Vento di luce

 

 

 

Vento di luce

     che

          inondi nel cielo
          la voce
          del mattino.

borgo di San Petronio, bologna. 30 novembre 2018

 

 

 

larosadimiopadre
 

 

 

Passaggio di luce

 

 

 

…lo splendore
dell’attimo
lucente

 

In — audito dal
cielo
ricade di luce

     il
     passaggio
     nell’orecchio.

borgo di San Petronio, bologna. 13 novembre 2018

 

 

 

larosadimiopadre
 

 

 

L’odore della sera

 

 

 

Fragrante

     di
     freddo e
     di fango affiora
     l’odore della sera.

borgo di San Petronio, bologna. 27 novembre 2018

 

 

 

larosadimiopadre
 

 

 

Di viole

 

 

 

Di
viole
su viole
l’oscurità sopravanza
il tempo nella sera.

borgo di San Petronio, bologna. 9 novembre 2018
 

 

Schiarisce

 

 

 

Schiarisce il
cielo
sulla foglia

     l’azzurro
     rasserena.

borgo di San Petronio, bologna. 6 novembre 2018
 

 

 

Gestante

 

 

 

     E
nel cielo
bianca gestazione
del mattino
……..

palpitando
illumina
il punto di una stella

borgo di San Petronio, bologna. 9 novembre 2018
 

 

Scintilla

 

 

 

.. al confino
fra
cielo e
parola

     a — litando
     di
     vento,
     di luce la carne

borgo di San Petronio, bologna. 22 ottobre 2018
 

 

Il giorno

 

 

 

Cede aria
la notte
all’azzurro in
     cui
     baciato silenzio
     di rose
     il giorno
     ……..

borgo di San Petronio, bologna. 21 ottobre 2018
 

 

Portata dall’aria

 

 

 

Portata dall’
aria
quest’opera di parola

     sopra le corti di
     silenzio
     per le finestre
     aperte       come
     rin — tocca.

borgo di San Petronio, bologna. 18 settembre 2018

 

 

 

larosadimiopadre
 

 

 

Morte violenta

 

 

 

Morte violenta

 

 

Mi stringo la
notte
alla prossimità
della tua spoglia di
vita.

borgo di San Petronio, bologna. 17 agosto 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Vivente Divina

 

 

 

Vivente Divina

 

 

       E

come t’irragi
vivente
divina, allo sguardo di scorcio
nel cielo della sera.

borgo di San Petronio, bologna. 17 agosto 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Di piogge

 

 

 

Di piogge

 

 

A —
trae a sé
la gravità
le membra

       e
   t’addensi e
   m’imbruni
   nella penombra di piogge
   del
   primo canto.

borgo di San Petronio, bologna. 2 settembre 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Segreto

 

 

 

Segreto

 

 

        E
cadere nel cuore
di
zolla di collina

        e
     costellano i grilli
     un imbrunire di foglia.

Strada della Futa. 29 luglio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Corrispondenze

 

 

 

Corrispondenze

 

 

 

 

 

 

Lago di Pieve di Cadore. Agosto 2018

 

 

 

 

       Che cosa tocca nell’intimo la pietra e la collina ; cosa deriva della montagna alla città antica… Fin dove scivola nell’aria quest’atmosfera soffusa della sera…

 

 

 

 

 

 

Madre Cadore

 

 

 

Madre Cadore

 

 

 

 

 

 

Boschi intorno al lago di Pieve di Cadore. Agosto 2018

 

 

 

 

       Vorrei scrivere dei boschi nella montagna, dell’altezza nel cielo e di come vi abita la luce…..

 

per leggere tutto clicca QUI

 

 

 

 

 

 

D’incanto

 

 

 

D’incanto

 

 

Il colpo nell’
aria
di un’ala di vento

     e
       tu
     sei andata via
     lasciando liberi giorni
     a venire.

borgo di San Petronio, bologna. 29 agosto 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

MUTAR DI LUOGO – una riflessione

 

 

 

 

 

 

Foce del torrente Marano
Riccione. 13 maggio 2018

 

 

 

 

 

 

MUTAR DI LUOGO – una riflessione

 

 

     Vorrei ricordare oggi i canti degli uccelli, toccanti oggi più di sempre, melodiosi e dolci, marcati da cadenze più soavi, piani e quasi discorsivi a tratti come fossero di uccelli nuovi ; più di tutti, i canti del merlo.

     Qualcosa d’inaudito si è compiuto oggi anche per il mio canto : alcuni versi che da settimane consideravo perduti ormai nell’indistinta fonte di Oblio, non solo mi ritornavano alla mente al risveglio, ma riattingendoli comprendevo che ciò poteva accedere grazie al fatto di essermi trovata fisicamente, qualche giorno prima, in un luogo che era per essenza affine ai versi perduti…..

     Con quale sorpresa allora ho visto il potere predittivo di poetare, e anche la facoltà intrinseca di Poesia di tra — durci in luoghi diversi ; consentendo l’esperienza senza passare da quella fisica sensoriale, e tuttavia incarnandosi.

     Ecco, quei versi che credevo perduti e che dubitavo fossero davvero ispirati perché non erano successivi a un’esperienza viva nel mondo – quasi fossero soltanto un esercizio mentale – in realtà l’avevano preceduta, offrendomi di cogliere un distillato di senso direttamente in un moto a luogo che sopravanza l’esperienza fisica della dimensione spazio-temporale.

borgo di San Petronio, bologna. 16 maggio 2018

 

 

 

 

                     Changer de place – Une réflexion
 

Je voudrais me souvenir du chant des oiseaux en ce jour, plus touchant aujourd’hui que jamais, doux et mélodieux, scandé d’accents plus délicats et lents, conversant parfois presque comme des oiseaux nouvellement nés; le chant du merle, surtout.

Une chose inouïe s’est produite aujourd’hui pour mon propre chant : quelques vers que je considérais depuis plusieurs semaines comme perdus dans la source indistincte de l’oubli, me sont non seulement revenus à l’esprit au réveil, mais en remontant le fil de cette résurgence, je compris qu’ils m’avaient été rendus parce que je m’étais trouvée physiquement, quelques jours auparavant, dans un endroit qui possédait une affinité essentielle avec ces vers perdus…

Avec quelle surprise m’est alors apparue la prémonition permise par l’écriture poétique, mais aussi le pouvoir intrinsèque de la poésie à entre-mettre différents lieux; à permettre l’expérience sans passer par la sensation physique, et à pourtant s’incarner.

Ici, les vers que je pensais perdus, et dont je doutais qu’ils soient vraiment inspirés, parce qu’ils ne faisaient pas suite à une expérience de vie dans le monde – se réduisant presque à un exercice mental – avaient en fait précédé mon expérience, me permettant de cueillir directement un concentré de sens dans un déplacement qui surpasse l’expérience physique de la dimension spatio-temporelle.

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain
https://www.atelierdebricolage.net/?p=11155#identifier_0_11155

 
ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 

Coltivi

 

 

 

Coltivi

 

 

     E
balbetta dell’oro
portato dal fico
sulle braccia

     levatura disertata
     di vita
     la pietra abbandonata.

villaconvento di Lecce. Estate 2016

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

L’orizzonte e l’involo

 

 

 

L’orizzonte e l’involo

 

 

Dal fitto dei canneti
volario di rondini
all’alba
sulla foce

     giorno primiero
     tras — pare
     azzurro
     marino.

foce di Marano, riccione. 14 – 16 maggio 2016

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Mutar di luogo

 

 

 

Mutar di luogo

 

 

Nel gorgo
di
limi
scavato da correnti,
ri — sospinge salmastro
     risale
     la vena
     fino ai giunchi.

borgo di San Petronio, bologna. 10 – 16 maggio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

La zolla

 

 

 

La zolla

 

 

Spiccata bruna
porosa
nel campo sparsa

     stessa matrice la notte
     all’ascolto
     di esistere.

borgo di San Petronio, bologna. 7 maggio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Alito lunare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alito lunare

 

 

Notturno
alito lunare       irrora
di
splendore
nel silenzio
l’ascesa.

borgo di San Petronio, bologna. 29 aprile 2018
 

 

 

Brise de lune

De nuit
la brise de lune parsème
de
splendeur
son ascension
dans le silence

 
Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous

ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 

Occidentale

 

 

 

Occidentale

 

 

Rallentando si
tuffa
occidentale       di luce
     di nuvole
     si sfa

piazza Maggiore, bologna. 4 maggio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Canto di piogge

 

 

 

Canto di piogge

 

 

Canto di
piogge innumerevoli
fruscianti
gioie sonanti
 le voci

     erompono nel
     mondo
     senza bisogno di fenditura.

borgo di San Petronio, bologna. 3 maggio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Nel recinto lunare

 

 

 

Nel recinto lunare

 

 

Terra — madre
distende al
recinto lunare
al
primo passo,
per destinare di ἀχκύλωσις
una dissoluzione.

giardini Margherita, bologna. 26 aprile 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

ἀχκύλωσις

 

 

 

ἀχκύλωσις

 

 

Fiammata fusione d’impazienza
ridotta
all’immobilità

       e

di — stare
s’addensa.

borgo di San Petronio, bologna. aprile 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Abbacina

 

 

 

Abbacina

 

 

Fino alla
curva
del mondo

     l’orizzonte di baleni
     abbacina
     al mare.

golfo di Taranto. 31 luglio 2014
 

 

 

Éblouissement

Jusquà
la courbure
du globe

l’horizon des baleines
éblouit la mer

 
Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous

ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 

Giorno

 

 

 

Giorno

 

 

Schiarisce il
primo azzurro
del mattino
con la bocca di viole.

borgo di San Petronio, bologna. 9 marzo 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Celeste

 

 

 

Celeste

 

 

Schiarisce
il
silenzio
alla grotta celeste       dopo il
tempo di
pioggia e
di nevi.

borgo di San Petronio, bologna. 7 marzo 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Regolare

 

 

 

Regolare

 

 

Si fa più stretto
il passo       un battito
insistito

     e
     più lieve
     e piano, lentamente
     si ritrae.

borgo di San Petronio, bologna. 3 marzo 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Stellato

 

 

 

Stellato

 

 

     Sfiorita la notte
     di neve

ed è stellato
il primo azzurro
del mattino.

borgo di San Petronio, bologna. 26 – 28 febbraio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Un ritmo di neve

 

 

 

Un ritmo di neve

 

 

Sollecita
incalzi       dolcemente
tormenti il mio passo
con un ritmo
di neve.

carrobbio della mercanzia, bologna. 26 – 28 febbraio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Bizantino

 

 

