La notte giovane

      La notte giovane         E             l’azzurra trasparenza nel clamore di una stella del vento la brillanza Borgo di San Petronio, bologna. 28 luglio 2016            

Selvatica

      Selvatica     E l’oro di cicale consuma ai bordi l’ora nel cielo della sera dove un deserto chiaro un campo un aperto di nuvole mosso di correnti        contorna s — misurando una vena selvatica e una costa d’eterno. Borgo di San Petronio, bologna. 28 luglio 2016            

Sogno di tenerezza

      Sogno di tenerezza     Affidarmi alle tue mani madre vorrei       la più fonda nostalgia       da tutta la vita       sei tu       sogno di tenerezza. Orti di Santa Cristina, bologna. 20 giugno 2016            

Denuncia

      Denuncia   Denuncia questa messe d’amaro in bocca, questo fumo che brucia nel polmoni          questo nuocere al varco          i puri di cuore. bologna. 28 luglio 2016          

Buia non è la notte

      Buia non è la notte     Scontornato il cuore         trasale a ogni gemito nel cielo che fa il vento e buia non è più la notte quanto più scuro e fondo il male nei pensieri dell’uomo. Borgo di San Petronio, bologna. 28 luglio 2016            

Rintocca

      Rintocca     Una vena di bronzi e la scaturigine d’arie sonora. Nella piazza Maggiore, bologna. 26 luglio 2016            

Annidano

      Annidano vapori     A — nidano vapori d’aria e acque mutano il chiarore       lento,       nelle sere. bologna. 25 – 26 luglio 2016            

E sul finire

      E sul finire     Da dove schiude l’aria chiara e un levare lento di sera irragia di perla e di rose       da dove origina lo strappo       in cui       scivola       senza ostacoli — niente       da fare,       anche se tutto … Continue reading

Di baci

      Di baci     Pianamente piove       e       sono baci di foglia. Borgo di San Petronio, bologna. 15 luglio 2016            

Aedificandi

      Aedificandi     Ondeggia nell’oro di cicale incrina di senso di parole        il cielo vertigina. Giardini Margherita, bologna. 18 luglio 2016            

Turchino

      Turchino     Turchino un candore                               e il verso dell’ora che si consuma. bologna. 22 luglio 2016            

D’altrove

      D’altrove     Una dovizia d’arie s’asperge        luce mani — festa compiutamente d’altrove        qui. bologna. 17 – 22 luglio 2016            

Di tenerezza

      Di tenerezza     Dilettoso e piano moderato clama di gorgheggi al nido,        e        più dolce arrota il sole        in gola        soltanto        per loro. Borgo di San Petronio, bologna. 15 – 22 luglio 2016            

Partiti

      Partiti     Divisi al cielo      ed è rimasto         il blu incandescente solo. bologna. 17 – 22 luglio 2016            

Surrounded by angels

      35. (Surrounding)     Delle atmosfere di demoni delle ascensioni       beate della gloria del buio del dolore del pianto…                                ( delle rivelazioni che portavano le antiche figure ha dissipato il gesto – l’incastro che faceva il tutelare assembrando di … Continue reading

Mattino muto

      Mattino muto                  Mattino muto con un vento leggero e illuminato. Senza voce. Ascolto, infinito. Luce impercettibile sale e bagna con il suo splendore         blu di cobalto il cielo. Borgo di San Petronio, bologna. 9 agosto 2007            

Bianco

      Bianco                                 Per l’estensione del cielo della nuvola di — panare la durata        e           uno schiarire           di sonno. bologna. 13 luglio 2016            

La mole

      La mole     Con quanta leggerezza nell’aria trasparente della sera d’estate        la mole petroniana. bologna. 12 luglio 2016            

I giorni di Grecale

      I giorni di Grecale     Il silenzio del mattino si leva caldo e chiaro, e dai Giardini in lontananza che contornano il borgo versi di cicale rimano il sereno della maestà estiva. Dall’alba al tramonto consumano del cielo l’eternità di durare              e ne disperdono polveri         e … Continue reading

Nel blu

      Nel blu     Batte il raggio contro il cielo il fuoco il tempo cola via. Borgo di San Petronio, bologna. 9 luglio 2016            

Albeggiare

      Albeggiare     S’intreccia vacillante di nidi ai versi di cicale. Borgo di San Petronio, bologna. 7 luglio 2016            

Sotto un cielo di stormi

      Sotto un cielo di stormi                 Senza suono caducità di vivere       eterna si rinnova e aggiunge un volo e una foglia. Vivaro de’ Pepoli, bologna. 7 luglio 2016            

Òros

      Òros     D’arance e di miele quest’ora        sopra la la zolla che ci addormenta In un letto di pietra. Jerusalem Bononiensis. 26 giugno 2016            

In — canto

      In — canto     Per quali nominare di chiarità in — canta l’aria      e      si fa eterno. Jerusalem Bononiensis. 26 giugno 2016            

Ave

      Ave     Sigillo di questa lingua un alitare angelico ricorre dai venti e sulle acque. Jerusalem Bononiensis. 26 giugno 2016          

Alate

      Alate   Orlate d’oro, a tratti pare che il sangue traspaia quasi        spumeggiando nell’inclinarsi          nel raggio          al tramonto. bologna. 25 giugno 2016            

Dello spazio

      Dello spazio Dis — tare del cielo fatto più prossimo nelle grida di rondoni fra le correnti. bologna. 25 giugno 2016     De l’espace ~ Le cri des martinets dans les courants nous rapproche d’être – du ciel ~ Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous ATELIER DE BRICOLAGE LITTÉRAIRE            

Dalle rose

      Dalle rose Dalle rose polveroso vespero a battito d’ali,            e        gridano i rondoni nel        tramonto        che muore. bologna. 23 giugno 2016            

Chopin

      Chopin     a L. Z. Brillano le note       in faccia al giorno sereno, di sotto la volta di pietra       più chiara dal tuo sorriso. Jerusalem Bononiensis. 22 giugno 2016            

Essere

      Essere        e — sere del silenzio l’attesa nel cielo bologna. 22 giugno 2016            

Nell’alvo

      Nell’alvo Limo sognante sulla costa dei versi        dove palpebra chiusa        di fiume        riposa. spezia di Liguria. 7 aprile 2015            

Pubblicato in Luni

Dell’angelo

            Dell’angelo Tra vivere      morire nell’attrito in cui s’annunzia           levando. luni di Liguria. 6 aprile 2015            

Pubblicato in Luni

Viene

      Viene     Dissigillata vastità del cielo immensa in quella del platano dischiusa. bologna. 15 giugno 2016            

Fuori

      Fuori                immensamente al desiderio alla sua eco. bologna. 15 giugno 2016            

L’uscita

IMG-20160319-08335

      L’uscita     Nella notte, dopo aver lambito un fiume per i suoi greti, dal mio destino ho raggiunto a piedi l’uscita. bologna. 13 giugno 2016   Dans la nuit, après avoir parcouru les gravières du fleuve, j’ai rallié à pied l’issue de mon destin Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous           Il … Continue reading

Un brano d’acque

      Un brano d’acque     a Pierre Soupir Dischiusa i — magine vede la fine intrasparenza dei mondi         apparire         qui. bologna. 12 giugno 2016            

Dai battiti

      Dai battiti     Quale sfogliare di derive dai battiti di bronzi nella mente del cielo bologna. 13 giugno 2016            

Dal desiderare

      Dal desiderare Nel corpo nero della notte come un vascello cavo di silenzi         e ricadute d’ardore alienano i flutti alla deriva. bologna. 10 giugno 2016            

Pubblicato in nidi

Deità

      Deità Sottile delicata fonte di voluttà di vivere eterno in questo lume d’aria        Infinito sorriso. statale 16, Puglia. 7 giugno 2016            

Meridiano

      Meridiano     Di quale inabissata nostalgia richiama il merlo da queste grotte di piogge nel cielo. bologna. 9 giugno 2016            

Il nome mio

      Il nome mio Come nel vento sulle messi la voce delle spighe       il nome mio       se mia madre lo chiama. villaconvento di Lecce. 7 giugno 2016            

Tragico

      Tragico Meridiana la deriva degli incolti di luce, di silenzio tragico punteggiato del ricordo di …che dolce festa faceva quando era vivo il sangue sulla pianura           e           sono campi di grano           e papaveri           in fiore. statale 101 … Continue reading

Sigillature

      Sigillature Azzurro        chiuso di vertigine il cielo al verdemare         Sigilla         di silenzi. torre dell’Orso. 6 giugno 2016            

Manifesto

      Manifesto Dileguare im — manente del mondo, per il deliquio chiaro nel fulgore panico meridiano del cielo        inattingibile        venire meno del cuore. san Lazzaro di Lecce. 4 giugno 2016            

Crepuscolo

      Crepuscolo Un volo sospeso di gabbiani           e il sigillo del mare all’altezza del cielo autostrada Adriatica. 31 maggio 2016            

Levature

      Levature Nella cesura verso la levatura del mondo e una stella che si vela di rose            Una foglia ha schiuso il filodendro come la palma aperta di una mano. Iridati annunci di luce a oriente appaiono nel cielo e svaniscono        e si ritrovano un po’ più in là, come a … Continue reading

Mattino

      Mattino Mattino di fiori viola Coronato di passeri           Bendato di un sogno d’acque il cielo villaconvento di Lecce. 1 giugno 2016            

Visitazioni

      Visitazioni      E s’incamminano piano        come battiti di ciglia sulla pagina di foglia           levare di pioggia bologna. 29 maggio 2016            

D’estate

      D’estate Per quale luminosa alchimia il culmine del fulgore rin — tocca questo dolore fondo e sordo innerva le nostre diserzioni al destino d’inestinguibile pianto. bologna. 28 maggio 2016            

La vena d’acque

      La vena d’acque Notturna        la vena d’acque tracima le correnti e       luce manifesta       di brividi la vita       al mondo. bologna. 27 – 28 maggio 2016            

Sereni

      Sereni Stratificate        velature informano il sereno     di quali     molteplici     di — stare. bologna. 26 maggio 2016            

Un richiamare

      Un richiamare                         E quando lo slancio è vinto nella polpa viva un richiamare        nell’aria tormenta di versi l’uscita. bologna. 18 maggio 2016            

Un’aria

      Un’aria Inter — detta superficie        fino a     toccare     a     espellere da me quest’aria di annunzio senza corpi    o        parole. bologna. 18 maggio 2016            

