fumo che brucia nel polmoni

         questo nuocere al varco
         i puri di cuore.

bologna. 28 luglio 2016
 

 

 

 

 

Buia non è la notte

 

 

 

Buia non è la notte

 

 

Scontornato
il cuore

        trasale a ogni gemito nel cielo
che fa il vento

e
buia non è più la notte
quanto più scuro
e fondo
il male
nei pensieri dell’uomo.

Borgo di San Petronio, bologna. 28 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Rintocca

 

 

 

Rintocca

 

 

Una vena di
bronzi
e
la scaturigine d’arie
sonora.

Nella piazza Maggiore, bologna. 26 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Annidano

 

 

 

Annidano vapori

 

 

A —
nidano vapori
d’aria
e
acque
mutano il chiarore
      lento,
      nelle sere.

bologna. 25 – 26 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

E sul finire

 

 

 

E sul finire

 

 

Da dove schiude
l’aria chiara
e un levare lento
di sera
irragia di
perla
e di rose

      da dove origina lo strappo
      in cui
      scivola
      senza ostacoli — niente
      da fare,
      anche se tutto è incompiuto.

Borgo di San Petronio, bologna. 24 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Di baci

 

 

 

Di baci

 

 

Pianamente
piove
      e
      sono baci di foglia.

Borgo di San Petronio, bologna. 15 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Aedificandi

 

 

 

Aedificandi

 

 

Ondeggia
nell’oro di cicale
incrina di
senso
di parole        il cielo
vertigina.

Giardini Margherita, bologna. 18 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Turchino

 

 

 

Turchino

 

 

Turchino
un candore
             

                e il verso dell’ora che si consuma.

bologna. 22 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

D’altrove

 

 

 

D’altrove

 

 

Una dovizia
d’arie s’asperge
       luce mani —
festa compiutamente
d’altrove
       qui.

bologna. 17 – 22 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Di tenerezza

 

 

 

Di tenerezza

 

 

Dilettoso e piano
moderato
clama di gorgheggi
al nido,
       e
       più dolce arrota il sole
       in gola        soltanto
       per loro.

Borgo di San Petronio, bologna. 15 – 22 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Partiti

 

 

 

Partiti

 

 

Divisi al cielo      ed è rimasto
        il blu
incandescente
solo.

bologna. 17 – 22 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Bianco

 

 

 

Bianco

 

 

 

                          Per l’estensione del cielo

della nuvola di — panare
la durata        e
          uno schiarire
          di sonno.

bologna. 13 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

La mole

 

 

 

La mole

 

 

Con quanta leggerezza
nell’aria trasparente della sera
d’estate        la mole petroniana.

bologna. 12 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

I giorni di Grecale

 

 

 

I giorni di Grecale

 

 

Il silenzio del mattino si leva caldo e chiaro, e dai Giardini in lontananza che contornano il borgo versi di cicale rimano il sereno della maestà estiva. Dall’alba al tramonto consumano del cielo l’eternità di durare        

     e ne disperdono polveri
        e
           oro.

Borgo di San Petronio, bologna. 10 – 11 luglio 2016