 

Bizantino

 

 

Di perle
bordato bizantino
silenzio

     scioglie nell’andatura
     piana
     un ardore di occhi
     di brace.

terra d’otranto. 27 gennaio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Nello squarcio

 

 

 

Nello squarcio

 

 
In — atteso
squarci l’aria con
una nota
sola, insistita

    e
    rapido nelle ali
    lo slancio.

borgo di San Petronio, bologna. 20 – 23 febbraio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Di — stare

 

 

 

Di — stare

 

 

Unica è la distanza
— sola del suo genere

    e
    nella vigna
    di umidori, nella notte
    cede la voce
    al canto.

autostrada adriatica. 7 – 23 febbraio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Puro canto

 

 

 

Puro canto

 

 

In questo tempo di piogge
sei tu
a mancare

    non visto
    passaggio d’ali       puro
    canto
    nella sera.

borgo di San Petronio, bologna. 18 – 23 febbraio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Un canto d’usignolo

 

 

 

Un canto d’usignolo

 

 

Copre il cielo un silenzio di neve

e
sotto il manto
zampilli di sorgente
scintillano
la notte
dalla gola del canto.

borgo di San Petronio, bologna. 20 febbraio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Voci d’acqua

 

 

 

Voci d’acqua

 

 

Agili e
     sciolte
     si sfilano
     dalle correnti di piogge

………..

borgo di San Petronio, bologna. 18 – 19 febbraio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Inaudito

 

 

 

Inaudito

 

 

Dal canneto       temere
il ritmo sconosciuto
dei vostri passi

quelle voci di versi

………

le cave di Otranto. 19 – 20 gennaio 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Donare forma

 

 

 

Donare forma

 

 

Ri — posi, qui
     nel calco
     che basta
     alla tua origine.

borgo di San Petronio, bologna. 14 febbraio 2018

 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Venere boschiva

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Venere boschiva

 

 

Venere boschiva
alla muttura*
     nel frullo
     d’ali,
     ai raggi del primo sole.

 

* rugiada, in dialetto salentino

torre Veneri di Lecce. 4 febbraio 2018
 

 

 

 

 

 

Attesa di te

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attesa di te

 

 

T’irradi, la notte
nella polpa       mistero
della tua voce

ascolto       senza
sonno
quest’attesa di
te.

 

borgo di San Petronio, bologna. 22 – 23 dicembre 2017
 

 

L’attente de toi

Il rayonne, la nuit
dans la chair      le mystère
de ta voix

j’écoute      sans
sommeil
cette attente de
toi.

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous

ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 

Stato di quiete

 

 

 

Stato di quiete

 

 

Intorno       a — sediata
di silenzi e
gelo       l’anima riposa.

borgo di San Petronio, bologna. 20 dicembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Passaggio d’arie

 

 

 

Passaggio d’arie

 

 

Un’onda di Vento
un fascio di voce       un balzo
del cuore
in questo passaggio
d’arie
………

borgo di San Petronio, bologna. 15 dicembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Quale venerazione

 

 

 

Quale venerazione

 

 

Quale venerazione
spossando       si posa

nell’aria della notte,
nebbia sulla via

borgo di San Petronio, bologna. 15 dicembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Il nome tuo

 

 

 

Il nome tuo

 

 

Rabbocca il nome tuo
dal silenzio

e
non ha fine il tuo morire
qui.

borgo di San Petronio, bologna. Dicembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Annidano

 

 

 

Annidano

 

 

A —
     nidano nell’aria della sera
     del profumo di
     ciclamini
     in fiore.

borgo di San Petronio, bologna. 2 novembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Virginale

 

 

 

Virginale

 

 

Discendi già
sul fianco della notte

e
ghirlande di
trilli d’uccelli
si accordano
al tuo splendore.

fondo di Santa Cristina, bologna. 22 novembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Spicca

 

 

 

Spicca

 

 

Spicca
di silenzi e
di oro
un ardore d’azzurro

fra
etere
e tempo

prima che nuovamente sia
durezza di gelo
e
di bianco.

borgo di San Petronio, bologna. 17 – 21 novembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Ottobre

 

 

 

Ottobre

 

 

Vapori d’acque
annidano nel
cielo
e

rari passaggi
e
trilli
solitari
di uccelli in volo.

borgo di San Petronio, bologna. 21 ottobre 2017
 

 

 

Octobre

des vapeurs d’eau
se nichent
dans le ciel

rares passages
et
trilles
solitaires
des oiseaux en vol.

 
Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous

ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Prima natura

 

 

 

Prima natura

 

 

        E
nuovamente alla
prima natura       saldata

al vuoto       di
parola.

borgo di San Petronio, bologna. 24 ottobre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Sotto la coltre viene

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sotto la coltre viene

 

ricordando le vittime del Bataclan in questo giorno di prima neve a Bologna, le loro morti che non si possono strumentalizzare…

 

Sotto la
coltre
viene,
sulla guancia del
tempo

origina
un sentimento nuovo
di
poesia.

borgo di San Petronio, bologna. 22 ottobre 2017
 

 

 

 

 

 

Interdetto

 

 

 

Interdetto

 

 

Complessione originaria
del mattino,
fra un
parlare di nevi e
un interdetto celeste
chiarore.

borgo di San Petronio, bologna. 12 novembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Immortale

 

 

 

Immortale

 

 

 E fatta rada del silenzio l’onda

per
ogni tentato verso,
per ogni lato
sotto l’ale
nascosto

disgiunta
dis — seminante      s’arresta
morbidamente
posa.

borgo di San Petronio, bologna. 10 novembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Eburneo

 

..
la qualità del silenzio che c’è

 

 


Concentus Musicus Wien

 

 

 


Vivaldi – Presto

 


Vivaldi – Allegro Non Molto

 


Vivaldi – Largo

 


Sammartini – Allegro
 


Sammartini – Siciliano

 


Sammartini – Allegro Assai

 


Telemann – Allegretto

 


Telemann – Allegro

 


Telemann – Andante

 


Telemann – Temp di Menuet

 


Naudot – Allegro

 


Naudot – Adagio

 


Naudot – Allegro
 

 

 

 

 

 

des choses transparentes – Pierre Soupir

 

 

des choses transparentes
me précédent encore
car je ne sais dire plus
que mon propre regard

une étoile se souvient
de l’eau dormante
qui la reflète si bien

je suis si loin de
ce que sera le matin
avec mon souffle lent
dans mon sommeil

allongé, à côté,
de cette fille endormie
qu’est devenu l’absence
de tout espoir.

Pierre Soupir

 

cose trasparenti       mi precedono

io non so dire
più
del mio sguardo

dell’acqua dormiente
rammemora una stella,
così bene la riflette

io dal respiro lento
nel mio sonno,
disteso al fianco di questa ragazza
addormentata
divenuta
l’assenza di ogni speranza

tanto lontano
dal mattino       da quello che sarà

Traduzione dal francese di rosaturca

 

Estratto da Les contours du dedans – p. 77
cliccare QUI per leggere o scaricare l’intera raccolta

 

Pierre Soupir – il sito dell’autore
 

 

 

 

 

 

Linguamadre

 

 

 

Linguamadre

 

 

Da un
tacere
di vette, da
pudore di
lingua
madre        toccata.

borgo di San Petronio, bologna. 1 – 4 novembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Piove

 

 

 

Piove

 

 

E
benda di
sonno
e distilla

silenzi in cui pensare
si disfa.

borgo di San Petronio, bologna. 6 novembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Ognissanti

 

 

 

Ognissanti

 

 

Aderendo
la notte
la forma dell’attesa

e
il recinto di luna
— i corpi densi
dei verdi

La notte bianca
silenzio re —clama
come
discioglie l’agonia
tanta parte
di
te.

borgo di San Petronio, bologna. 1 novembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

aucun mot – Pierre Soupir

 

 

aucun mot
du silence
ne change

ne pourrait
changer

seule notre
écoute
connaît des
variations

Pierre Soupir

 

del silenzio
non
cambia
parola alcuna

cambiare      non
può

il nostro ascolto soltanto conosce variazioni

Traduzione dal francese di rosaturca

 

Estratto da Les contours du dedans – p. 72
cliccare QUI per leggere o scaricare l’intera raccolta

 

Pierre Soupir – il sito dell’autore
 

 

 

 

 

 

 

Di novembre

 

 

 

Di novembre

 

 

Ditadoro la pioggia di novembre
di calma
profonde
e
antichità rammemora
la vena del tempo

e
schiude l’aria
un’esaltazione
di gelo.

borgo di San Petronio, bologna. 5 novembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Metamorfosi

 

 

 

Metamorfosi

 

 

Dis — arginarsi
lieve       nel mattino

come al solco
di campi nella brina
come
al fragore dell’onda
del mare
al battito regolare
sotto un cielo coperto
di luce lattea
e
all’aria densa e
fredda.

borgo di San Petronio, bologna. 4 novembre 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

La sera

 

 

 

La sera

 

 

Sospinto
      più fresco nell’aria
      fino al nido
      di melagrane

Vivaci si fendono
le attese.

borgo di San Petronio, bologna. 25 settembre 2017

 

 

 

Le soir

 

Répandu
plus frais dans l’air
jusqu’au nid
des grenades

Vives
se fendent les attentes

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous
ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Chi sogna

 

 

 

Chi sogna

 

 

     E
riviene a ondate
l’avere luogo del giorno
sul termine
di pelle
     addormentata      — Chi sogna
     cortine frementi
     di foglie dorate allo
     strapiombo ?

Borgo di San Petronio, bologna. 28 agosto 2017
 

 

 

 

 

 

Dimorare nel vento

 

 

 

 

 

 

Vista sui gessi e calanchi bolognesi
Croara di bologna, fine agosto 2017.

 

 

 

 

 

 

Dimorare nel vento

 

 

Dimorare palpabile nel
vento
nell’orecchio

   e lo smalto del cielo nella sera
   in
   cui hanno consuetudine alle ombre
   il frullo d’ali le grida
   degli uccelli
   i cori di grilli
   i versi di fagiani.

Croara di Bologna. 27 agosto 2017
 

 

 

 

 

 

Cerulea

 

 

 

Cerulea

 

 

Si divide da qui
cerulea
l’estate

       sulle spalle della notte scivolando.

Jerusalem Bononiensis, bologna. 22 agosto 2017
 

 

 

 

 

 

Al passaggio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al passaggio

 

 

Coste di lini
bianchi
contendono
lo sfatto ardore a
Demetra       un po’ di più
       a
       ogni passo
       sprofonda.