Aurale

      Aurale Tra — puntano la filatura d’azzurro e d’oro, la levatura d’acque del giorno e alla distanza notturna an — nidano di canti. bologna. 22 maggio 2016            

Del cielo

      Del cielo Schiarito il blu del cielo del tempo e vano immenso           nello spavento di certe giornate estive … bologna. 23 maggio 2016            

Inattese

      Inattese Piovono parole           cedono il passo le ombre della sera cadono petali di fiore       un ostensorio il viso. bologna. 23 maggio 2016            

Pubblicato in nidi

Rosa Mistica

      Rosa Mistica   all’accorato pensiero di Francis Royo          E piove a battiti di cuore        un’aria lieve rintoccava       ed era un’ala di rose al cupo suono dei bronzi        benedette siano le parole        miracolose        le parole        se … Continue reading

Di maggio

DSCF0352

    bologna, piazza Giosuè Carducci. Maggio 2016 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )       Di maggio Tra —    secolano i cieli    sulla bocca    nera    del tempo. bologna. 15 maggio 2016       En mai Stupé- faction des cieux sur la bouche noire du temps Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous ATELIER DE … Continue reading

Dis — orienti

      Dis — orienti     Dimenticata         per tutto il giorno         un velabro di luce         fu mancare-di-Lei e dis — orienti le ore mentre si stagliano di uccelli mortalità miracolose a-perdi-fiato nell’orecchio bologna. 9 – 13 maggio 2016            

Transiti

      Transiti Più solitaria la città, e le mura serbano l’ombra di transiti di meraviglie sotto la volta del cielo ……….. bologna. 8 – 13 maggio 2016            

Un’ala di rose

      Un’ala di rose             E piove a battiti di cuore e un’ala di rose rintoccava lieve al cupo suono dei bronzi. bologna. 30 aprile – 13 maggio 2016            

Tintinna il verso

      Tintinna il verso Tintinna il verso dai giardini nel cielo        incerta una luce bologna. 9 maggio 2016            

Pubblicato in nidi

Un levare

      Un levare Di petali un levare sul solco eroso della notte che si distende       e si fa lume       l’alveo        di quale schiuso sperare       senza oggetto       e lieve        così       lieve … bologna. 11 – 12 maggio 2016   … Continue reading

Pubblicato in nidi

Per un granello di terra

      Per un granello di terra Nessuna immagine trapassa dalla notte al giorno, dall’oscuro alla luce. Nient’altro se non questa mia voce sola che attinge da lontano — più lontano, più indietro nel tempo …fino alla scomparsa di memorie da evocare, fino al punto in cui l’indistinto è vinto di chiarezza da un granello di terra     … Continue reading

Per Ifigenia – il ritorno

gimp_dsf8852_proc_595

        Il ritorno di Ifigenia Sbendata la fronte, sopra di lei è nuovamente il cielo azzurro di smalto        sola        sopra l’altare       abbandonata tutto intorno la terra di pietra di fiori bianchi, riarsa e incolta. Nell’aria chiara sembra disciolto al sole forse il sogno di schiere di guerrieri in … Continue reading

Per Ifigenia – di segni e vaticini

IMG-20140723-04645

    Di segni e vaticini       baia dei Turchi, Terra d’Otranto. Luglio 2014 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )       Di segni stupisce, e vaticini nel manto animale dardeggiato di spasimi        puntellato dalle sparizioni ………         cauterizza         di luce la parola bologna. 6 – 10 maggio … Continue reading

Per Ifigenia – il nome

      Ifi-genia   Alla terra mortale         a tutto quanto è miracolosamente vivo la kore immolata, la figlia all’altare per sempre distolta nello sguardo di madre             Ifi                  genia             Ifi                 … Continue reading

Verso dove

      Verso dove Verso dove        questi cammini nell’atmosfera di quale natura elementare che si respira        madreselva che non appare        se non a — traverso bologna. 29 aprile 2016            

Di segni

      Di segni Nell’abbondanza di segni d’avvenire, d’incavi nell’aria alle proprie mani       di orizzonti             di vissuto             in sogno             ……. ( in sogno ) 30 aprile 2016            

Del canto

      Del canto               Ovunque annidano di neve sulle tracce del verso, assiepano biancori fino all’altezza del canto di uccelli alto         tanto da echeggiare senz’alcuna visione. bologna. 29 aprile 2016            

Nel tempo

      Nel tempo Di rosalattea l’avanzata della sera       e un resto di canti       nel crepuscolo       sbriciolano        l’o        ra. bologna. 28 aprile 2016            

Come l’onda

DSCF0017

      Come l’onda             Come le fredde sere di questi giorni di primavera come l’onda che si ritira al mare      io raccolgo a caso i miei passi e la vertigine. bologna. 26 – 28 aprile 2016       Il velo delle sere sui marmi di San Petronio. bologna, aprile 2016 … Continue reading

” La resistenza e la sua luce “

      La resistenza e la sua luce Così giunsi ai giorni della Resistenza senza saperne nulla se non lo stile: fu stile tutta luce, memorabile coscienza di sole. Non poté mai sfiorire, neanche per un istante, neanche quando l’Europa tremò nella più morta vigilia. Fuggimmo con le masserizie su un carro da Casarsa a un villaggio perduto tra … Continue reading

Resistenza e “desistenza”

Calamandrei_HQ

          Piero Calamandrei     … I morti della Resistenza vollero essere, credettero di essere, le avanguardie di una nuova classe dirigente, pulita e onesta, fatta di popolo, destinata a prendere il posto di tutti i profittatori e di tutti i corruttori. Quei morti furono la testimonianza e la promessa di un autogoverno popolare in formazione … Continue reading

Accesso di piogge

      Accesso di piogge Scricchio — la e scintilla procedendo nel luogo la caduta di piogge         dal silenzio di essere,         pure dis-stare         molto lontano         da qui bologna. 24 aprile 2016            

Modlov_sabes que me voy

DSCF9995

        bologna, via Castiglione. Aprile 2016 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )     Bologna, sabes que me voy para echarte de menos Modlov   Bologna, sappi che vado via per sentirti mancare di più     bologna, la torre degli Asinelli di scorcio in via Castiglione Aprile 2016 ( cliccare sull’immagine per ingrandire ) bologna. 22 … Continue reading

Dissigillare

      Dissigillare Dis — sigillare il fuoco e il ferro dov’era il solco del cuore impresso a vivo nella pelle nuda       tra-durre umide          zolle          sul calcinato          di croste. bologna. 22 aprile 2016     Désceller Dé-sceller le feu et le fer au sillon du coœur … Continue reading

Vita mia

      Vita mia   Degli uccelli dell’aria il richiamo dei canti, dalla finestra aperta nel silenzio della stanza nel giorno alto nel cielo sul cortile e batti-cuore in gola e mi ricordo, e sotto-pelle a pietrisco ferita       contro-natura breccia all’assedio del cuore. bologna. 21 aprile 2016            

D’azzurro una mano

      D’azzurro una mano   Più lento di viole l’imbrunire quando inattesa d’azzurro una mano accendeva di — stare dietro ai tetti, e luna che ascende indistinguibili crinali a — venire. bologna. 19 – 20 aprile 2016            

Di fremiti

IMG-20160418-08456

      Di fremiti Di fremiti la carne, parla per sé ………        questa pelle      parola        da vivere San Michele in Bosco. 18 aprile 2016       Angelo segna-vento sulla loggia dell’ingresso monumentale dell’Istituto Ortopedico Rizzoli bologna, San Michele in Bosco. Aprile 2016 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )     … Continue reading

Al cuore

      Al cuore Tumefatta la polpa nel solco che scava, al centro del petto alla vista del cuore. E tutto intorno alla ferita si brecciano pietre s’incrostano alla pelle — estinto il sangue cauterizzate le vene alla radice. ( in sogno ) 17 aprile 2016            

Antichi borghi

      Antichi borghi Sparuti agli Appennini sopra il livello del mare dove il silenzio di pietra degli abbandoni è abitato dei raggi di sole e di rondini a primavera             i morti nella casa,             stanno impiccati             come nell’isba la poetessa * … Continue reading

Scritto nell’aria – una nota

      Scritto nell’aria – una nota Scritto nell’aria è il gesto nel suo principiare di carne e sangue e miracoloso entusiasmo. Il tra-gitto fra i momenti diversi che precipitano il prender forma, intermittendo di continuo la volontà nel segno dei suoi divenire. Accostate – così – tutte le vie possibili di un a-bandonare, che acconsente della forma non … Continue reading

Scritto nell’aria

      Scritto nell’aria   Ci sono luoghi-di-colore che non finiscono di trasmutare il segno dei loro divenire accostati       abbandoni acconsentono l’impronta di un passare passato de – flagrato E ritornano e in cerca assiepando umidori e solitudini che non si coniugano mai. bologna. 11 aprile 2016   cliccare QUI per una nota       … Continue reading

Nuda luce

      Nuda luce          e la nuda infinità con la pietra nella sera. bologna. 11 aprile 2016     Nudité de la lumière         et l’infinité nue contre la pierre dans le soir ~ Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous ATELIER DE BRICOLAGE LITTÉRAIRE            

Piazza Santo Stefano

DSCF9579

        Il mercatino dell’antiquariato, ogni seconda domenica del mese. bologna, piazza Santo Stefano. Aprile 2016 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )       Piazza Santo Stefano Nel deserto del tempo sereno appena un giorno di sole…             d’improvviso la pietra             al         … Continue reading

Il raggio

stiletta-l-uccello-il-deserto-letcr1-exp4

      Il raggio Stiletta l’uccello il deserto del giorno di luce con il raggio del canto. a Francis Royo, poeta 1.11.1947 – 14.3.2016     cliccare QUI per un’eco dei versi su :   MOTS LIÉS Slow Reading—Parcours de lectures            

Fiabesco

      Fiabesco Fiabesco di luna l’arpione all’infinità          di          essere          stella. bologna. 9 aprile 2016            

Nell’umus

DSCF8717

      Nell’umus E la trama      a ruote nell’ umus del cielo stellato. villaconvento di Lecce. Marzo 2016       Fioriscono asfodeli nelle piane di Ade come nei giardini d’ulivo abbandonati. montevergine di Arnesano (Lecce). Marzo 2016 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )     Cliccare QUI per l’articolo completo            

