Ottobre

 

 

 

Ottobre

  per Pierre Soupir

I merli nella sera       cantano
il primo freddo
l’inedito
le viole
che bagnano le
ombre       passo
a passo,
fra i muri di città.

bologna. 22 ottobre 2015
 

 

 

 

 

 

La nostalgia di durare

 

 

 

La nostalgia di durare

 

 

 

DSCF5443
 

 

 

Tutte le notti di secoli sono ancora là :

all’incrocio fra
l’arco e
la vela che slancia

          nell’orbitare segreto
          del cielo
          lunare

nostalgia di durare
del tempo
che fuga e
sfiorando
fino a noi …

bologna. 25 – 30 ottobre 2015

Cliccare QUI per la raccolta completa

In fotografia : Plenilunio 
Piazza Maggiore, bologna. Ottobre 2015
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

 

 

 

Al mosto delle sere

 

 

 

Al mosto delle sere

Al mosto delle sere
usciamo      

                   e sono petali di rose
                   e opali
                   di vapore
                   di luce che
                   muore.

bologna. 26 ottobre 2015
 

 

 

 

 

 

“Nel vuoto cielo dell’aurora”

 

 

 

Nel vuoto cielo dell’aurora

Cede
il silenzio
della notte sospinta
              nel battito d’ali      l’ombra
              – la prima.

 
              E azzurro un pigolare
              fessura
              l’eterno, e
              si leva
              di giorno e
              di voce s’azzurra
              inesauribile —      tempo.

bologna. 26 ottobre 2015
 

 

 

 

 

Un velabro di rose – NOTA

 

 

 

Un velabro di rose

Alla sera,
incontro al freddo
turchino        accende
               un velabro*
una durata di rose.

rosaturca

 

 

NOTA PER UN VELABRO

*velàbro, è parola scelta qui nel suo significato derivato da velo : copertura che vela, che sottrae l’oggetto velato allo sguardo, lieve strato che copre, avvolge e prolunga. Il termine non si trova più nella maggior parte dei vocabolari della lingua italiana – decaduto dall’uso e infine obliato nella nostra coltura della lingua. E tuttavia velabro non è lo stesso di velo. Non fosse altro per l’eco latina del nome, che ispira suggestioni di sacre velazioni nuziali di tradizione mediterranea ( greca e romana ). Ma rinviene anche lungo tutta la tradizione biblica, in cui si dice di veli che non smettono di nascondere – rivelando, spesso come nube di viva luce che adombra – trasfigurando.

……………

Cliccare QUI per l’articolo completo.

bologna. 2 – 13 ottobre 2015
 

 

 

 

 

 

Un velabro de rosas ( en español )

 

 

 

Un velabro de rosas ( en español )

Por la tarde, al
encuentro del frío
azul turquí        encende
               un velabro
una duración de rosas.

                                            rosaturca

Traduzione dall’italiano di Francesca Caggiano
 

Cliccare QUI per i versi in lingua originale

 

 

 

 

 

 

Il raggio

 

 

 

Il raggio

passato il
raggio
          l’inquietudine
          luminosa

da tutti i tempi richiama
la trasparenza sulla soglia

e nuovamente le cose
nel loro esatto colore.

bologna. 3 ottobre 2015
 

 

 

 

 

 

Questo arco di cielo

 

 

 

Questo arco di cielo

Che cosa passa
di qua
nell’oceano del tempo       per quale rotta
migra
la trasparenza notturna
della quercia,
del cipresso
più fondo d’ombra,
dello squarcio lunare
nella distanza
prossima
da questo arco di cielo.

Jerusalem Bononiensis. 26 settembre 2015
 

 

 

 

 

 

Nello spazioso e aperto

 

 

 

Nello spazioso

Nello spazioso
e aperto
fatto rado       nella scia di
questo sonno
di zolle       attende
                  il punto
un varco di foglia
e di piogge sulla foglia
da cui ricominciare.

       E fra due ali
       cantilena il verso
       il passaggio.

bologna. 1 ottobre 2015
 

 

 

 

 

 

Un velabro di rose

 

 

 

   Un velabro di rose

Alla sera,
incontro al freddo
turchino        accende
               un velabro
una durata di rose.

bologna. 28 settembre 2015
 

 

 

 

 

 

Contro-corrente

 

 

 

   Contro-corrente

Contro-corrente
in seno al cielo
conduce
 
                 come di petalo in
                 petalo
                 un dispiegare lento
 
Da quale luogo? questa vena
del giorno       fino agli estuari del cuore,
di origani
e viole
respiro accosto
ai fianchi del vento.

bologna. 28 settembre 2015
 

 

 

 

 

 

Mattino

 

 

 

   Mattino

Mattino
      di silenzi vegetali
di battito d’ali
senza canto.

bologna. 25 settembre 2015
 

 

 

 

 

 

Una minuta allegria

 

 

 

   Una minuta allegria

Schiudono i trilli
il vento
fra le piogge, nei primi nidi d’autunno.


               Ali screziate di cielo
una minuta allegria.

Vicolo Bolognetti. 24 settembre 2015
 

 

 

 

 

 

Una benedizione

 

 

 

   Una benedizione

Una benedizione di acque
rintocca sulla soglia
il coro delle piogge
discioglie
fiato di
zolla,
mentre il sogno del fiume
per il limo di greti 
scintilla.

bologna. 24 settembre 2015
 

 

 

 

 

 

Un cuore denso

 

 

 

   Un cuore denso

Un cuore denso      fonde alle
luci guardiane
dei cieli d’autunno
     

     ( città d’ombre
     e d’anima      brunita
     di antri
     di grotte in cui
     azzurro a trapezio il cielo
     s’annida )

bologna. 22 – 23 settembre 2015
 

 

 

 

 

 

Un’acqua di secoli

 

 

 

Un’acqua di secoli

Un’acqua di secoli stormisce nella pietra
Confusa agli stracci
Gli strumenti di tormento
Stanno gettati sulle braccia della croce
Come decori
L’azzurro fatuo prende un’aria ancestrale
Di piogge
Di Vento
Di arcano in questa sera
Nel levare di luna.

bologna. 5 – 6 settembre 2014
 

 

 

 

 

 

Verso dove

 

 

 

   Verso dove

Sono uscita sotto un cielo di cenere
E le teorie di ombre nascenti
Sotto gli archi di secoli       dimenticando
Verso dove

Si fondono arborei campanili
Alle mie spalle, membrature
Del buio
Nel sogno odoroso
Di erba regia

Non rispecchiano più
Dentro fiumi di sangue
Quante stelle.

bologna. 27 agosto 2014