Borgo di san Petronio, bologna. 19 agosto 2017
 

( per leggere di più clicca QUI )

 

 

 

 

 

 

Di levante

 

 

 

Di levante

 

 

Dorato
palpabile dis
stare
della torre
nel cielo che scolora

di
levante       nella sera.

Piazza della Mercanzia, bologna. 18 agosto 2017
 

 

 

 

 

 

Stare

 

 

 

Stare

 

 

Stare, davanti al sonno dei giorni
come

alla riva di sabbie
davanti al
mare
— l’orizzonte di sale
tastando       luce
trasfigura

Borgo di San Petronio, bologna. 8 agosto 2017
 

 

 

 

 

 

Invecchieremo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Invecchieremo

 

 

Invecchieremo        ma come i fiori
che sbiadiscono
il principio della loro fioritura        senza tempo.

Borgo di san Petronio, bologna. 28 luglio 2017
 

 

 

 

 

 

Ascesa marina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ascesa marina

 

 

E
nell’ascesa marina dal
Tempo

solo un crespo di vento che
luccica l’onda,
luce tersa sigilla dal cielo.

torre Chianca di Lecce. 19 – 20 luglio 2017
 

 

 

Ascension marine

Et
dans l’ascension marine du
Temps

juste un frisson de vent
constellant l’onde
de clairs éclats – sceau du ciel

 
Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous

ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 

Luna

 

 

 

Luna

 

 

Luminescenza
ancestrale di parola
che
toglie la voce

e
ditarose nel cielo
sigilla
d’oro e
di fiamma.

torre Chianca di Lecce. 9 luglio 2017
 

 

 

 

 

 

Nel vento

 

 

 

Nel vento

 

 

         E
richiama di Te
il cinguettìo dei passeri
a ondate

il profumo che
schiude al
calore       dolce nell’aria
il frutto del fico
promette
nel vento.

villaconvento di Lecce. 7 luglio 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Vento d’ombre

 

 

 

Vento d’ombre

 

 

In — attesa
la vena di
vento
di ombre
in cui l’occhio di lato
dischiude
all’in — verso.

Santa Maria della Morte, bologna. 30 maggio 2017
 

 

 

 

 

 

In memoria

 

 

 

In memoria

 

 

Sopra i cipressi nelle gole
del vento veloce, tra
i fili d’erba d’attese
fioriti di
margherite.

Cimitero di lecce. 29 marzo 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

E dirti del vento

 

 

 

E dirti del vento

Per Marcella

 

 

E
dirti del vento
come si vede da qua

                e
                    tu scintilla
                    di stoppie
                    fluente

                      ………

Cimitero di lecce. 29 marzo 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Del tempo

 

 

 

Del tempo

 

 

L’avere luogo del
tempo
nei limitari di nuvole all’orizzonte
nello sbiadire d’arie al cielo della sera
nel palpabile bruno delle ombre alla pietra
 

l’avere luogo del vento alle fronde lucenti
nel crepuscolo
blu.

Decumano massimo, bologna. 25 aprile 2017
 

 

 

 

 

 

La prima parola

 

 

 

La prima parola

 

 

Non detta
la prima parola fu data
alla carne       ai suoi tormenti

l’orecchio confida
l’offerta del giorno.

Borgo di San Petronio, bologna. 26 aprile 2017
 

 

 

Le premier mot

Indit
le premier mot
fut donné à la chair ~ à ses tourments

l’oreille confie
l’offrande du jour

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous

ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 

Primevo incanto

 

 

 

Primevo incanto

– ad Andrea, bambino delle stelle…

 

 

Più tardi,
copiose piogge nella notte
levano
fragorose mura
intorno al
nido d’echi
d’inaudito
          e
          stupore

villaconvento di Lecce. 15 gennaio 2017

 

 

 

Sortilège primordial

À Andrea, enfant des étoiles

 

Ensuite,
les pluies intenses
élèvent dans la nuit
des remparts assourdissants
autour
du foyer
des échos
d’inoui
et de stupéfaction

 
Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous

ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Litoranea

 

 

 

Litoranea

 

 

Di lontano
di
rosa
la nostalgia
in — attingibile
distende al
confino
sulle marine.

torre Chianca di Lecce. 12 gennaio 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Crepuscolare

 

 

 

Crepuscolare

 

 

Di ombra di seta
e
di rosa
fuggente
per un ardore di ghiacci

          e si fa neve
          l’attesa

san Donaci di Brindisi. 9 gennaio 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Cuore

 

 

 

Cuore

 

 

Il
cuore        alla radice
 
         lo sfiammo
         di
         una stella.

Nella piazza Maggiore, Bologna. 1 gennaio 2017
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Buon Natale

 

 

 

 

 
IMG-20161209-09056
Natale 2016. bologna
 

 

 

 

La luce guardò in basso e vide le tenebre :
       « Là voglio andare » disse la luce.

La pace guardò in basso e vide la guerra :
       « Là voglio andare » disse la pace.

L’amore guardò in basso e vide l’indifferenza e l’odio, la durezza del cuore :
       « Là voglio andare » disse l’amore.

Così apparve la Luce e inondò il mondo.
Così giunse la Pace e offrì riposo.
Così arse l’Amore e rigenerò la vita.

E il Verbo si fece carne e dimorò in mezzo a noi…

 

– biglietto augurale del Gruppo Scout di Verona

 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Distesa

 

 

 

Distesa

 

 

Distesa
di mattini sereni
nello spazio di
luce
di silenzi        e
freddo.

borgo di San Petronio, bologna. 23 dicembre 2016
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Mare gelato

 

 

 

Mare gelato

 

 

Soffuso
terreno di ghiacci
mare gelato che
affanna        battuto
dal
vento.

borgo di San Petronio, bologna. 19 dicembre 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF3172

Per la membrana

 

 

 

Per la membrana

 

 

A — condiscendere
al
permeabile a — traverso
       poro a
       poro
       per la membrana.

borgo di San Petronio, bologna. 16 dicembre 2016
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Passato

 

 

 

Passato

 

 

Fragili
suoli di
correnti
edificati di rovine
nostalgiche
rovine di un passato
in — fermo        dis
abitato e
solo
nella luce fissa del sogno.

borgo di San Petronio, bologna. Dicembre 2016
 

 

 

 

 

 
IMG-20160418-08456

Levarsi

 

 

 

Levarsi

 

 

           E
non avere via        avanti
a

a — girare
passo a
passo
tastando queste mura
fino a
levarsi di
spavento
da
qui.

borgo di San Petronio, bologna. Dicembre 2016
 

 

 

 

 

 
IMG-20160418-08456

La cura delle stelle

 

 

 

La cura delle stelle

 

 

Il campo siderale della notte
la cura delle stelle

       a
       precipizio

il corpo d’
acque
fuma di ghiacci
all’
incandescenza di luci
sospese sulla via.

Jerusalem Bononiensis, bologna. 8 dicembre 2016
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Nelle brume di rosa

 

 

 

Nelle brume di rosa

 

 

Presto
la natura delle
brume di rosa
fa mosto di
tanto velare di luci

se ne stingono il cielo
e
nell’azzurro il tran — sito
d’oriente
in
un levare di luna.

decumano Massimo, bologna. 9 dicembre 2016
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

In levare

 

 

 

In levare

 

 

A — condiscendere
a un
levare sotto traccia
a un sole anfibio
in questo cielo carsico.

borgo di San Petronio, bologna. 12 dicembre 2016
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Grido di luce

 

 

 

Grido di luce

 

 

        Nel grido

di
luce nel mattino
a — nida
nell’oro
dello slancio        nell’azzurro
che lo conduce.

borgo di San Petronio, bologna. 30 novembre 2016

 

 

Cri de lumière

Dans le cri
de lumière matin
là – niché
dans l’or de son élan
vers l’azur.

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous
ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Un pane d’assenza

 

 

 

Un pane d’assenza

 

 

         Un pane d’assenza

di
gravità
accoglie il risveglio
fra
scheletro membra e
parola

borgo di San Petronio, bologna. 26 novembre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Con ali

 

 

 

Con ali

 

 

Con
tatto di ali
sulla punta delle dita
affidarsi nel sonno
ad una rosa.

borgo di San Petronio, bologna. 26 novembre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Nevica

 

 

 

Nevica

 

 

Nevica d’azzurro
di sereni       nevica
d’oro
e
di sorrisi

la rosaturca nell’oro del mattino
e
tutto il mondo
arrossisce

………

borgo di San Petronio, bologna. 29 novembre 2016
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Immoto

 

 

 

Immoto

 

 

Im — moto
perpetuo
per l’orecchio s’illumina

borgo di San Petronio, bologna. 15 novembre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Batte

 

 

 

Batte

 

 

Tatto di piogge sonoro
di gocce gravi
che battono le foglie
per una disseccata aria
di ghiacci.

borgo di San Petronio, bologna. 14 novembre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Bianco

 

 

 

Bianco

 

 

Bianco        dipana
l’orecchio di
stupori

       silenzio

tempo
non è più,
       volume d’arie
       a —
       densa

borgo di San Petronio, bologna. 13 novembre 2016
 

 

 

 

 

 

Di viole

 

 

 

Di viole

 

 

Di
viole
si fa incontro       di
nuovo radicare
sotto i passi della sera.

bologna. 16 novembre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

L’incanto

 

 

 

L’incanto

 

 

L’in —
canto       d’azzurro
più silente rivela
dal
suo frammento
………..

borgo di San Petronio, Bologna. 12 novembre 2016
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

La notte di San Martino

 

 

 

La notte di San Martino

 

 
Abbozzi per un santo ( in stesura )

          Senza martirio.

          E’ una notte che toglie il respiro, a piccoli tocchi,
          Che ti bagna la gola a sorsate di mare
          Una curva marina
          Respira nel Vento.