Concerto di Pasqua

DSCF9464

      Basilica di Sant’Antonio da Padova. bologna, aprile 2016 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )       Concerto di Pasqua E di ali un fremere tutto alla base del cuore a-vicendarsi di stormi in volo       d’angeli un tuffo al soffio inter — rotto, palpitando        e nella volta della notte     … Continue reading

Barbarico

DSCF8740

    Se la lingua nasce complessa già e misteriosa ………….       Dissodati montevergine di Arnesano ( LE ). Marzo 2016 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )   cliccare QUI per leggere di più   ……. in lavorazione ……            

Je m’arrête

      Je m’arrête… « Rivengo in te       — nei tuoi passi       se vuoi »                 il Tupperware                 e la grattugia                 arancioni, bagaglio del viaggio. Puliti,             … Continue reading

Pubblicato in nidi

Senza-vento

      Senza-vento   In morte del poeta Francis Royo   Farsi stipite        al passaggio del Senza-vento bologna. 29 marzo 2016     Se faire chambranle au passage du Sans-Vent Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain   cliccare QUI per leggere di più            

” Passare oltre … “

DSCF9352

      Ce n’es pas un esprit qui a fait les choses, Antonin Artaud Artaud le Mômo         La via stretta della passione lecce, basilica di Santa Croce. Marzo 2016 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )   Cliccare QUI per l’articolo completo            

La saldatura

      La saldatura Disertata —       per quanto tempo, questa saldatura       di crinali       con la tavola d’ossa       ……. Bologna. 25 marzo 2016            

Disanima

      Disanima Uno spazzato vuoto di vento al cuore di       niente-da-vedere disanima spettro di materia in superficie il risvolto alienato da profondità       — per il di-serto di tensione eretta       nel desolato       si evapora. Lecce. 22 marzo 2016            

Metamorfosi

      Metamorfosi Corpo di marosi metamorfosa il nome di maree fumigando nel-mezzo-verticale alle urgenze del vento        batte-ndo        la nera sempiterna        baluardo di correnti. Porto Badisco, in Terra d’Otranto. 21 marzo 2016            

Di correnti

      Di correnti Imbiondisce la via piumata di sotto al livido        scosso di correnti il mare nero San Cataldo di Lecce. 21 marzo 2016            

Semplice

      Semplice Talvolta, l’azzurro sereno contorna un verde prato d’incolti. Strada provinciale Lecce – Frigole. 19 marzo 2016     ~ Parfois, le bleu serein enlumine un pré vert en jachère. ~ Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous   ATELIER DE BRICOLAGE LITTÉRAIRE            

Un resto di gioia

      Un resto di gioia Resta di che sperare       ancora sulle palmette nell’oro alle cime dei fichi       — un       resto di gioia       feconda. Strada provinciale Lecce – San Pietro. 19 marzo 2016            

Minuendo

      je diminue. — Pierre Soupir     minuendo nel numero       estinguersi poco di fuoco         — perire       minuto Villaconvento di Lecce. 16 marzo 2016            

Aedificandi

      Aedificandi Non abbiamo edificato cattedrali                   — ci siamo fusi                   via       lucente,                   colmando le mancanze del de-siderare.                   E senza resti, … Continue reading

Pubblicato in nidi

Essudato

      Essudato Essudato corpuscolare da cieli in-colore       Sen        za      tempo Villaconvento di Lecce. 14 – 15 marzo 2016     ~ suintement corpusculaire du ciel in-colore in- temporel ~ Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous   ATELIER DE BRICOLAGE LITTÉRAIRE            

Fosforico

      Fosforico Di schianto fosforico sopra gli ulivi l’oscurità imperversa contro-corrente impercettibili clamori in lingua di foglia. Salento 12 – 15 marzo 2016            

Catarsi

      Catarsi Che mi avrebbero saldato il cammino a questo nido di Legioni celesti, per il tramite del danno irreparabile alla nascita nel sale e nella polpa . . . bologna. 5 marzo 2016            

E le parole

      E le parole Spiaggiate            derive di maree all      asciutto luminoso dei giorni.       Tempo      ( e le parole nel volume s’immergono        rifratte        da costanti di correnti ) bologna. 3 – 4 marzo 2016            

Ultimo stupore

      Ultimo stupore Se ne vanno di baci sulla bocca dei vivi       forgiando del morire la distanza, ultimo stupore. bologna. 1 marzo 2016            

La sua voce

      La sua voce Coniugare nella notte la sua voce con la stella bologna. 24 – 25 febbraio 2016     ~ Conjuguer dans la nuit ta voix et l’étoile ~ Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous   ATELIER DE BRICOLAGE LITTÉRAIRE            

CONTREPOINT – Janvier 2016

formatpied

  Francis Royo  les mots Claudine Sales  les couleurs Traduzione dal francese rosaturca     CP 84 – 7 JANVIER 2016 “ tu tisses comme feuilles en hiver une flamme confondante et glacée d’un chagrin une mémoire ”         tu, tessi come foglie in inverno una fiamma che confonde     ghiacciata di uno zigrino un ra- … Continue reading

Primule

      Primule Nel cuore della notte sotto un’ala gocciante nel cielo profumano primule la via dell’Aperto. bologna. 13 febbraio 2016            

Intermezzo

      Intermezzo Affiorare alla schiuma del giorno con il piede alle sparse correnti, alla dimenticanza nel sorriso       solitaria lontananza di affetti, allattata di parola Aria nuova che infiora di vento La notte di stelle bologna. 10 febbraio 2016            

Zoé

      Zoé Rasoterra celeste il richiamo al selvatico eterno dal profumo di un fiore. bologna. 10 febbraio 2016            

Alga di vento

      Alga di vento Nel palmo della mano  un’alga di vento  sta sbriciolando, che non ha più radice il mare. bologna. 9 febbraio 2016     ~ dans la paume de la main une algue de vent se désagrège la mer n’a plus de racines ~ Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous   ATELIER DE BRICOLAGE LITTÉRAIRE   … Continue reading

In quiete

      In quiete In potenza raccolta nel gemmare segreto dal sonno di bocciole            ………….            nella forza del pugno            scettrato            di una pigna            di fiori. bologna. 6 febbraio 2016           … Continue reading

Le nevi di febbraio

      Le nevi di febbraio Le nevi di febbraio calcinando di gelo imbiancano di silenzi un’altra vita ( una madre piccolina   riverbera nel buio   cosmi solitari da condurre   nella mano ) bologna. 5 febbraio 2016          

Augurale

      Augurale In questo fuoco di luce augurale che apre il tempo      l’azzurro allo sconfino. bologna. 4 febbraio 2016     en ce feu de lumière présage du temps ouvert       de l’azur illimité Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous   ATELIER DE BRICOLAGE LITTÉRAIRE            

Luminare dai mondi

      Luminare dai mondi E nell’orecchio l’oro germinale di un azzurro            ( i cori lontano              del chiarore              che fa il vento ) E luminare dai mondi, nel mezzo di fuochi. bologna. 4 febbraio 2016            

A due voci

      Un chiarore per se stesso In qualche istante la nebbia ha avuto ragione su di noi, sulle nostre vite luccicanti e prive di splendore. Un corpo di chiarore per se stesso, ha occupato tutta l’aria e le distanze un dipanare di sogno, e la pietra manufatta e il suo detto solitario nuovamente si confidano nell’occhio restituito d’improvviso … Continue reading

Un lungo sonno

      Un lungo sonno Fuoco di braci che disseccano, ardendo fino all’osso — dormire sul ferro e cemento che gravano e sfiancano finché il sogno di piogge nell’orecchio affranchi questo sforzo di ri-salita contro corrente al primo sbocco della vita. bologna. 30 gennaio 2016            

Santa Maria dei Servi

      Santa Maria dei Servi Limpida minutamente tutta stellata notte sì cara da ricordare            l’aria chiara e            un tramonto di luna       lentissimo            e            terso. bologna. 28 gennaio 2016            

Promesse de neige – Hervé Chesnais

      perché l’infanzia non ha mai fine …   I bambini aspettavano la neve. I bambini non hanno pazienza. Gridavano per crepare le nuvole, disegnando sui loro quaderni dei cannoni puntati verso il cielo basso, facevano cerchio nel cortile, come pagani sotto gli alberi spogli con tutte le loro forze sfidando l’equilibrio delle nuvole………. Hervé Chesnais Traduzione dal … Continue reading

Sul margine

      Ogni volta tra — durre      e poi Dimentica e nuovamente tornare sui miei passi le sue immagini — le sue ? Le mie parole. Il testo, la marea del corpo che forma questa voce. sempre là che riecheggia la sua attesa, e innestato alla mia lingua a colpi di incisioni. Illeggibile questa teoria di pelle e … Continue reading

Ma vie au village – Serge Marcel Roche

calao-crâne

            Episodio 31 I nibbi girano il cemento del cielo, le grida sono più lucide, il rumore della città in alto crepita nell’orecchio. Occorrerebbe che il corpo non fosse così stanco. Si vede talvolta un occhio in una parvenza di blu che ci guarda, una scoria di nuvola prima che si dissolva. « Ah, mais n’oubliez … Continue reading

Silentium

      Silentium Anche il silenzio dorato nell’interstizio colato di Luce. bologna. 25 gennaio 2016     ~ Et le silence doré dans l’interstice où suinte La lumière ~ Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous   ATELIER DE BRICOLAGE LITTÉRAIRE            

Antenata

      Antenata Silente        come un conflitto        irresoluto e        vivo        e aspro di silenzi.   Hai infilato la mia porta vibrando la tua presenza nel luogo in cui non eri attesa        e scompigliando        l’interezza e        l’oriente     … Continue reading

Voi

      Voi Da quale accesso risorti       per quale lungo viaggio giungete fino a noi, le nostre vite fermando con lo stupore di un perché. bologna. 21 gennaio 2016            

Mare blu

      Mare blu Nell’ondivago mareblu       nel corpo vasto misterioso e certo       leva il suo piede lo scritto di corrente. bologna. 19 gennaio 2016            

16 gennaio

      16 gennaio per il giorno della mia nascita   E il non avere luogo da tutta la vita, ma una vena di vento rasoterra fra i verdi che profuma di Aperto              e un frinire di notti              di stelle erano segni certi di poetica follia. bologna. … Continue reading

Ai bordi della notte

      Ai bordi della notte E ancora tutta una migrazione di stelle e il passaggio di un’ala senza verso ….. villa convento di Lecce. 9 gennaio 2016     Puis tout un exode d’étoiles et le passage d’une aile sans envers aux bords de la nuit Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous   ATELIER DE BRICOLAGE LITTÉRAIRE   … Continue reading