   (Il soldato romano che non è battezzato, ha tagliato il mantello e diviso col Cristo.) [11.IX.2013]

   Sono le notti del Fuoco oppure i giorni, quando dai cieli piove rosseggiando. Tempo di quaresima dei forti, per riconoscere miglior avvento.
           —Tu, mi trattieni il braccio.
Mi volto, e non ti vedo. [12.IX.2013]

 

 

 

 


Polittico di Zara. Vittore Carpaccio, 1480-1490
 

 

 

 

 

 

Una rosa

 

 

 

 

WP_20151122_15_07_12_Pro 3 copia
 

 

 

Una rosa

 

 

A — fiorare
dal cuore di silenzi
di
una rosa

          ri — membra
          petalo a
          petalo
          un a — mirare       segreto
          favoloso

borgo di San Petronio, Bologna. 9 novembre 2016
 

immagine da un originale di Pierre Soupir

 

 

 

 

 

 

μύθος

 

 

 

μύθος

 

 

La notte
la lingua
è nido di stupore
nell’orecchio

             senza nomi.

borgo di San Petronio, Bologna. 26 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 

Ramifica

 

 

 

Ramifica

 

 

I palmi delle mani colmi di sonno
in cui
del cielo
         ramifica
         …….

borgo di San Petronio, Bologna. 24 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF1461

Nella tua mano

 

 

 

Nella tua mano

 

 

         E
nella tua mano
l’orecchio mio
si posa.

borgo di San Petronio, Bologna. 24 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF1461

Un verso di canto

 

 

 

Un verso di canto

 

 

Più sottile

     un verso di
     canto
     in queste mura d’assedio
     di
     niente.

borgo di San Petronio. 22 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 

Nella notte

 

 

 

Nella notte

 

 

E viene
pioggia in
levare

          non siamo altro che
          mosto
          di eterno
          ………

borgo di San Petronio, Bologna. 20 – 21 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Sonoro

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

 

 

 

Sonoro

 

Deserto di parole
il mondo
nell’assunzione dei cori
di grilli.

san Donaci di Brindisi – Bologna. Ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Segreto

 

 

 

Segreto

 

 

Di aromatiche
dolcezze
nella vena d’arie
non vista
rovina mosto di parole
di verde-incolto di
petali
e stupefatti fremiti
di zolla.

borgo di San Petronio, Bologna. 17 ottobre 2016
 
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Immoto meridiano

 

 

 

Immoto meridiano

 

 

Nell’orecchio
dell’immoto meridiano
in cui
solo le brume
della sera
………

borgo di San Petronio, Bologna. 17 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Bianco

 

 

 

Bianco

 

 

Levare
            bianco
da un dipanare lento
e
piano, una brezza
     a —
     pena

borgo di San Petronio, Bologna. 17 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF1461

Presto

 

 

 

Presto

 

 

Vereconda
e
casta
smarrita        breve
ai versi del mattino

Silenzio
e
poi
rosa spersa
di luce

         il cielo
         azzurro pallido
         segnato da
         correnti

borgo di San Petronio, Bologna. 19 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF1461

D’oro

 

 

 

D’oro

 

 

E
       d’oro
       nel mattino si punteggia
       nell’alto
       alle cime

 

borgo di San Petronio, Bologna. 17 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF1461

Luce

 

 

 

Luce

 

 

Degli alberi

      alte — fronde
      bagnate di luce
      beneàugure
      di azzurri sereni.

fondazza di Santa Cristina, Bologna. 16 – 18 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF1461

San Vitale

 

 

 

San Vitale

 

 

Nelle brume
delle prime sere
di viole
di campane
una letizia tintinna.

borgo di San Vitale, Bologna. 15 – 18 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF1461

Esposti

 

 

 

Esposti

 

 

Sbavature
nel tempo di
piogge discinte

         rigano greti riarsi
         senza fine
         il corso dei giorni.

borgo di San Petronio, Bologna. !4 – 15 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 

Nel mondo

 

 

 

Nel mondo

 

 

M’incuba       il tempo
dei suoi frutti

         con gli occhi chiusi
         nelle attese del mondo.

borgo di San Petronio, Bologna. 13 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

La Madre

 

 

 

La Madre

 

 

Tracima e
spande
la Madre        distesa ai verdi
con le sue dita d’oro
………

villaconvento di Lecce. Ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF1461

Autunnale

 

 

 

Autunnale

 

 

Nel buio
         della terra
la pietra manufatta
manifesta
i bruni grani
del sogno

piazza Maggiore di Bologna. 11 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Nel marmo

 

 

 

Nel marmo

 

 

Rivederti
al catino di pietra
e
riconoscerci e

       tuffo al cuore
       il tuo tocco di
       fonte sorgiva

e si getta
e
modella
fluente
l’impronta del tuo corpo
di voce.

colonnata di Carrara. 25 settembre 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF2505

Penso a te

 

 

 

« Ogni tuo passo è un movimento di spirito, ogni tuo sguardo è volto alla profondità del mistero. »

G. N.

 

 

 


DSCF2479
A occidente, sul mare — alto.
porto Venere, Liguria. Settembre 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

 

 

 

Nell’attesa

 

 

 

Nell’attesa

 

 

E
           incubare nell’orecchio un’attesa di canto.

bologna. 27 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Iconica

 

 

 

Iconica

 

 

Vivido splendore l’Orizzonte
s’inclina immenso

            e
            luna e
            stelle

al tramonto della notte
che trascorre        nel cielo.

spezia. 24 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Ostile

 

 

 

Ostile

 

 

Non mi ricordo il mare
non ricordo la luce
dei giorni vicini
non ho abitato nell’orecchio del mondo
……..

bologna. 30 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Notte di Puglia

 

 

 

Notte di Puglia

 

 

Una grotta di stelle
       il cielo
       sopra vestigia rupestri secolari.

autostrada Adriatica. 29 luglio 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF1461

Rivelata

 

 

 

Rivelata

 

 

Saldato il cielo
al mare alla
collina

     nella sera che
     schiarisce.

autostrada Adriatica. 29 luglio 2016
 

 

 

 

 

 DSCF1461

Loreto

 

 

 

Loreto

 

 

E il crepuscolo di rose accende la collina
     ……….

autostrada Adriatica. 29 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Gotica

 

 

 

Gotica

 

 

La città si è fatta in qualche notte d’autunno, di ritorno dai boschi nella collina

efflorando
a ogni pietra angolare
di
gotica nostalgia.

Castiglione. 20 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Ombre d’autunno

 

 

 

Ombre d’autunno

 

 

Le ombre che sopravanzano l’oscurità

     — vuol dire che il tempo si è fatto
 carne
 e buio è l’amplesso
 di secoli d’intimità
 di sale.

Castiglione. 20 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Come un rosaio

 

 

 

Come un rosaio

 

 

Vivido
corpo della luna
nella parte di buio del giorno
immensa
     quando gli astri vicini
     ……..

borgo di San Petronio. 20 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Tempo

 

 

 

Tempo

 

 

La muta delle foglie

   d’ampiezza il cielo
   radica di
   Bianco.

borgo di San Petronio. 20 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Selenite

 

 

 

Selenite

 

 

Piumate iridescenze
della luna
incastonate la notte
al sogno di gessi
di cristalli
di sale.

bologna. 17 – 18 settembre 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF1483

Autunnale

 

 

 

Autunnale

 

 

            Si snuda l’aria

al fiato della notte
in cui respira
di timo e
rosmarini
un ascolto di zolla.

borgo di San Petronio. 19 settembre 2016

 

 

 

Automnale

 

L’air se dénude
dans l’haleine de la nuit
où l’on hume thym et romarin
écoute d’une touffe
~

 
Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous
ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 
DSCF1483

Nelle membra

 

 

 

Nelle membra

 

 

E
      di fremiti
      rincalza il giorno       il sonno
      un po’ più in là.

bologna. 17 – 18 settembre 2016
 

 

 

 

 

 
DSCF1483

Nύξ

 

 

 

Nύξ

 

 

Mistero
toccante       la buia densità notturna
e
       l’ala dell’ascolto.

bologna. 15 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Segreta

 

 

 

Segreta

 

 

Corpuscolare fine di una rosa

— segreta       dall’alba al tramonto
sul fondo del cielo

bologna. 12 – 15 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Settembre

 

 

 

Settembre

 

 

Solícita levedad
en ofrecer una rosa
solícito el aire luminoso
y amable
………… *

 

 

Sollecita levità
nel dono di una rosa
       sollecita l’aria luminosa
       e mite
e i versi — a tratti
fanno faville dai nidi segreti
degli ultimi nati.

bologna. 14 settembre 2016

 


traduzione dall’italiano
di Marina De Rose @dipiunonchiedo

 

 

 

 

 

 

Sconfino

 

 

 

Sconfino

 

 

Di slancio         verso l’altitudine incontro all’altomare

       sconfinare d’incolti claustrali
       e fino al tempio dismesso
       salmastro
       ancestrale.

( in sogno ) 14 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

La kore sposa

 

 

e rinunciare
alla menzogna patriarcale di Colei che porta distruzione
— sciogliere la finzione del suo viaggio       disarcionare da sé
la legge
l’oscurità …

 

 

 
I viaggi di Demetra.

 

 

 

Il viaggio

Dicono :
Dalla tomba alla vita
Ritorna
La kore sposa

        … e non sapevano
         Degli occhi bianchi e rossi.

Procede
Senza madre
Senza scorta.
Tutte le età porta con sé,
La nudità di una rosa.

 

 

Atto di dolore

( La kore sposa )

Madre.
Così distolta dal tuo sguardo
E sola
Non ho creduto alla paura
Che mi metteva l’Inferno
Che mi serrava le viscere
Che già mi aveva derubato il passo.

Poi
        Quando il mio gesto
        Ai polsi ha rinunciato
        Alla sua volontà
        — allora ho visto       e creduto
        Alla mia fine.

 

 

Per ogni Ade

Quelle tue mani
In cerca nel mio ventre
Hanno fermato la mia immortalità
— la mia innocenza, dicevi.

E nell’angoscia seguita allo spavento
La castità della mia prima voce svaniva.

*

La kore sposa,
Sposa di te
Compagna al buio trono.

La tua frode non fu rapirmi ai venti
All’abbraccio del mare
Alla madre sempiterna fiorita
— ma la tua legge
Con il suo confino.

*

La cara madre
Voluttuosa e feconda
Sorride nelle selve
Corre con gli animali.
Non sa la madre l’Inferno
In cui gli sguardi stanno separati
E il vivere
Si riproduce senza più generare.

*

Quando l’occhio fu dilatato
E preso al buio
Vidi
Il riflesso che non aveva vita
— ed ero io, bisognosa di cure
Per durare nei ferri.

Lui non si oppose allora, ed io stupii. Lui mi lasciò vagare.
Io — io non cercai la madre.

Ogni tentata via portava sempre a lui, alle sue mani
Che legano
Forti più dei Venti
Sciolgono le membra più lontano del mare.

*

Non saprei dire lo scarto misterioso
Per cui trovai l’uscita :
Di nuovo seppi l’aria, la cara luce intorno
E questo bastò.

Forse, era l’Inferno ad essere svanito.

Che c’ero stata si vedeva ancora ai bordi dilatati dello sguardo.
Non era invece nel mio ventre l’Inferno,
E per questo io non ero ancora perduta.

Ma nemmeno ero io ancora immortale.

 

 

 

 

 

 

Per ogni Ade

 

 

 

Per ogni Ade

 

 

Quelle tue mani
In cerca nel mio ventre
Hanno fermato la mia immortalità
— la mia innocenza, dicevi.

E nell’angoscia seguita allo spavento
La castità della mia prima voce svaniva.

*

La kore sposa,
Sposa di te
Compagna al buio trono.

La tua frode non fu rapirmi ai Venti
All’abbraccio del mare
Alla madre sempiterna fiorita
— ma la tua legge
Con il suo confino.

*

La cara madre
Voluttuosa e feconda
Sorride nelle selve
Corre con gli animali.
Non sa la madre l’Inferno
In cui gli sguardi stanno separati
E il vivere
Si riproduce senza più generare.

*

Quando l’occhio fu dilatato
E preso al buio
Vidi
Il riflesso che non aveva vita
— ed ero io, bisognosa di cure
Per durare nei ferri.

Lui non si oppose allora, ed io stupii. Lui mi lasciò vagare.
Io — io non cercai la madre.

Ogni tentata via portava sempre a lui, alle sue mani
Che legano
Forti più dei Venti
Sciolgono le membra più lontano del mare.

*

Non saprei dire lo scarto misterioso
Per cui trovai l’uscita :
Di nuovo seppi l’aria, la cara luce intorno
E questo bastò.

Forse, era l’Inferno ad essere svanito.

Che c’ero stata si vedeva ancora ai bordi dilatati dello sguardo.
Non era invece nel mio ventre l’Inferno,
E per questo io non ero ancora perduta.

Ma nemmeno ero io ancora immortale.

bologna. Agosto 2013 – Settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Lunare

 

 

 

Lunare

 

 

Fra le coste piumate
che il Vento
la notte
attraversano i cieli
nel silenzio d’autunno
nell’oscurità
…..
          arde fuoco di stoppia nell’ossa
          e calcina

Santa Maria dei Servi. 11 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Demetriaca

 

 

 

Demetriaca

 

 

E’ già notte
nel folto dei rami

e

       risplende la luna       
       a — dormenta
       di foglia in foglia.

Santa Maria dei Servi, Bologna. 11 settembre 2016
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

La coppia

 

 

 

La coppia

 

 

               Alchemica la coppia s’inabissa       di sonno
e
si congiunge
sublime
fino alla superficie.

( in sogno ) 8 settembre 2016

 

 

Le couple
~
alchimie du couple il se naufrage de sommeil
et
remonte uni
jusqu’à la surface
~

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous
ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 

Di un’anima

 

 

 

Di un’anima

 

 

Un morso profondo
           — che cosa vuol dire
nell’economia
stretta
fra muscoli e nervi
di esistere       a — bandonata
perduta.

bologna. 5 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Respiro

 

 

 

Respiro

 

 

E
si fa grotta
scoscesa di sonno
nel petto

        radice
        viscerale
        risacca di Vento
……

bologna. 4 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Ricominciare dall’orto

 

 

 

Ricominciare dall’orto

 

 

Ricominciare dal Vento
mentre trascorre la sua lingua
nell’orto
che batte
       

        ricominciare dall’oro più dolce
        sui frutti del melograno
dal lauro
dal fico
dall’albero di limoni.

villaconvento di Lecce. 23 agosto 2016
 

 

 

 

 

 

La notte giovane

 

 

 

La notte giovane

 

 

    E
            l’azzurra trasparenza nel clamore di una stella

del vento
la brillanza

Borgo di San Petronio, bologna. 28 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Selvatica

 

 

 

Selvatica

 

 

E l’oro di cicale
consuma ai bordi l’ora

nel cielo della sera
dove un deserto chiaro
un campo
un aperto di
nuvole
mosso di correnti        contorna
s — misurando
una vena selvatica
e
una costa d’eterno.

Borgo di San Petronio, bologna. 28 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Sogno di tenerezza

 

 

 

Sogno di tenerezza

 

 

Affidarmi
alle tue mani
madre
vorrei

      la più fonda nostalgia
      da tutta la vita
      sei tu
      sogno di tenerezza.

Orti di Santa Cristina, bologna. 20 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Denuncia

 

 

 

Denuncia

 

Denuncia
questa messe d’amaro
in bocca,
questo fumo che brucia nel polmoni

         questo nuocere al varco
         i puri di cuore.

bologna. 28 luglio 2016
 

 

 

 

 

Buia non è la notte

 

 

 

Buia non è la notte

 

 

Scontornato
il cuore

        trasale a ogni gemito nel cielo
che fa il vento

e
buia non è più la notte
quanto più scuro
e fondo
il male
nei pensieri dell’uomo.

Borgo di San Petronio, bologna. 28 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Rintocca

 

 

 

Rintocca

 

 

Una vena di
bronzi
e
la scaturigine d’arie
sonora.

Nella piazza Maggiore, bologna. 26 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Annidano

 

 

 

Annidano vapori

 

 

A —
nidano vapori
d’aria
e
acque
mutano il chiarore
      lento,
      nelle sere.

bologna. 25 – 26 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

E sul finire

 

 

 

E sul finire

 

 

Da dove schiude
l’aria chiara
e un levare lento
di sera
irragia di
perla
e di rose

      da dove origina lo strappo
      in cui
      scivola
      senza ostacoli — niente
      da fare,
      anche se tutto è incompiuto.

Borgo di San Petronio, bologna. 24 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Di baci

 

 

 

Di baci

 

 

Pianamente
piove
      e
      sono baci di foglia.

Borgo di San Petronio, bologna. 15 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Aedificandi

 

 

 

Aedificandi

 

 

Ondeggia
nell’oro di cicale
incrina di
senso
di parole        il cielo
vertigina.

Giardini Margherita, bologna. 18 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Turchino

 

 

 

Turchino

 

 

Turchino
un candore
             

                e il verso dell’ora che si consuma.

bologna. 22 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

D’altrove

 

 

 

D’altrove

 

 

Una dovizia
d’arie s’asperge
       luce mani —
festa compiutamente
d’altrove
       qui.

bologna. 17 – 22 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Di tenerezza

 

 

 

Di tenerezza

 

 

Dilettoso e piano
moderato
clama di gorgheggi
al nido,
       e
       più dolce arrota il sole
       in gola        soltanto
       per loro.

Borgo di San Petronio, bologna. 15 – 22 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Partiti

 

 

 

Partiti

 

 

Divisi al cielo      ed è rimasto
        il blu
incandescente
solo.

bologna. 17 – 22 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Surrounded by angels

 

 

 

35. (Surrounding)

 

 

Delle atmosfere di demoni
delle ascensioni       beate
della gloria

del buio del dolore del pianto…

 

                             ( delle rivelazioni che portavano le antiche figure ha dissipato il gesto – l’incastro che faceva
il tutelare
assembrando di quelle gli attributi e preparando così l’analogia )

 

                             Quello che viene è la forza e la violenza dei Voli          una seminagione danzante nei gesti
dell’uomo
per il sogno di pittura
più vivo che mai.

bologna. 23 novembre 2013
 

 

 

 

 

 

Mattino muto

 

 

 

Mattino muto

 

 

             Mattino muto con un vento leggero e illuminato. Senza voce.
Ascolto, infinito. Luce impercettibile

sale
e
bagna con il suo splendore         blu
di cobalto il cielo.

Borgo di San Petronio, bologna. 9 agosto 2007
 

 

 

 

 

 

Bianco

 

 

 

Bianco

 

 

 

                          Per l’estensione del cielo

della nuvola di — panare
la durata        e
          uno schiarire
          di sonno.

bologna. 13 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

La mole

 

 

 

La mole

 

 

Con quanta leggerezza
nell’aria trasparente della sera
d’estate        la mole petroniana.

bologna. 12 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

I giorni di Grecale

 

 

 

I giorni di Grecale

 

 

Il silenzio del mattino si leva caldo e chiaro, e dai Giardini in lontananza che contornano il borgo versi di cicale rimano il sereno della maestà estiva. Dall’alba al tramonto consumano del cielo l’eternità di durare        

     e ne disperdono polveri
        e
           oro.

Borgo di San Petronio, bologna. 10 – 11 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Nel blu

 

 

 

Nel blu

 

 

Batte il raggio contro il
cielo
il fuoco
il
tempo cola via.

Borgo di San Petronio, bologna. 9 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Albeggiare

 

 

 

Albeggiare

 

 

S’intreccia vacillante
di nidi
ai versi di cicale.

Borgo di San Petronio, bologna. 7 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Sotto un cielo di stormi

 

 

 

Sotto un cielo di stormi

 

 

            Senza suono

caducità di
vivere       eterna si
rinnova
e aggiunge un volo
e
una foglia.

Vivaro de’ Pepoli, bologna. 7 luglio 2016
 

 

 

 

 

 

Òros

 

 

 

Òros

 

 

D’arance e di miele
quest’ora        sopra la
la zolla che ci addormenta

In un letto di pietra.

Jerusalem Bononiensis. 26 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

In — canto

 

 

 

In — canto

 

 

Per
quali nominare
di chiarità in —
canta
l’aria

     e
     si fa eterno.

Jerusalem Bononiensis. 26 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Ave

 

 

 

Ave

 

 

Sigillo di questa lingua
un alitare angelico
ricorre dai venti
e
sulle acque.

Jerusalem Bononiensis. 26 giugno 2016
 

 

 

 

 

Alate

 

 

 

Alate

 

Orlate d’oro,
a tratti pare che il sangue traspaia
quasi        spumeggiando
nell’inclinarsi
         nel raggio
         al tramonto.

bologna. 25 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Dalle rose

 

 

 

Dalle rose

Dalle rose
polveroso vespero a
battito d’ali,
           e
       gridano i rondoni nel
       tramonto
       che muore.

bologna. 23 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Chopin

 

 

 

Chopin

 

 

a L. Z.

Brillano
le note       in faccia al giorno sereno,
di sotto la volta
di pietra       più chiara
dal tuo sorriso.