Nelle valve

      Nelle valve Nelle valve fluttuanti fra notturno e marea, toccata d’acque la carne nell’interregno      sonora e muta ri – fonda        si        posa        ….. bologna. 14 gennaio 2016            

Negli occhi del dio

      Negli occhi del dio E lo stupore negli occhi del dio alla vista raggiante della notte stellata …… Il cuore – quieto – comprende la necessità del suo nascondimento. villa convento di Lecce. 9 gennaio 2016          

D’inerzia

      D’inerzia Accumuli di bianco senza vento trapassano le ore       all’orizzonte trattengono riserve d’acqua intorno,                    alla deriva. villa convento di Lecce. 9 gennaio 2016            

Sensuale

      Sensuale Eterne ricorrenze di marea      e toccata da carne la pietra, di verdi tremuli il vento, e di dolcezza di rovi odoroso lo spirito del frutto per un’altra stagione. torre della serpe, Terra d’Otranto. 8 gennaio 2016            

Secentesco

      Secentesco E come posa d’inverno la pietra salmastra angolare di secoli manufatti nell’imbrunire di un’aria di mare ……..             solitaria             architetta             nel capriccio dei venti. bologna. 25 dicembre 2015            

A te

      A te A te ri – guarda questo calare di luna che ti avvicina straniera creatura di questi luoghi – tu, che hai cessato di pensare la tua mortalità disabitando questo vascello intagliato di secoli. bologna. 20 dicembre 2015            

Buon Natale

DSCF6880

              Per tutti quanti camminiamo nel buio di una ferita che non rimargina mai, possa stanotte una Luce danzante diffondere il conforto della sua cura.           bologna, Notte di Natale 2015 : esterno, levare di luna sul quadriportico di Santa Maria dei Servi ; interno, cattedrale di San Pietro, pala … Continue reading

Genealogia

      Genealogia “fino al tempo in cui spenta sarà la luna” Grotta istoriata d’ombre al posto del cuore               Sul lastricato echeggia               il battito dei passi               e non si addentra               al … Continue reading

Al mattino

      Al mattino Al mattino tastare la ferita che segna a due E una gabbia di costole       e       vento bologna. 17 dicembre 2015            

Da quale forma

      Da quale forma Da quale forma di membrature affaccia questo volto, da quale inclinazione si levano lo sguardo la parola … bologna. 17 dicembre 2015            

Nell’eco di parola

      Nell’eco di parola Dimorare nello scomodo anfratto di voce senza, a questa venuta sottomessa o … Tentare il passo e l’arida distanza e un resto d’insonnia nell’eco di parola. bologna. 17 dicembre 2015            

Qualche cosa di vivo

      Qualche cosa di vivo Mi attraversa di brividi            Io so qualche cosa di vivo a innesto mi coglie Nell’ora senza più parole. bologna. 17 dicembre 2015            

Verdeggiare

      Verdeggiare Nella notte solitaria nell’autunno di viole muove di primavera il sogno di un — Tu, a verdeggiare. bologna. 16 dicembre 2015            

Pubblicato in nidi

Un fiore

      Un fiore Il deserto        lo attraversa con un fiore tra le mani          porta un sigillo nelle mani           – è           come un fiore   bologna. 16 dicembre 2015            

Pubblicato in nidi

E si ferrano le ore

      E si ferrano le ore L’inattingibile distanza che ci separa       le notti       diverse E si ferrano le ore del conflitto di vivere. bologna. 14 dicembre 2015            

Del mattino

      Del mattino Il biancore del mattino quando ancora non è vinto nell’azzurro nelle fibre del gelo. bologna. 12 dicembre 2015            

Quando i visceri

      Quando i visceri Quando i visceri ascoltano in – conoscibile          luce          nella stanza,          al levarsi del giorno … bologna. 12 dicembre 2015        

Nell’orecchio

      Nell’orecchio Dilaga la montagna nell’orecchio della notte        fluttua silenziosa sulla pianura. bologna. 11 dicembre 2015     ~ inondant l’oreille de la nuit la montagne       flotte silencieuse sur la plaine ~ Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous   ATELIER DE BRICOLAGE LITTÉRAIRE            

Andare

      Andare Abbattere dei giorni queste mura di trame, al dolore richiudere la porta sull’oscuro e poi         dis – togliersi da         questa ricaduta         tentare nuove desinenze         non         sedi – mentare         andare       … Continue reading

Per immagini sole

DSCF6302

      Per immagini sole       Teresa Muratori, Il miracolo di San Mauro (1661-1708) Chiesa del Crocefisso, complesso di Santo Stefano. Dicembre 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )   Prima della caduta.   cliccare QUI per l’articolo completo Jerusalem Bononiensis, questa sera. Dicembre 2015            

I pomeriggi di brume

DSCF6067

          Monte Donato. bologna, novembre 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )         I pomeriggi di brume I pomeriggi di brume dei mattini sereni       chi li raccoglie              al primo gelo d’inverno,              chi se li porta sulle braccia, fino … Continue reading

Segreto

DSCF6055

          Monte Donato. bologna, novembre 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )         Segreto Nell’alitare segreto e gelido un tremolare di foglie non visto dal vento. Monte Donato. 29 novembre 2015            

Un’altra volta, per sempre

      Un’altra volta, per sempre E le minute trasparenze tra i rami della sera, fra l’ultimo dei verdi e il più pallido      oro,      trasale il ricordo di quando tutto questo fu un’altra volta, per sempre — la prima. bologna. 1 dicembre 2015            

Fra la città e la pietra

      Fra la città e la pietra Fra la città e la pietra          sorpreso         nella sera                 a veleggiare bologna. 1 – 3 dicembre 2015            

Quale nome

      Quale nome Quale nome per queste ombre di arance e di rose per questo lume di miele e questo evo secolare lentissimo a declinare. bologna. 1 – 3 dicembre 2015     Comment nommer Comment nommer ces ombres d’oranges et de roses ce rayon de miel et ce vieil âge déclinant sans fin ~ Traduzione dall’italiano di … Continue reading

Non sono poeta

      Non sono poeta Non bastano i versi per fare una poesia, come non basta la voce al canto Saldata all’incolto dei giorni miracolosi di esistere, allo stupore gettato nel grido della lingua dei padri        — che le madri non l’hanno. bologna. 1 dicembre 2015            

Questi giorni

      Questi giorni Questi giorni                    per quale forma? Al ri-paro delle parole del mondo lavora la notte la sua vigna. bologna. 3 dicembre 2015            

Disincagliarsi

      Disincagliarsi Disincagliarsi i fianchi dalla vena sonnambula in cui corrente               la vita si                       cede. bologna. 29 novembre 2015            

Scismi

      Scismi Benedetti scismi di sonno          scambiano il tempo e questa carne con una svista d’eterno. bologna. 27 – 29 novembre 2015            

E poi dormire

      E poi dormire E poi dormire in questo resto di niente. bologna. 27 novembre 2015     ~ ensuite dormir dans ce restant du rien ~ Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous   ATELIER DE BRICOLAGE LITTÉRAIRE            

Come nidi

      Come nidi Le tue mani nella notte come nidi che sospingono le ombre       assiepano le foglie misteriosi lucori e battiti sospesi ad albeggiare. bologna. 27 novembre 2015            

Carioso

      Carioso Addentro il lato carioso del vento sulla pietra, nell’ossidato di una memoria di cisti fra l’organico e il tempo nella vecchiezza disertata dall’amore nell’abbandono nel fango che del limo corrente non porta il sogno ma la dolcezza che gela. bologna. 26 novembre 2015            

Versi comuni

      Versi comuni Il vuoto s’è fatto orecchio, il cielo s’è dispiegato — il tempo senza un battito d’ali, senza eco o un lamento — senza volere una marea di versi comuni nella gola. bologna. 22 – 24 novembre 2015            

Così l’oscurità

      Così l’oscurità Come del tempo la risacca s’arresta        e là, dove s’accumula, volenterose mani accorrano a dipanare                     così, l’oscurità. Monte Donato di bologna. 22 novembre 2015            

In anticipo

      In anticipo In anticipo sul giorno           brano a           brano spiava nell’azzurro l’aurea alchimia. bologna. 22 – 23 novembre 2015            

La forma

      La forma Soffio lento di fiato sul battito regolare        aderisce        la forma e        s’annida        al suo confino. bologna. 21 novembre 2015          

Non semina Demetra

      Non semina Demetra                non semina Demetra                ha scelto                di non più generare. Come ogni donna dal dolore può rinunciare a mettere al mondo vita. bologna. 18 novembre 2015            

Visitazione

Gimp1.DSCF2979

      Visitazione             Passa l’angelo e rintocca alla mia porta                    leggerissimo,                           la stanza ne rimbomba E’ nell’attesa del vuoto di parola che il suo silenzio si rivolge a me. bologna. 8 dicembre … Continue reading

La tavola d’ossa

      La tavola d’ossa Sulla tavola d’ossa srotolo le spirali del Movimento, fra pelle e smeraldo. bologna. 14 novembre 2013            

Carne sognante

      Carne sognante Carne sognante       oppure corpo del testo in una lingua sconosciuta e remota                 di fasci           e di sangue,           Tu stai Dipanare lentamente, ogni mattino la fine tessitura. bologna. 4 giugno 2013           … Continue reading

L’arresto

      “Et le ruisseau obscur essuie ses lèvres molles à peine décollées”                                                                    Pierre Reverdy      L’arresto Questi polsi che pesano al mattino, questa mancanza … Continue reading

Parti di me

      Parti di me Solitarie Parti di me Giacciono Addormentate Posso vederle : l’una Dall’altra Separate. Come per un magnete nel sonno Che le attrae, Così ogni sostanza s’ancora Senziente Nella profondità. bologna. Settembre 2012            

Terra

bologna. Settembre 2012.