Jerusalem Bononiensis. 22 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Essere

 

 

 

Essere

 

 

   e —
sere
del silenzio l’attesa
nel cielo

bologna. 22 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Nell’alvo

 

 

 

Nell’alvo

Limo sognante
sulla costa
dei versi

       dove palpebra chiusa
       di fiume
       riposa.

spezia di Liguria. 7 aprile 2015
 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Luni

Dell’angelo

 

 

 

      Dell’angelo

Tra
vivere      morire
nell’attrito in cui
s’annunzia

          levando.

luni di Liguria. 6 aprile 2015
 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Luni

Viene

 

 

 

Viene

 

 

Dissigillata
vastità del cielo
immensa
in quella del
platano
dischiusa.

bologna. 15 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Fuori

 

 

 

Fuori

 

 

           immensamente
al desiderio
alla sua eco.

bologna. 15 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

L’uscita

 

 

 

L’uscita

 

 

Nella notte, dopo aver lambito un fiume per i suoi greti, dal mio destino ho raggiunto a piedi l’uscita.

bologna. 13 giugno 2016

 

Dans la nuit, après avoir parcouru les gravières du fleuve, j’ai rallié à pied l’issue de mon destin

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous

 
 

 

 

 

IMG-20160319-08335
Il segreto dell’oro e il corpo cavo dei secolari
Giardino d’ulivi secolari, strada provinciale Lecce – Torre Chianca. Marzo 2016

 

 

 

 

 

 

Un brano d’acque

 

 

 

Un brano d’acque

 

 

a Pierre Soupir

Dischiusa i — magine
vede
la fine intrasparenza
dei mondi
        apparire
        qui.

bologna. 12 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Dai battiti

 

 

 

Dai battiti

 

 

Quale sfogliare di derive
dai battiti di bronzi
nella mente
del cielo

bologna. 13 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Dal desiderare

 

 

 

Dal desiderare

Nel corpo nero della notte
come un vascello cavo
di silenzi

        e ricadute d’ardore

alienano i flutti alla deriva.

bologna. 10 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Pubblicato in nidi

Meridiano

 

 

 

Meridiano

 

 

Di quale inabissata
nostalgia
richiama il merlo
da queste grotte di piogge
nel cielo.

bologna. 9 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Il nome mio

 

 

 

Il nome mio

 

 

Come nel vento sulle messi
la voce delle spighe        il nome mio
se mia madre lo chiama.

villaconvento di Lecce. 7 giugno 2016
 

 

 

 

 

 
larosadimiopadre

Tragico

 

 

 

Tragico

Meridiana la deriva
degli incolti di luce, di
silenzio
tragico

punteggiato del ricordo di …che dolce festa faceva quando era vivo il sangue sulla pianura

          e
          sono campi di grano
          e papaveri
          in fiore.

statale 101 Lecce – Gallipoli. 6 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Sigillature

 

 

 

Sigillature

Azzurro        chiuso
di vertigine
il cielo

al verdemare

        Sigilla
        di silenzi.

torre dell’Orso. 6 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Manifesto

 

 

 

Manifesto

Dileguare im —
manente
del mondo,
per il deliquio chiaro
nel fulgore panico
meridiano
del cielo
       inattingibile
       venire meno del cuore.

san Lazzaro di Lecce. 4 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Crepuscolo

 

 

 

Crepuscolo

Un volo sospeso
di gabbiani
          e il sigillo del mare
all’altezza del cielo

autostrada Adriatica. 31 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Levature

 

 

 

Levature

Nella cesura verso
la levatura
del mondo
e
una stella
che si vela di rose

           Una foglia ha schiuso il filodendro come
la palma aperta di una mano. Iridati annunci di luce a oriente appaiono nel cielo e svaniscono        e
si ritrovano un po’ più in là, come a segnare il cammino. Un bambino.

autostrada Adriatica. 31 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Mattino

 

 

 

Mattino

Mattino di fiori viola
Coronato di passeri

          Bendato di un sogno d’acque il cielo

villaconvento di Lecce. 1 giugno 2016
 

 

 

 

 

 

Visitazioni

 

 

 

Visitazioni

     E
s’incamminano
piano        come
battiti di ciglia
sulla pagina di foglia

          levare di pioggia

bologna. 29 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

D’estate

 

 

 

D’estate

Per
quale luminosa alchimia
il culmine del
fulgore
rin — tocca
questo dolore fondo
e
sordo
innerva le nostre diserzioni
al destino
d’inestinguibile pianto.

bologna. 28 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

La vena d’acque

 

 

 

La vena d’acque

Notturna        la vena d’acque
tracima le correnti
e
      luce manifesta
      di brividi la vita
      al mondo.

bologna. 27 – 28 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Sereni

 

 

 

Sereni

Stratificate        velature
informano il sereno
    di quali
    molteplici
    di — stare.

bologna. 26 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Un richiamare

 

 

 

Un richiamare

 

 

                    E quando lo slancio è vinto nella polpa viva

un richiamare        nell’aria
tormenta di
versi
l’uscita.

bologna. 18 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Addentro

 

 

 

Addentro

E
niente succede
di fine
o elevato
ma un sopraffare di forze
che spinge a
cadere

            un letto di fango

bologna. 18 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Un’aria

 

 

 

Un’aria

Inter — detta
superficie        fino a
    toccare
    a
    espellere da me
quest’aria
di annunzio
senza corpi
   o
       parole.

bologna. 18 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Aurale

 

 

 

Aurale

Tra — puntano
la filatura
d’azzurro e
d’oro,
la levatura d’acque
del giorno
e alla distanza
notturna
an —
nidano
di canti.

bologna. 22 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Del cielo

 

 

 

Del cielo

Schiarito
il blu del
cielo
del tempo e
vano
immenso

          nello spavento di certe giornate estive …

bologna. 23 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Inattese

 

 

 

Inattese

Piovono
parole

          cedono il passo le ombre della sera

cadono
petali di
fiore       un ostensorio
il viso.

bologna. 23 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Pubblicato in nidi

Rosa Mistica

 

 

 

Rosa Mistica

 

all’accorato pensiero di Francis Royo

 

       E piove
a battiti
di cuore
       un’aria lieve
rintoccava       ed era
un’ala di rose
al cupo suono dei bronzi

       benedette siano le parole

       miracolose
       le parole
       se ora levano le voci
       in cori di preghiera.

E viene sera,
e addensano i sereni
di Magnificat Anima Mia.

bologna. Maggio 2015 – Maggio 2016
 

Cliccare QUI per La Scalinata dei Poeti di maggio

 

 

 

 

 

 

Di maggio

 

 

DSCF0352
bologna, piazza Giosuè Carducci. Maggio 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

Di maggio

Tra —
   secolano i cieli
   sulla bocca
   nera
   del tempo.

bologna. 15 maggio 2016
 

 

 

En mai

Stupé —
faction des cieux
sur la bouche
noire
du temps

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous
ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 

Dis — orienti

 

 

 

Dis — orienti

 

 

Dimenticata

        per tutto il giorno
        un velabro di luce
        fu mancare-di-Lei

e dis — orienti
le ore
mentre si stagliano
di uccelli
mortalità miracolose
a-perdi-fiato
nell’orecchio

bologna. 9 – 13 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Transiti

 

 

 

Transiti

Più solitaria
la città, e le mura
serbano l’ombra
di transiti
di meraviglie
sotto la volta del cielo

………..

bologna. 8 – 13 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Un’ala di rose

 

 

 

Un’ala di rose

            E piove
a battiti
di cuore
e un’ala di rose rintoccava
lieve
al cupo suono dei bronzi.

bologna. 30 aprile – 13 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Tintinna il verso

 

 

 

Tintinna il verso

Tintinna il verso
dai giardini nel cielo        incerta una luce

bologna. 9 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Pubblicato in nidi

Un levare

 

 

 

Un levare

Di petali un levare
sul solco eroso
della notte che si distende

      e si fa lume
      l’alveo        di quale schiuso sperare
      senza oggetto
      e lieve        così
      lieve …

bologna. 11 – 12 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Pubblicato in nidi

Per un granello di terra

 

 

 

Per un granello di terra

Nessuna immagine trapassa dalla notte al giorno, dall’oscuro alla luce. Nient’altro se non questa mia voce sola che attinge da lontano — più lontano, più indietro nel tempo …fino alla scomparsa di memorie da evocare,
fino al punto in cui l’indistinto
è vinto di chiarezza
da un granello
di terra

                   vengono le parole, e non sono le immagini

                   e finalmente le cose sole
                   si fanno innanzi
                   dalle parole.

bologna. 12 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Per Ifigenia – il ritorno

 

 

 

 

Il ritorno di Ifigenia

Sbendata la fronte,
sopra di lei è nuovamente il cielo azzurro di smalto

       sola
       sopra l’altare       abbandonata

tutto intorno la terra
di pietra
di fiori bianchi, riarsa e incolta.
Nell’aria chiara sembra disciolto al sole
forse il sogno
di schiere di guerrieri in armi
che cingevano della sua vita il corso

       del loro ferro di morte
       risuona l’eco in questo vuoto sereno
       nei versi di cicale.

Terra d’Otranto
luglio – settembre 2013
( revisione del testo, Maggio 2016 )

 

 

 

 

 
gimp_dsf8852_proc_595
Riserva naturale Cesine, San Cataldo di Lecce. Luglio 2013
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

 

 

 

 

Per Ifigenia – di segni e vaticini

 

 

Di segni e vaticini

 

 

 

IMG-20140723-04645
baia dei Turchi, Terra d’Otranto. Luglio 2014
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

Di segni
stupisce,
e vaticini nel manto animale
dardeggiato di spasimi        puntellato
dalle
sparizioni

………

        cauterizza
        di luce la parola

bologna. 6 – 10 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Per Ifigenia – il sogno

 

 

 

Il sogno

 

 

                             Fra la terra e il mare

               nel durare di luce dei più arsi sereni         forse più di una brama

     sogna ancora di lei.

bologna. 4 – 10 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Per Ifigenia – le navi

 

 

 

Le navi

 

                        Salpate le navi con il favore dei venti – dicono – per la prova dell’orrendo delitto

              disertata la spiaggia
              e il mare
              disabitate le macchie odorose
              le radure …

bologna. 4 – 10 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Per Ifigenia – il nome

 

 

 

Ifi-genia

 

Alla terra mortale         a tutto quanto è
miracolosamente vivo
la kore immolata, la figlia
all’altare
per sempre distolta nello sguardo di madre

            Ifi
                 genia

            Ifi
                 genia
           …………….

bologna. 4 – 6 maggio 2016
 

 

 

 

 

 

Pygas – Serge Marcel Roche

 

 

 

Ma vie au village – 48

estratti dall’anteprima di traduzione

 

Manda scintille il cuore di Gesù e intanto a noi viene uccisa la parola arrestato il vento e l’amore che come dice qualcuno sarebbe anche il tempo …

 

… ma dove non siamo la luce è bella tuttavia / fra le mura di un tempo era il solo orizzonte, non vedendone l’occhio che segni e rifrazioni,

 

… parlare sì senza predare e strappare rendeva un cielo al caos, guidava fuori un poco dal nostro soffocamento,

 

… poi senza prendere, danzare come prolungamento di lei, essere allora il suo corpo issava nel reale il tutto fino al desiderio,

 

Pygas io l’invento, mi esce dalla bocca, libera reclusa strana al centro dei risospinti che migrano nella notte verde dai fiumi dimenticati, la sola ancora munita d’ali e del ricordo di allora.

Testo di Serge Marcel Roche

 

Cliccare QUI per il testo originale in lingua francese

Cliccare QUI per l’anteprima di traduzione

 

 

 

vie-au-village
 

 

 

 

 

 

Verso dove

 

 

 

Verso dove

Verso dove        questi cammini
nell’atmosfera
di quale natura elementare
che si respira

       madreselva che non appare
       se non a — traverso

bologna. 29 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Di segni

 

 

 

Di segni

Nell’abbondanza
di segni
d’avvenire,
d’incavi nell’aria
alle proprie mani       di orizzonti
            di vissuto
            in sogno
            …….

( in sogno ) 30 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Del canto

 

 

 

Del canto

 

            Ovunque annidano di neve sulle tracce del verso,

assiepano
biancori
fino all’altezza del
canto
di uccelli
alto         tanto da echeggiare
senz’alcuna visione.

bologna. 29 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Nel tempo

 

 

 

Nel tempo

Di rosalattea
l’avanzata della sera
      e un resto di canti
      nel crepuscolo
      sbriciolano
       l’o
       ra.

bologna. 28 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Come l’onda

 

 

 

Come l’onda

 

          Come le fredde sere di questi giorni di primavera

come l’onda
che si ritira al
mare      io
raccolgo a caso
i miei passi
e
la vertigine.

bologna. 26 – 28 aprile 2016
 

 

 

DSCF0017
Il velo delle sere sui marmi di San Petronio. bologna, aprile 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

 

 

 

 

 

” La resistenza e la sua luce “

 

 

 

La resistenza e la sua luce

Così giunsi ai giorni della Resistenza
senza saperne nulla se non lo stile:
fu stile tutta luce, memorabile coscienza
di sole. Non poté mai sfiorire,
neanche per un istante, neanche quando
l’Europa tremò nella più morta vigilia.
Fuggimmo con le masserizie su un carro
da Casarsa a un villaggio perduto
tra rogge e viti: ed era pura luce.
Mio fratello partì, in un mattino muto
di marzo, su un treno, clandestino,
la pistola in un libro: ed era pura luce.
Visse a lungo sui monti, che albeggiavano
quasi paradisiaci nel tetro azzurrino
del piano friulano: ed era pura luce.
Nella soffitta del casolare mia madre
guardava sempre perdutamente quei monti,
già conscia del destino: ed era pura luce.
Coi pochi contadini intorno
vivevo una gloriosa vita di perseguitato
dagli atroci editti: ed era pura luce.
Venne il giorno della morte
e della libertà, il mondo martoriato
si riconobbe nuovo nella luce…

Quella luce era speranza di giustizia:
non sapevo quale: la Giustizia.
La luce è sempre uguale ad altra luce.
Poi variò: da luce diventò incerta alba,
un’alba che cresceva, si allargava
sopra i campi friulani, sulle rogge..
Illuminava i braccianti che lottavano.
Così l’alba nascente fu una luce
fuori dall’eternità dello stile…
Nella storia la giustizia fu coscienza
d’una umana divisione di ricchezza,
e la speranza ebbe nuova luce.

Pier Paolo Pasolini in La religione del mio tempo. Garzanti – 1961

 

Cliccare QUI per un inedito sulla resistenza

 

 

 

 

 

 

Resistenza e “desistenza”

 

 

 

 

 

Calamandrei_HQ
Piero Calamandrei

 

 

I morti della Resistenza vollero essere, credettero di essere, le avanguardie di una nuova classe dirigente, pulita e onesta, fatta di popolo, destinata a prendere il posto di tutti i profittatori e di tutti i corruttori. Quei morti furono la testimonianza e la promessa di un autogoverno popolare in formazione : ma finita la guerra, i vecchi vivi risalirono sulle poltrone e la voce dei giovani fu ricoperta da quelle vecchie querele.

Piero Calamandrei
Passato e avvenire della resistenza, estratto da Resistenza e guerra.
 

Cliccare QUI per l’articolo completo

 

 

 

 

 

 

Accesso di piogge

 

 

 

Accesso di piogge

Scricchio —
la e scintilla
procedendo nel luogo
la caduta di piogge

        dal silenzio di essere,
        pure dis-stare
        molto lontano
        da qui

bologna. 24 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Modlov_sabes que me voy

 

 

 

 
DSCF9995
bologna, via Castiglione. Aprile 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

 

Bologna, sabes que me voy
para echarte de menos

Modlov

 

Bologna,
sappi che vado via
per sentirti mancare
di più

 

 

DSCF9997
bologna, la torre degli Asinelli di scorcio in via Castiglione
Aprile 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

bologna. 22 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Dissigillare

 

 

 

Dissigillare

Dis — sigillare
il fuoco e
il ferro
dov’era il solco
del cuore
impresso a vivo
nella pelle nuda       tra-durre umide
         zolle
         sul calcinato
         di croste.

bologna. 22 aprile 2016

 

 

Désceller

Dé-sceller
le feu et
le fer
au sillon
du coœur
imprimé à vif
dans la peau nue        trans-poser
des mottes de terre humides
sur les croûtes
calcinées

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous
 

              Cliccare QUI per la pagina dedicata sul sito di Philippe Aigrain

 

ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 

Vita mia

 

 

 

Vita mia

 

Degli uccelli dell’aria il richiamo dei canti, dalla finestra aperta nel silenzio della stanza nel giorno alto nel cielo sul cortile

e batti-cuore
in gola

e mi ricordo,
e sotto-pelle
a pietrisco ferita       contro-natura
breccia
all’assedio del cuore.

bologna. 21 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

D’azzurro una mano

 

 

 

D’azzurro una mano

 

Più lento di viole l’imbrunire

quando inattesa
d’azzurro una mano
accendeva di —
stare
dietro ai tetti,
e
luna che ascende
indistinguibili
crinali a —
venire.

bologna. 19 – 20 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Di fremiti

 

 

 

Di fremiti

Di fremiti
la carne, parla per sé
………
       questa pelle      parola
       da vivere

San Michele in Bosco. 18 aprile 2016
 

 

 

IMG-20160418-08456
Angelo segna-vento sulla loggia dell’ingresso monumentale dell’Istituto Ortopedico Rizzoli
bologna, San Michele in Bosco. Aprile 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

 

 

 

Al cuore

 

 

 

Al cuore

Tumefatta la polpa
nel solco
che scava, al centro del petto
alla vista del cuore.

E tutto intorno alla ferita
si brecciano
pietre
s’incrostano alla pelle
— estinto il sangue
cauterizzate le vene
alla radice.

( in sogno ) 17 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Stasera

 

 

 

Stasera

Il segno a croce nei venti del cielo
ri-vela il punto esatto di luna.

Santo Stefano
bologna. 17 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Antichi borghi

 

 

 

Antichi borghi

Sparuti
agli Appennini sopra il livello del mare
dove
il silenzio di pietra
degli abbandoni
è abitato dei raggi di sole
e di rondini a primavera
            i morti nella casa,
            stanno impiccati
            come nell’isba la poetessa *
— desolato
lo stesso lago del cuore.

* Marina Ivanovna Cvetaeva

Grazie a Lisa. 15 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Scritto nell’aria – una nota

 

 

 

Scritto nell’aria – una nota

Scritto nell’aria è il gesto nel suo principiare di carne e sangue e miracoloso entusiasmo. Il tra-gitto fra i momenti diversi che precipitano il prender forma, intermittendo di continuo la volontà nel segno dei suoi divenire.

Accostate – così – tutte le vie possibili di un a-bandonare, che acconsente della forma non più della sua impronta assiepata nelle flagranze di tutti i suoi passare…

bologna. 15 aprile 2016

 

cliccare QUI per Scritto nell’aria

 

 

 

 

 

 

Scritto nell’aria

 

 

 

Scritto nell’aria

 

Ci sono luoghi-di-colore che non finiscono di trasmutare il segno dei loro divenire

accostati       abbandoni
acconsentono
l’impronta di un
passare
passato de –
flagrato

E ritornano
e in cerca
assiepando umidori e
solitudini
che non si coniugano
mai.

bologna. 11 aprile 2016

 

cliccare QUI per una nota

 

 

 

 

 

 

Piazza Santo Stefano

 

 

 

 

DSCF9579
Il mercatino dell’antiquariato, ogni seconda domenica del mese.
bologna, piazza Santo Stefano. Aprile 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

Piazza Santo Stefano

Nel deserto del tempo
sereno
appena un giorno di sole…

            d’improvviso la pietra
            al
            grido       scoppiato
            di un bambino

 

bologna. 10 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Il raggio

 

 

 

Il raggio

Stiletta l’uccello
il deserto del giorno di luce
con il raggio del canto.

a Francis Royo, poeta
1.11.1947 – 14.3.2016

 

 

cliccare QUI per un’eco dei versi su :
 

MOTS LIÉS

Slow Reading—Parcours de lectures

stiletta-l-uccello-il-deserto-letcr1-exp4

 

 

 

 

 

 

Fiabesco

 

 

 

Fiabesco

Fiabesco di luna
l’arpione all’infinità
         di
         essere
         stella.

bologna. 9 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Nell’umus

 

 

 

Nell’umus

E la trama
     a ruote
nell’
umus del cielo
stellato.

villaconvento di Lecce. Marzo 2016
 

 

 

DSCF8717
Fioriscono asfodeli nelle piane di Ade come nei giardini d’ulivo abbandonati.
montevergine di Arnesano (Lecce). Marzo 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

Cliccare QUI per l’articolo completo

 

 

 

 

 

 

Concerto di Pasqua

 

 

 

DSCF9464
Basilica di Sant’Antonio da Padova. bologna, aprile 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

Concerto di Pasqua

E
di ali un fremere
tutto
alla base del cuore
a-vicendarsi
di
stormi in volo       d’angeli
un tuffo al soffio inter —
rotto, palpitando
       e nella volta della notte
       misteriosa
       levatura in sogno
       di nembi che
       rischiarano
       fino ad estinguersi
       nel
       blu.

Bologna. 2 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Barbarico

 

 

Se la lingua nasce complessa già
e misteriosa
………….