      Terra       Crepuscolo d’autunno. Piazza Maggiore, bologna Settembre 2012 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )       Terra di cui è fatta anche la carne si assesta, nel silenzio – tempo del riposo – nell’intimo lucore delle membra        si addensa        e si fa        forza, e slancio. … Continue reading

Una più misteriosa lingua

DSCF5714

      Una più misteriosa lingua       ( cliccare sull’immagine per ingrandire )       Asciugata dal vento non ha più odore la vigna delle sere. Nell’aria la vena di un selvatico marino e le foglie dei tigli di colpo ingiallite si staccano dai rami, e più lontane da sé vanno a riempire la breve oscurità. … Continue reading

Una scelta estetica

      Una scelta estetica Una scelta estetica : ciò che si include e ciò che si esclude nella propria rappresentazione. Una scelta determinata dalle persone e dai contesti ai quali si rivolge – si dedica, si destina – la nostra rappresentazione.   “Una scelta estetica è sempre una scelta sociale …Ciò non significa affatto che la scelta estetica … Continue reading

Serge Marcel Roche – Horizontal et l’ennui

      La notation est un art de forêts inconnues* *D. Hasselmann     Dieci notazioni dalla foresta dell’inedito pulsante Testi in lingua originale francese di Serge Marcel Roche Traduzione dal francese di rosaturca     Chiedo di ottenere una nazionalità, cerco un cavallo purosangue della taglia di un paniere, ma due sogni non fanno una poesia, stessa cosa … Continue reading

Inattese

      Inattese Ho ascoltato la pioggia cadere       senza fare rumore                  del vento                   la voce,                  ma più lontano da qua. bologna. 14 ottobre 2015            

Immoto

      Immoto Del sogno il chiarore, fra le sabbie       il mare — in piedi sulla rima, cessate le maree. Il retaggio della distesa d’acque agli occhi del cuore inattingibile distanza che separa, non ha derive e incanta schiumando di verde di zolfo di anemoni lumescenti nell’acqueo volume muto. Un sole palombaro. bologna. 13 ottobre 2015 … Continue reading

Nelle sere

      Nelle sere E nel buio delle sere l’umido candore che profuma dei passaggi di quello che verrà. bologna. 20 ottobre 2015            

Inverno

DSCF5521

      Inverno           L’inverno si fa il nido      nella notte             traduce il gelo             alla riserva d’acque,             nell’oscurità Tempo senza misura        — la storia di tutti             … Continue reading

Notturna

      Notturna Dissotterra       notturna virginale        una frescura d’acque di        fossi        commossa        di ginocchia. bologna. 12 – 30 ottobre 2015            

L’aperto di piogge

      L’aperto di piogge Nell’aperto di piogge       tempo                      non è più. Piovane inerzie dai colmi del cielo s’abbuiano riserve per le stagioni di magra di sonni. bologna. 13 – 31 ottobre 2015            

Nell’ombra

      Nell’ombra E riserve di baci, di sale incuneate d’ombra nella pietra       distilla. E i mosti di foglie inebriano le sere, l’azzurro a ogni passo è una vigna. bologna. 16 – 30 ottobre 2015            

Mediterranea

      Mediterranea Gli scolti del mare alla costa di pietra       di freddo profumano di origani e salmastro che germina alle vene del vento, nell’anfratto. bologna. 20 ottobre 2015            

Ottobre

      Ottobre   per Pierre Soupir I merli nella sera       cantano il primo freddo l’inedito le viole che bagnano le ombre       passo a passo, fra i muri di città. bologna. 22 ottobre 2015            

Un silenzio di cardo

      Un silenzio di cardo E un mareggiare sonoro          inesauribile          tetro… E uno schiumare di bava e quest’aggiunta di sonno che fila sottile un silenzio di cardi. bologna. 20 ottobre 2015            

E stiamo al mondo

      E stiamo al mondo Come le perle alla conchiglia, come l’antro nella roccia nella mobile profondità del mare            E stiamo al mondo come nel plumbeo il lume si traduce alla ferita. bologna. 30 ottobre 2015            

Alla ferita

DSCF4754

      Alla ferita             La notte gonfia d’inverno      il buio dischiuso profuma      sfiorando… E cateratte di cieli si rovesciano alla terra, e tutto il mondo che s’irradia vivo passato alla ferita del cuore abbandonato. bologna. 22 ottobre 2015 Cliccare QUI per la raccolta completa In fotografia : Al tramonto  … Continue reading

Dicono i palpiti

      Dicono i palpiti             — Dicono che non è                 per questo mondo  i palpiti             lo sforzo             la gravità del dolore bologna. 7 ottobre 2015            

L’ora

      L’ora           D’altrove           il ricettacolo si sfiora nel venire al mondo E il colpo d’ala di vento lambisce al bordo l’ora. bologna. 7 ottobre 2015            

Il raggio

      Il raggio passato il raggio           l’inquietudine           luminosa da tutti i tempi richiama la trasparenza sulla soglia … e nuovamente le cose nel loro esatto colore. bologna. 3 ottobre 2015            

Un dono scheggiato

      Un dono scheggiato Di te, più solitaria stella non c’è nel firmamento. Nata nuova alla terra scura,         il sangue         un dono scheggiato. bologna. 25 sett. – 1 ott. 2015            

Questo arco di cielo

      Questo arco di cielo Che cosa passa di qua nell’oceano del tempo       per quale rotta migra la trasparenza notturna della quercia, del cipresso più fondo d’ombra, dello squarcio lunare nella distanza prossima da questo arco di cielo. Jerusalem Bononiensis. 26 settembre 2015            

Un velabro di rose

         Un velabro di rose Alla sera, incontro al freddo turchino        accende                un velabro una durata di rose. bologna. 28 settembre 2015            

Contro-corrente

         Contro-corrente Contro-corrente in seno al cielo conduce                    come di petalo in                  petalo                  un dispiegare lento   Da quale luogo? questa vena del giorno       fino agli estuari del cuore, … Continue reading

Slow Reading – ALBERT CAMUS

rifare-una-societa-s

      “Refaire une société vivante à l’intérieur d’une société condamnée” * Albert Camus   *rifare una società, viva, al cuore di una società di condannati Traduzione in italiano di rosaturca     griglia del testo in francese         griglia del testo in italiano   sito : MOTS LIÉS – Parcours de lecture Grazie a @aunryz … Continue reading

Mattino

         Mattino Mattino       di silenzi vegetali di battito d’ali senza canto. bologna. 25 settembre 2015            

Una minuta allegria

         Una minuta allegria Schiudono i trilli il vento fra le piogge, nei primi nidi d’autunno.                Ali screziate di cielo una minuta allegria. Vicolo Bolognetti. 24 settembre 2015            

Una benedizione

         Una benedizione Una benedizione di acque rintocca sulla soglia il coro delle piogge discioglie fiato di zolla, mentre il sogno del fiume per il limo di greti  scintilla. bologna. 24 settembre 2015            

Congedo

         Congedo Parole senza eco stanno come i legni in secca davanti al vasto mare         se cade il vento e di silenzi semina un doppio verso.                       E’ tempo di andare. Jerusalem Bononiensis. 21 settembre 2015            

Tempo d’autunno

         Tempo d’autunno L’arco sfiorito dei cori d’orchidea      una figura doppia nello specchio. Tempo d’autunno, qualcuno al tuo fianco. bologna. 24 settembre 2015            

Quello che Dio vuole

DSCF4971_1000

        bologna, sotto il portico in via San Petronio Vecchio. Settembre 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )     Mañana no será lo que Dios quiera. A G   Il giorno non sarà quello che Dio vuole. bologna. 22 settembre 2015            

Astor Piazzolla – tango orfico

Astor_Piazzolla_1975

      Astor Piazzolla tango orfico   Astor Piazzolla, 1975 – immagine web ( cliccare sull’immagine per ingrandire )     Dopo ogni gioco della danza. Resta un avanzo d’eco, e un murmure buio nel cuore. Dopo la magia intensamente lirica del canto. Resta il vento che sale, la forza del vento, non finisce di salire.       … Continue reading

Un’ascesa di canto

         Un’ascesa di canto Il colmo del dolore apre a un’ascesa di canto.   la plénitude de la douleur débouche sur une élévation du chant* *traduzione in francese di Philippe Aigrain – ATELIER DU BRICOLAGE LITTÉRAIRE bologna. 21 settembre 2015            

Due parti di dolore

         Due parti di dolore Come fiume       in secca si trascina di rivoli alla ruga di pietre, nella terra si estingue. Come il buio silenzio nella notte sopra due solitudini, due parti di dolore lo stesso scisma di luce. bologna. 21 settembre 2015            

Le parole sorelle

         Le parole sorelle Le parole sorelle, nel cerchio magico del cuore. Incastonate alla pietra      come battito d’ala solitario nell’orecchio che segna e si leva nel primo oro del giorno. bologna. 21 settembre 2015            

Della dannazione e della gioia

       Della dannazione e della gioia – Tango [ … ] Fuori. Finita la musica nella via è ancora la notte, ancora calda. Una notte di fine estate. Il lamento e il richiamo inatteso di un uccello che passa di qua ha screziato d’aperto la notte mentre va a spegnersi oltre le ombre nel parco.       … Continue reading

Un’abbondanza di viole

           Un’abbondanza di viole Cede a le prime sere alate di settembre un’abbondanza di viole che s’infossa germinale lungo il fianco        di nuovo cielo        come una ferita. bologna. 5 – 15 settembre 2015            

Senza volto

           Senza volto Più lontano galleggia       senza volto sibilo o scia di un fischio nel corpo della notte sul confine dei venti richiamo d’ala di slancio. bologna. 5 settembre 2015            

Santo Stefano

DSCF4819

         Santo Stefano             Il grillo sulla croce canta      una voce alata. Beneàuguro nella notte, l’aria fredda e il vasto cielo sotto le ali del cuore. Jerusalem Bononiensis. 10 settembre 2015     In fotografia : Dopo la notte, Jerusalem Bononiensis Settembre 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )     … Continue reading

Bologna, settembre

DSCF4762

      Passaggio di stagione     I.     Nell’incertezza dell’andatura libera da impegni ho guidato i miei passi verso dove la luce si tuffava al tramonto. Diretta ai Giardini, insieme all’aria scivolavo nel suono di campane, rintoccavano le sei. Del ritorno in città conoscevo gli ultimi fuochi dell’estate, quelli che forzano nelle membra fino a spremere la … Continue reading

Le stelle della sera

       Le stelle della sera                      e                            come si riaccendono nel cielo le stelle della sera bologna. 27 agosto 2015            

Con le dita

            Con le dita Con le dita della mano spinge semi       ogni seme a ogni passo — nella creta che separa, dove l’aria    la terra       ha disseccato. bologna. 14 luglio 2015          

bene si addicono …

            Bene si addicono bene si addicono le polveri arrossate dei crepuscoli estivi al rischiarare di lanterna di questo chiedere memoria ai morti       nel mare vasto dell’orrore disseminare di ritorno i nostri passi. bologna. 6 – 9 luglio 2015            

Poema alla luna

            Poema alla luna Nella notte calda il disegno solitario del vero come un ritaglio d’accesso dell’immenso nel tempo Durevole riverberare di tramonto della stella lontana da qui, e il calore di fiato arso d’ombra Un momento l’aria è scivolata dalla polvere e il cielo schiuso ha rivelato l’enigma lo splendore bologna. 2 luglio 2015 … Continue reading

Dires 235 – de Francis Royo

            Dires 235 je prends source dans un silence qui brûle quand sous la terre toutes les couleurs sont prêtes à bondir Francis Royo   Analogos – cliccare QUI per leggere sul sito dell’autore         Dires 235 sorgivo nello stesso silenzio che arde quando tutti i colori sotterra sono pronti a balzare   … Continue reading

Dires 234 – de Francis Royo

            Dires 234 de mon coeur d’hommerien n’éclôt qui pleure en vain main versée dans la tienne la victoire est au sangson nid Francis Royo   Analogos – cliccare QUI per leggere sul sito dell’autore         Dires 234 del mio cuore di uomo niente si schiude che pianga invano mano versata nella tua … Continue reading

Dires 233 – de Francis Royo

            Dires 233 l’aube les eaux heureuses l’effroyable soupçon Francis Royo   Analogos – cliccare QUI per leggere sul sito dell’autore         Dires 233 l’alba       le acque felici e spaventoso il sospetto   Traduzione dal francese rosaturca            

Di luna

            Di luna Disegno esatto nell’aria che ti distende remota e sorella di quest’altra curvatura sonora di secoli, che fanno i boschi di pietra e il cielo a punta nell’arco di un’ogiva. bologna. 21 giugno 2015            

L’ascolto rimesso

            L’ascolto rimesso L’ascolto rimesso nelle voci del mondo si ravvolge a questo farsi di silenzi della sera.        L’incunearsi nell’ombra del legno di una stella, uno sfogliarsi d’ali alla finestra per questo varco schiuso appena. bologna. 19 giugno 2015            

Très lent et sans rigueur

DSCF2512.proc

            Très lent et sans rigueur Soltanto molto lentamente ri – guadagnare la lingua del giorno dal fondo d’abbandoni dove non-siamo noi confusi nel biancore agli accumuli che fanno la materia dei pensieri Dall’alto lontano un canoro pigolare, uno scheggiare canoro nell’orecchio        un richiamare sopravanza il risveglio. La feritoia nello sporto del … Continue reading

Il racconto del viaggio

DSCF2335

            Il racconto del viaggio Dalle montagne fino alle coste rocciose lambite dalle correnti è tutto un donarsi di forma molteplice allo sguardo e al pensiero in frammenti. Ruotandoci lo spazio ci separa in distacchi d’oblio, ci scioglie in baleni vagabondi e ci salda nel tempo che passa sotto il cielo. Alpi Apuane. Giugno 2015 … Continue reading

Il mio cammino

e-non-ancora-in-complicato-allaccio-di-nervi-e-membrature-let

            Il mio cammino Il cammino che sbanda e s’avvita, alle spalle mulini di foglie e polverosi battiti d’ali di colombi qui — e non ancora in complicato allaccio di nervi e membrature Illusorio avviluppa di riposo questo sonno. bologna. 24 maggio 2015       Cliccare QUI per leggere un estratto di questi versi su : … Continue reading

Sulla costa del canto

            Sulla costa del canto La distesa nella gola del merlo e la costa del canto. Di presente ogni nota frammezza nell’aria questo eterno durare, in cui manchiamo noi. bologna. 23 maggio 2015            

Del merlo, del canto

            Del merlo, del canto Oltre la soglia del canto — ascolto non è più       ma passo Oltre l’uscita l’Aperto fra gli sporti e le cave del verso, linea d’argine       fra … bologna. 21 – 23 maggio 2015            

La morbidezza delle sere

            La morbidezza delle sere La morbidezza delle sere all’imbrunire        e lungamente Sulla piana d’acque solo i cori di grilli       scivolando l’aria a quelli s’afferra pianura veneta. 16 maggio 2015            

L’oro e la rosa

            L’oro e la rosa E sfogliava a ogni battito l’ala l’oro    la rosa, nel volo che abbandona l’uccello all’aria al tramonto. pianura veneta. 16 maggio 2015            

La notte di piogge

            La notte di piogge La notte di piogge al suo passaggio ha riempito le vene. E poi cessava, come di notte il sonno prende ogni forma di vita. bologna. 16 maggio 2015            

Alla soglia

            Alla soglia Alla soglia del giorno all’ascolto nel cuore di notte questo immenso durare, tenuto di silenzio — e non un battito. bologna. 16 maggio 2015            

Nel tatto di nidi

           Nel tatto di nidi Nel tatto di nidi e di piogge appena, fra il sonno e le veglie di mattini sconosciuti. Fratto il sentiero, con quotidiana mano sfogliamo questi passi nel folto, e nell’orecchio il ventaglio d’acque scrosciando dimora. bologna. 15 maggio 2015            

All’ora nona

            All’ora nona All’ora nona sbiancava il cielo        il Vento di un giorno estivo. bologna.12 maggio 2015            

” Rosa Mistica “

            ” Rosa Mistica “ Miracolose le parole se ora levano le voci in cori di preghiera           Benedette siano le parole E viene sera e sono cieli di rose, e addensano i sereni di Magnificat Anima Mia bologna. 11 maggio 2015            

Questa madre

felicia_impastato

        Felicia con l’immagine del figlio Peppino             Questa madre Questa donna era la madre di Peppino Impastato che «fecero a pezzi sui binari della ferrovia di Cinisi nella notte tra l’8 e il 9 maggio del 1978. Lo misero sulle rotaie quando era già stordito, adagiarono il corpo su una carica di … Continue reading

Segreto stupore

            Segreto stupore Mille teste di orchidea possono parlare       come palpitare di segreto stupore bologna. 9 maggio 2015            

Senza Vento

            Senza Vento Notturno solitario senza Vento punteggiato di luci di stelle nell’attesa di luna        e non ancora silenzio bologna. 7 maggio 2015            

Il silenzio di notte

            Il silenzio di notte Il silenzio di notte è durata e il volume del tempo al passaggio, e la trama sottile in cui la vita sensibile … bologna. 4 – 9 maggio 2015            

Leggero nella notte

            Leggero nella notte Passa leggero nella notte un Vento fresco, passa sempre una vena che profuma di selvatico eterno. bologna. 9 maggio 2015            

Lo schianto

            Lo schianto Ha ceduto di schianto       senza echi per l’aria spezzata di scoppio di legni la tenuta del mondo. bologna. 8 maggio 2015            

La tenuta del mondo

              La tenuta del mondo Fischiano ai cardini del cielo       nell’orecchio feritoiano questa tenuta del mondo. bologna. 6 maggio 2015            

Prima del giorno

            Prima del giorno E poi un salto – forse una risalita bagnata di primo chiarore dispose al cielo in luogo dei canti. Ed essi tacquero. E il silenzio nell’aria svolgeva la riuscita del giorno        come se fosse l’incedere di luce materia certa del mondo e i canti brevi degli uccelli nell’orecchio … Continue reading

Sfibrava

            Sfibrava Sfibrava nidi tra i capelli come più antiche sepolture svuotate alla luce di secoli a venire. bologna. 4 maggio 2015            

Leggere i fondi

DSCF0397 copia

            Leggere i fondi  … di schiuma di infruttescenze di polvere di caffè, dell’inclinazione della luce e del caso. Ci sono “testi” che non si accontentano di essere letti e interpretati. Intagli quotidiani nel vascello del tempo, matrici di quella lingua senza confini che produce in noi una conversione del vedere, del sentire, del pensare. … Continue reading

Danze

Bologna-20150507-07271

            Danze Primavera è matura e le infruttescenze piumate degli alberi nei giardini e nei parchi migrano al minimo soffio del Vento, dissolvendosi nell’aria sui viali, sotto i portici, nel cielo sui cortili e attraverso le finestre fino dentro le stanze. Danza Demetra iridata nel sole, conduce lei gli sciami aureolati di soffice pelo di … Continue reading

Incastonati

            Incastonati Incastonati di sole di sale, nella voce di una parola che non è ancora lingua, ma cofano* di liscivia e pira di serti di potatura. bologna. 4 maggio 2015   * Cofano : grande recipiente circolare di terracotta usato per il bucato, nel dialetto salentino.            

Di fidato stupore

            Di fidato stupore Scivolare dalla presa del giorno per la gola del merlo…               nel cedimento levigato di sonno Aderire senza il minimo attrito all’enigma del canto, e in superficie uno sgombero favoloso opera nell’orecchio alla venuta del mondo. bologna. 4 maggio 2015        

I passi del tempo

DSCF0311

            I passi del tempo Solo la forza di volontà decide per soluzioni di continuità. Per tutto il resto valgono soltanto i passi che fa il tempo, forzandoci       nel bene nel male. bologna. 3 maggio 2015       Il tempo di un giorno bologna. Maggio 2015 ( cliccare sull’immagini per ingrandire … Continue reading

Barocco veneziano

DSCF0302 copia

        L’angelo di Spina nello specchio Aprile 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )               Barocco veneziano Un guscio per la vita come se tempo fosse il mare e le spinte dei flutti cristallizzano nell’incantesimo di porcellana, e le catture del Vento nel vetro bianco soffiato dei lumi, che si accendono … Continue reading

Tempo

            Tempo Per queste gole di luci traballanti sui crinali del Vento, per questi piani inclinati di rose. Dove l’Oceano del tempo si confonde sempre uguale a se stesso eppure immemore fra incertezze e alterità. Fra luci e ombre essere        non essere – qui. Circola il Vento si aprono tutte le direzioni … Continue reading

Terreno

            Terreno L’allume sulla pietra ha scritto, di cristalli di sale nel solco delle correnti. Cosa significa raccogliere acque piovane, prosciugare l’invaso che le contiene        confondere mani alla melma di terra di roccia di capelli di foglia. bologna. 29 aprile 2015            

Centellinano le piogge

            Centellinano le piogge Centellinano le piogge sulle foglie dei cortili a primavera traducendo al sogno comune il volo d’erba dell’uccello notturno al passaggio, il frullo d’aria nel canto mentre squarcia e vacilla planetarie solitudini E goccia a goccia questo tatto di acque        la calma che fa il mancare del Vento all’improvviso. … Continue reading

Mira

            Mira Mira senza voce dallo spazio di parola il blu del cielo di mattino presto la coda d’oro dell’occhio che circonda, la vertigine attraverso. bologna. 15 aprile 2015          

πανικός

DSCF0122

        Raggio di sole su cavedio a nord bologna. Aprile 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )               πανικός L’ora assolata e sensuale dei meriggi estivi, quando il dio Pan delle montagne e della vita agreste presiede al riposo mediterraneo e sgomenta e attrae con la sua potenza creativa. bologna. 15 … Continue reading

___ la misma cadencia

Bologna-20150412-07172

        bologna. Via Castiglione, angolo via Sampieri. Aprile 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )    __ tienen la misma cadencia __ noches las mismas estrellas   Di cadenze       come di notti di stelle bologna. 12 aprile 2015            

Cede respiro

            Cede respiro Cede respiro il silenzio alla notte d’argille. Nel cielo sulla strada sulla collina si rovescia il pianeta. Pianoro di Bologna. 11 aprile 2015            

Babilonie di viole

            Babilonie di viole Antiche Babilonie di viole trasfiguravano altissime nel crepuscolo occidentale. Schiudevano cattedrali in fiore forse obelischi di sogno nella distanza inattingibile, nelle ombre vive d’azzurro cilestrino di rose della sera. Certosa di Bologna. 10 aprile 2015            

Fra edera e parola

            Fra edera e parola Una più fine gentilezza confusa ai fini capelli agli occhi belli siede nell’ombra fra edera e parola ascolta questa voce e si diverte col Vento bologna. 11 aprile 2015            

Liberate al passaggio

            Liberate al passaggio Liberate al passaggio del Vento di questo corpo crudo della croce a banderuola e della freccia di ferro. Conta sempre sapere da quale verso arriverà il Vento. bologna. 9 aprile 2015            

Charles Baudelaire – L’étranger

baudelaire-fotografato-da-nadar1

        Parigi 9 aprile 1821 – 31 agosto 1867               L’étranger “Qui aimes-tu le mieux, homme énigmatique, dis? ton père, ta mère, ta sœur ou ton frère?” “Je n’ai ni père, ni mère, ni sœur, ni frère.” “Tes amis?” “Vous vous servez là d’une parole dont le sens m’est resté jusqu’à … Continue reading

T. Tranströmer ( nota sulle immagini )

            T. Tranströmer ( nota sulle immagini ) Possiamo fare esperienze di bellezza. Quando succede non si sa mai, prima. Soltanto dopo, più tardi se qualcosa è accaduto si vede. I racconti di ricordi di Tomas Tranströmer nella traduzione italiana, trascorrono con una voce che rischiara appena la memoria d’immagini che avvengono sotto i nostri … Continue reading

Nel punto esatto

            Nel punto esatto Nel punto esatto nella semioscurità l’urgenza del volo schiude la cifra del tempo e l’inerzia del Verbo muta in pura follia       grida di canto. bologna. 7 aprile 2015            

Limo dormiente

            Limo dormiente Limo dormiente alla deriva di parole, dove la palpebra       chiusa di fiume sopra l’acqua riposa. bologna. 7 aprile 2015            

Legni

            Legni Legni che trattengono alle correnti di sonno, di voci alle colline alle gole in cui si tuffa ripetuta notte dove un chiarore nell’oscura densità un vapore lunare appare scompare. Passo della Cisa. 3 aprile 2015            

Pubblicato in Luni

T. Tranströmer – Ricordi #3

DSCF8551

            RICORDI* Dopo il divorzio, la mamma e io ci trasferimmo in Folkungagatan 57, un’abitazione di classe medio bassa … I ricordi di quella casa si congegnano più o meno come in un film degli ani Trenta o Quaranta, con adeguata galleria di personaggi … C’era uno sporadico andirivieni di estranei. Qualche ubriaco cercava di … Continue reading

E poi

            E poi Affiora l’oscuro profondo e vasto di firmamento di sordità di parole. S’apre la morte      necessaria, senza Vento. bologna. 2 aprile 2015            

Appare

            Appare vomere discissorio nel cielo per suo stesso splendore Appare — ed è come se annunciasse bologna. 2 aprile 2015            

Radica nel blu

            Radica nel blu Radica nel blu di notte una ossatura siderale          così la luna, nel buio arato di Vento. bologna. 1 aprile 2015            

T. Tranströmer – Ricordi #2

DSCF8448

      I.             RICORDI * Le prime esperienze restano per la maggior parte irraggiungibili. Racconti ripetuti, ricordi di ricordi, ricostruzioni in funzione di stati d’animo che improvvisamente si riaccendono. Il mio primo ricordo databile è una sensazione. Una sensazione di fierezza. Ho appena compiuto tre anni e mi hanno detto che è qualcosa … Continue reading

Di che colore

DSCF9369

            Di che colore Di che colore il cielo delle sere a primavera? — Mediterraneo azzurro, come nell’aria il suono dei bronzi di campane. E quanto fonda la notte, quanto più nera e limpida l’oscurità. bologna. 30 marzo 2015         Crepuscolo bologna, piazza Galvani. Marzo 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire ) … Continue reading

Il tetto del mondo

            Il tetto del mondo Leva il tetto del mondo il merlo col canto        lo spazio in fuga attraverso. Silenzio di mattina presto bologna. 30 marzo 2015              

Sulle conche dei vivi

            Sulle conche dei vivi  Forre di oscurità blu sulle conche dei vivi       rimugina il buio quello che siamo noi, attaccato a questa linea di terra. Lontana e più viva, farà contorno di pelle l’aureola alla luna. Via Æmilia. 29 marzo 2015            

Levarsi

            Levarsi Levarsi nella ferita intatta del giorno nuovo fresco taglio d’innesto sotto l’azzurro del cielo tutto l’oro che appare bologna. 29 marzo 2015            

Giorno nuovo

            Giorno nuovo Il giorno nuovo mi ha sorpresa sui miei stivali neri, e nere spalle di piume una luce d’Oriente dardeggia lontananze … La memoria dei morti perduta bologna. 28 marzo 2015            

Tomas Tranströmer

Tomas-Transtromer-2011-233x300

        Stoccolma 15 aprile 1931 – 26 marzo 2015     Uccelli Mattutini  […] Non ci sono qui spazi vuoti Stupendo sentire come la mia poesia cresce mentre io mi ritiro. Cresce, prende il mio posto. Si fa largo a spinte. Mi toglie di mezzo. La poesia è pronta.   Tomas Tranströmer Traduzione Maria Cristina Lombardi, Crocetti … Continue reading

Piove quietamente

            Piove quietamente Piove quietamente sul nastro nero di sonno E neve a raffiche come valanga di stella                che apre Sentivo un dolore vago attorno al cuore come … bologna. 25 marzo 2015            

Affiorano

            Affiorano Affiorano i miei versi di parola come legni stellati sulle braccia del Vento. bologna. 23 marzo 2015            

Dopo l’eclissi

      ( in esergo )         Dopo l’eclissi Dopo lo spento di cenere che ha disanimato il fulgore d’azzurro nel cielo del giorno — il merlo come all’aurora ha lanciato il suo canto. bologna. 20 marzo 2015            

Siamo partiti

      Siamo partiti Siamo partiti con il Vento nella forma dei mazzolini di aromatiche in fiore un buon cammino per un migliore destino era l’auspicio dei vecchi Cadeva la notte, ma era soltanto il meriggio schermato di tende di sonno Terra d’Otranto. 17 marzo 2015            

Duramadre

DSCF9358

                      Duramadre Il tuo letto di vecchia alla luce della lampada prima di dormire tu che parli di lei che eternamente si distoglie da te. Villa Convento. 16 marzo 2015            

Notte fonda

            Notte fonda Che notte fonda sopra il mare      quasi non si vede, l’orizzonte sfondato e noi su questo bordo dell’abisso con i discorsi delle onde nell’orecchio. Porto Adriano, San Cataldo di Lecce. 15 marzo 2015            

Secentesco

            Secentesco Sospeso al suo declino l’astro del giorno solitario nel cielo sulla pianura sotto il livello del mare coronato di rose nell’aria dal fiato delle terre dal Vento di bonaccia che spira dalle maree. Case Simini di Lecce. 14 marzo 2015          

Imbiondisce l’ombra

DSCF9308

        Ex cave di pietra. Mater Domini di Lecce, marzo 2015               Imbiondisce l’ombra Imbiondisce l’ombra delle sere sui calcari ai limitari i cieli si piumano di rose sui giardini d’ulivi uccelli secolari involano richiami di canti lamentosi. Mater Domini di Lecce. 14 marzo 2015            

Poco lontano…

3_DSCF8793

        lecce, chiesa della Madonna di monte vergine. Marzo 2015               Poco lontano  Poco lontano dai centri abitati superate anche le ultime periferie, percorrendo strade che oggi non portano a niente più lontano verso i dominii della luce sotto un cielo che sembra non finire mai. La terra abbandonata fiorisce da … Continue reading

Negli anfratti di luce

            Negli anfratti di luce Negli anfratti i luce negli interstizi del tempo cullando il sonno di venute di parole e i canti fini degli uccelli al tramonto e l’azzurro incipiente della sera che strugge e la clausura d’echi alla fonte del poema. Villa Convento. 10 marzo 2015            

Un parlare turchino

DSCF8803

            Un parlare turchino        Un parlare turchino alla gola del pozzo in cui l’acqua scava sorgiva la pietra la vena nei banchi sepolti di roccia        alle radici dei secolari. Monte Vergine di Lecce. 9 marzo 2015                

Segnature di viaggio

Città Sant'Angelo-20150221-06612

            Segnature di viaggio   “Lo Haikai è un’erba selvatica lungo la strada della vita”                    Matsuo Basho     Le sei di sera, attraversiamo l’Abruzzo. Siamo a metà del viaggio. Nel cielo scivola lentamente l’oscurità e le dorsali degli Appennini e le valli si accendono delle … Continue reading

Sacro salmastro

Copertino-20150308-06983 copia

            Sacro salmastro Sacro salmastro che profuma di zolle all’imbrunire, e nell’Azzurro delle sere di smalto nostalgia sprofonda in seno alla marina. Copertino di Lecce. 8 marzo 2015         Altare della Croce. Santuario della Grottella Copertino di Lecce. Marzo 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )            

Antichità

Lecce-20150308-06939_proc

            Antichità Antichità del raggio di sole sopra il legno del melograno. Mattino presto, un passero per un poco nello stesso colore. Villa Convento. 8 marzo 2015         Albero di melograno che il passero ha visitato lecce. Marzo 2015            

Porta il Vento

            Porta il Vento Porta il Vento nell’aria il profumo di tutti fiori Strabocca una vena selvaggia di freschezza                la notte un manto di stelle Villa Convento. 8 marzo 2015            

Nelle vene del tempo

            Nelle vene del tempo Nelle vene del tempo       selvatico       eterno fra le povere cose e gli acquitrini d’incolti di memoria — i retaggi cisposi di quella nostra. San Cataldo di Lecce. 6 marzo 2015            

Il Vento fuori

            Il Vento fuori Il Vento fuori sta correndo e sopra il tetto semina pioggia che non fa rumore e alla finestra profuma di erba nuova e di fiori, e degli uccelli una vena di canti sopra la terra, fra ramo e ramo s’invola. Villa Convento. 5 marzo 2015            

Il giorno muore

Otranto-20150304-06931

            Il giorno muore Il giorno muore nei volumi di arie chiare al Vento di cielo e di rose Estinta ogni memoria di splendore. Otranto. 4 marzo 2015         Località Le Orte. Otranto Marzo 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )            

E rimane

            E rimane E rimane della terra un ciglio un albero vivo dietro la casa lasciato ad aspettare una stagione d’incolti dà ora il nome all’Aperto. Villa Convento. 4 marzo 2015            

Nelle mani

DSCF8317_proc

            Nelle mani Restiamo ancora con le mani nelle mani — le tue che accarezzano le mie che sorridono di grazia dal furore dei tuoi abbandoni. Fino al ricordo hai cancellato le parole non dette e hai preservato nel setaccio della mente solo la parte più bruna di te. lecce. 4 marzo 2015     … Continue reading

Ogni parola di poesia

      Ogni parola di poesia   a Francis Royo   Ogni parola di poesia nell’attesa dell’alba sconosciuta, per un giorno di più Terra d’Otranto. 4 marzo 2015   Cliccare QUI per il blog di Francis Royo            

Celestiale

Lecce-20150302-06713

            Celestiale Leucos distende banchi di chiarori nel giorno celestiale al Vento. lecce. 2 marzo 2015         Ciglio di strada. Lecce, via extraurbana Marzo 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )   cliccare QUI per l’album completo            

Torre costiera

            Torre costiera Stazione di guardia sotto un cielo marino sopra il murmure delle onde alta nella notte trafitta di stelle. Torre dell’Orso di Lecce. 1 marzo 2015            

Delle onde di marea

            Delle onde di marea Delle onde di marea delle notti di piogge Leggiadria nel posare – in un salto – di qua dalle onde. Lo stupore e la Grazia nell’orecchio ci volsero… Porto Adriano, San Cataldo di Lecce. 1 marzo 2015            

L’aperto passaggio

DSCF7890_proc

            L’aperto passaggio Stupisce al giorno lucentezza di tracce dell’aperto passaggio che ha toccato il luogo in cui un dio la presenza ha vibrato. Porto Adriano, San Cataldo di Lecce. 28 febbraio 2015         Porto Adriano. San Cataldo di Lecce Febbraio 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )         … Continue reading

La calma di marina

2_DSCF7966_proc

            La calma di marina La calma di marina nelle piogge fini e silenziose, cielo bianco e le cerulee trasparenze delle attese sul mare. Strada litoranea Lecce – Torre dell’Orso. 28 febbraio 2015         Canneti di palude. Strada litoranea Lecce – Torre dell’Orso Febbraio 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )   … Continue reading

L’Assiolo nei boschi

            L’Assiolo nei boschi Percuote la notte l’Assiolo nei boschi con la monotonia del canto che sprofonda con battito regolare verso l’oscurità. Porto Adriano, San Cataldo di Lecce. 27 febbraio 2015            

Tutta la notte

DSCF7916_proc

            Tutta la notte Tutta la notte il mare scava tra le alghe oscure vie di canali. L’orizzonte nel buio si riposa, dimenticato dagli sguardi estivi.       E la distesa ritmata del tempo porta il colore di acque di grotte rimaste ad aspettare.       Nessuna urgenza di Vento. Non si arena … Continue reading

Luna che reclina

           Luna che reclina Luna che reclina cede alla notte intorno il suo chiarore. Sciami di piogge velano stelle dai bagliori sottili scintillano come fuochi lontani nel tempo e biancori notturni segnano le scriminature delle profondità del cielo           tutto si muove Villa Convento. 26 febbraio 2015           … Continue reading

La notte marina

Lecce-20150228-06655

            La notte marina La notte marina porta il sogno dell’onda che si fa letto di correnti di Vento di minutissima pioggia che si disperde — e nella camera il profumo di fresie e il cuore schivo dell’anemone in fiore e intorno nient’altro da scindere né da rifrangere. Villa Convento. 21 – 24 febbraio 2015 … Continue reading

Il sonno della fiamma

            Il sonno della fiamma Il sonno della fiamma nella brace, al tocco e al fiato che sprigionano di nuovo fuoco in questa notte di Vento della pietra Il mirto ha in serbo in giardino una grotta di fiori e di licheni Villa Convento. 22 febbraio 2015            

Il sogno del mare

            Il sogno del mare Il sogno del mare gonfiò il passo del Vento, di schiume di risacca dove confondono dei morti le risa e gole turchine, di sotto al cielo fra stella e stella. Villa Convento. 22 febbraio 2015            

La pioggia fine

            La pioggia fine La pioggia fine in fuga nei battiti del Vento a est della notte per gli orizzonti fatui di chiarore. lecce. 21 febbraio 2015            

Le prime arie di Marzo

            Le prime arie di Marzo Non cede nella notte il canto della collina non smette di percuotere il cielo della sera l’azzurro vacillante dentro il fiato delle terre. La mendicanza di un Altro saluto passa di qua. bologna. 18 febbraio 2015      

Silenzio nell’aria

            Silenzio nell’aria Silenzio nell’aria la pioggia si è fermata Schiarisce la notte ma non ci sono a trafiggere l’azzurro del paesaggio le urgenze dei merli bologna. 17 febbraio 2015          

Tocca la pioggia

            Tocca la pioggia Tocca la pioggia la foglia, la foresta sulla capanna scivola una pioggia da nidi silenziosi intrecci di capelli fra le dita. bologna. 16 febbraio 2015            

Le Due Signore

aa84d3034a007bd6f60c439dac0e5e06

    Per Demetra note di viaggio #2       I. immagine web       Le Due Signore raddoppiano l’immagine della segreta conoscenza che hanno le donne di dare alla luce, di mettere al mondo figli e figlie. Molteplici le figure di divinità femminili accoppiate provenienti dai più antichi miti dell’umanità, da diverse aree geografiche del mondo. Sia che si … Continue reading

La relazione degli sguardi

$(KGrHqVHJEwFHh+zUd(DBR5YSr!JU!~~60_35

  Per Demetra #note di viaggio 1. La relazione degli sguardi     … Il mito è  infatti esplicito : non la figlia soltanto, in quanto sottratta dalla madre, ma la terra intiera diviene sterile e più non genera. E’ la nascita stessa, il phyein, che cessa di apparire, quando è negato il reciproco sguardo fra madre e figlia. Il … Continue reading

La nuova stella

            La nuova stella La nuova stella si mutò deportata da Madre da Sonno di Sorgente… Rinchiusa lettera di suoni di parole in alvo straniero bologna. 12 febbraio 2015            

Ai ferri

            Ai ferri Ai ferri con il tempo che si sbriciola in queste mani l’eco non vista fiammeggia di porpore di sole di distanze incomparabili che s’aprono ai bordi nella notte…       Un arco zaffiro il cielo Decumano Massimo (Bo). 10 febbraio 2015            

A letter in my purse – Shaimaa El-Sabbagh

B8IAP_jCUAEaeKp

هيَّ صحيح مش أكتر من شنطة بس لما ضاعت كان فيه مشكلة إزاي أواجه العالم من غيرها خصوصًا والشوارع حافظانا سوا المحلات عارفاها أكتر مني إكمن هيَّ اللي بتحاسب عارفة ريحة عرقي وحابّاها عارفة المواصلات وعاملة علاقة مع السواقين حافظة الأجرة ودايمًا جراب للفكّة مرّة اشتريت برفان ما عجبهاش كبّته كله ورفضت إني أستعمله على فكرة هيَّ كمان بتحب عيلتي … Continue reading

Shaimaa El-Sabbagh

Sarah_Carr_arablit.org

       Shaimaa El-Sabbagh   Cairo – 24 gennaio 2015               …la ragazza a cui era proibito amare nelle piazze non finisce di morire nella strada, in piedi con la sua voce rotta in gola, con il raccolto nelle sue mani piene di stelle.              Raccolgo briciole di … Continue reading

Lo stesso nome

            Lo stesso nome …lo stesso nome batteva nel Vento. Bianco e nero il mattino di dicembre. Poi una vena salmastra è piovuta dal cielo dentro letti di pietra, corre grigia una luce d’altri inverni marini. Sulla faccia, di silenzi lentamente nevica. bologna. 27 dicembre 2014            

Bambino delle stelle

1.proc

            Bambino delle stelle Balbetta i nomi delle nuvole nelle ombre del crepuscolo lanciando le sue corse fra la menta e il basilico, e chiama le prime stelle.         … per immagini rosaturca – link all’album completo   immagine ombrelibere lecce. Novembre 2014 – bologna. Dicembre 2014           … Continue reading

La grazia della polvere

            La grazia della polvere Oggi, il riconoscimento del tempo dell’attesa. E della vita come attesa. Straniante e consapevole il momento del risveglio      come un addensamento di etereo divenire fino a fissarsi nella vita del mondo. Inutile cercare dentro quella che sei, una rotta dei giorni. Quella parte del tempo, finita. Disorientare invece … Continue reading

Un calco di viole

            Un calco di viole Un calco di viole nelle pieghe del sonno ha trascinato lo stipite alla foce, dove in giardini di mare le correnti l’una contro l’altra… bologna. 17 dicembre 2014            

Da te a me

  a mia madre            Da te a me Da te a me       in questo bordo del fiume luminoso      una vena d’argille un insorto clamore di silenzi come distese di neve, di senso germinante rompe le catene nell’orecchio e poi la brezza delle sere d’inverno ci rinfresca sul viso, sotto il … Continue reading