 

 

 

DSCF8740
Dissodati
montevergine di Arnesano ( LE ). Marzo 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 
cliccare QUI per leggere di più
 

……. in lavorazione ……

 

 

 

 

 

 

Je m’arrête

 

 

 

Je m’arrête…

« Rivengo in te       — nei tuoi passi       se vuoi »

                il Tupperware
                e la grattugia
                arancioni, bagaglio del viaggio. Puliti,
                lasciati sul marmo
                bianco
                di cucina

« Posso fermarmi,
       se vuoi      je m’arrête
       nel noi. » 

( in sogno ) 4 aprile 2016
 

 

 

 

 

 

Pubblicato in nidi

Senza-vento

 

 

 

Senza-vento

 

In morte del poeta Francis Royo

 

Farsi stipite        al passaggio
del Senza-vento

bologna. 29 marzo 2016
 

 

Se faire chambranle
au passage
du Sans-Vent

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain
 

cliccare QUI per leggere di più

 

 

 

 

 

 

” Passare oltre … “

 

 

 

Ce n’es pas un esprit qui a fait les choses,

Antonin Artaud Artaud le Mômo

 

 

 

 

DSCF9352
La via stretta della passione
lecce, basilica di Santa Croce. Marzo 2016
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

Cliccare QUI per l’articolo completo

 

 

 

 

 

 

La saldatura

 

 

 

La saldatura

Disertata —
      per quanto tempo, questa saldatura
      di crinali
      con la tavola d’ossa
      …….

Bologna. 25 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Disanima

 

 

 

Disanima

Uno spazzato vuoto
di vento
al cuore di
      niente-da-vedere
disanima
spettro di materia
in superficie
il risvolto alienato
da profondità
      — per il di-serto di tensione eretta
      nel desolato
      si evapora.

Lecce. 22 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Metamorfosi

 

 

 

Metamorfosi

Corpo di marosi
metamorfosa
il nome di maree
fumigando nel-mezzo-verticale
alle urgenze del vento

       batte-ndo
       la nera sempiterna
       baluardo di correnti.

Porto Badisco, in Terra d’Otranto. 21 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Di correnti

 

 

 

Di correnti

Imbiondisce la via
piumata
di sotto al livido        scosso di correnti

il mare nero

San Cataldo di Lecce. 21 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Un resto di gioia

 

 

 

Un resto di gioia

Resta di che sperare       ancora
sulle palmette nell’oro
alle cime dei fichi
      — un
      resto di gioia
      feconda.

Strada provinciale Lecce – San Pietro. 19 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Minuendo

 

 

 

je diminue. —

Pierre Soupir

 

 

minuendo
nel numero       estinguersi
poco di fuoco
        — perire       minuto

Villaconvento di Lecce. 16 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Nella luce di piogge

 

 

 

Nella luce di piogge

Fra due clausure
di pietre
di
dolore
eucalipti sconfinano
( con le mezzelune
laminando in luce di
piogge
di vento )

                nell’in-cavo
                rimosso
                di terra sognante
                palude-scritta
                piumata
                di correnti.

Strada provinciale Lecce – San Cataldo. 16 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Aedificandi

 

 

 

Aedificandi

Non abbiamo edificato cattedrali

                  — ci siamo fusi
                  via       lucente,
                  colmando le mancanze del de-siderare.
                  E senza resti,
                  nella forma senza corpo
                  nel punto senza spazio
                  nel senza-tempo estraneo
                  all’eternità.

( in sogno ) 16 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Pubblicato in nidi

Fosforico

 

 

 

Fosforico

Di schianto
fosforico
sopra gli ulivi l’oscurità
imperversa
contro-corrente
impercettibili clamori
in lingua di foglia.

Salento 12 – 15 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Catarsi

 

 

 

Catarsi

Che mi avrebbero saldato il cammino a questo nido di Legioni celesti, per il tramite del danno irreparabile alla nascita nel sale e nella polpa . . .

bologna. 5 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

E le parole

 

 

 

E le parole

Spiaggiate
           derive
di
maree

all      asciutto
luminoso dei giorni.       Tempo

     ( e le parole nel volume s’immergono
       rifratte
       da costanti di correnti )

bologna. 3 – 4 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

Ultimo stupore

 

 

 

Ultimo stupore

Se ne vanno
di baci sulla bocca
dei vivi       forgiando del morire
la distanza,
ultimo stupore.

bologna. 1 marzo 2016
 

 

 

 

 

 

L’altezza del cielo

 

 

 

L’altezza del cielo

L’altezza del cielo
sulla piazza
cancellano le ombre per metà e più

             del povero cristo
             gettato fra il portico e la strada
             la cantilena questuante non desta
             un moto del cuore
             tanto stanotte la Grazia
             ci manca.

bologna. 23 – 24 febbraio 2016
 

 

 

 

 

 

CONTREPOINT – Janvier 2016

 

Francis Royo  les mots
Claudine Sales  les couleurs
Traduzione dal francese rosaturca  

 

CP 84 – 7 JANVIER 2016

“ tu
tisses
comme feuilles en hiver
une flamme confondante
et glacée

d’un chagrin
une mémoire ”

 

 

formatpied
 

 

tu,
tessi
come foglie in inverno
una fiamma che confonde     ghiacciata

di uno zigrino
un ra-
memorare

 

Cliccare QUI per l’articolo completo

 

 

 

 

 

 

Primule

 

 

 

Primule

Nel cuore della notte
sotto un’ala gocciante
nel cielo
profumano primule
la via dell’Aperto.

bologna. 13 febbraio 2016
 

 

 

 

 

 

Intermezzo

 

 

 

Intermezzo

Affiorare alla schiuma del giorno
con il piede alle sparse correnti,
alla dimenticanza nel sorriso       solitaria
lontananza di affetti,
allattata di parola

Aria nuova che infiora di vento

La notte di stelle

bologna. 10 febbraio 2016
 

 

 

 

 

 

Zoé

 

 

 

Zoé

Rasoterra celeste
il richiamo
al selvatico eterno
dal profumo di un fiore.

bologna. 10 febbraio 2016
 

 

 

 

 

 

In quiete

 

 

 

In quiete

In potenza raccolta
nel gemmare segreto
dal sonno di bocciole
           ………….
           nella forza del pugno
           scettrato
           di una pigna
           di fiori.

bologna. 6 febbraio 2016
 

 

 

 

 

 

Le nevi di febbraio

 

 

 

Le nevi di febbraio

Le nevi di febbraio
calcinando di gelo
imbiancano
di silenzi
un’altra vita

( una madre piccolina
  riverbera nel buio
  cosmi solitari da condurre
  nella mano )

bologna. 5 febbraio 2016
 

 

 

 

 

Luminare dai mondi

 

 

 

Luminare dai mondi

E nell’orecchio
l’oro germinale
di un azzurro

           ( i cori lontano
             del chiarore
             che fa il vento )

E luminare
dai mondi,
nel mezzo di fuochi.

bologna. 4 febbraio 2016
 

 

 

 

 

 

A due voci

 

 

 

Un chiarore per se stesso

In qualche istante la nebbia ha avuto ragione su di noi, sulle nostre vite luccicanti e prive di splendore. Un corpo di chiarore per se stesso, ha occupato tutta l’aria e le distanze un dipanare di sogno, e la pietra manufatta e il suo detto solitario nuovamente si confidano nell’occhio restituito d’improvviso alle selve.

rosaturca

 

 

                     Une clarté en soi

En un rien de temps, le brouillard nous a englouti, nous et nos vies scintillantes et privées de splendeur. Bloc de clarté en soi, il a occupé tout l’air et les lointains démêlant le rêve. Alors, la pierre taillée et son dit solitaire se confient à nouveau dans la vue des forêts soudain retrouvée.

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain
ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

Nota alla traduzione

L’incantesimo dell’aria declinato in un’altra dimensione, altri occhi nei ritagli della nebbia tra la pietra e le selve riecheggiano le parole di Philippe Aigrain, che attraversa la mia lingua del testo con la danza delle sue immaginazioni. Con la gioia di un dono inatteso ricevo la sua traduzione, e mi slancio incontro all’invito dei suoi passi diversi. E quanto più magico diviene questo germogliare misterioso d’eco : a due voci, una doppia melodia nella stessa armonia. Perché quello che conta davvero non è la stessa cosa in una lingua diversa — se mai fosse possibile…. Ma un’altra voce toccata da risonanza, che possa germinare dall’inedito fondo comune di tutte le parole.

Come dice bene Philippe quando parla del demone della traduzione

 

              Cliccare QUI per la pagina dedicata sul sito di Philippe Aigrain

 

 

 

 

 

 

Un lungo sonno

 

 

 

Un lungo sonno

Fuoco di braci che
disseccano, ardendo
fino all’osso

— dormire sul ferro
e cemento
che gravano e
sfiancano

finché il sogno di piogge
nell’orecchio
affranchi questo sforzo
di ri-salita
contro
corrente
al primo sbocco
della vita.

bologna. 30 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Santa Maria dei Servi

 

 

 

Santa Maria dei Servi

Limpida
minutamente tutta stellata
notte sì cara
da ricordare
           l’aria chiara e
           un tramonto di luna       lentissimo
           e
           terso.

bologna. 28 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Promesse de neige – Hervé Chesnais

 

 

 

perché l’infanzia non ha mai fine …

 

I bambini aspettavano la neve. I bambini non hanno pazienza. Gridavano per crepare le nuvole, disegnando sui loro quaderni dei cannoni puntati verso il cielo basso, facevano cerchio nel cortile, come pagani sotto gli alberi spogli con tutte le loro forze sfidando l’equilibrio delle nuvole……….

Hervé Chesnais

Traduzione dal francese di rosaturca

cliccare QUI per l’articolo completo

 

 

 

 

 

 

Sul margine

 

 

 

Ogni volta tra — durre      e poi

Dimentica

e

nuovamente tornare
sui miei passi le sue immagini — le sue ? Le mie parole.

Il testo, la marea del corpo che forma questa voce. sempre là che riecheggia la sua attesa, e innestato alla mia lingua a colpi di incisioni. Illeggibile questa teoria di pelle e di saliva, questi orizzonti che si sfanno di polvere. questa traccia del sangue declinato nelle sue calcinazioni.

Tentazione di abbandonare — sempre la stessa.

E poi. Sei tu che leggi per caso e non dici niente. Guardi. Riguardi le parole, segui lo scritto del testo, ti guardi intorno. E’ stato allora che ho visto. qualcosa passare fra noi e potere sospendere il verso del tempo. qualcosa si è visto, è avvenuto. chissà dove chissà perché.

bologna. 23 dicembre 2015
 

cliccare QUIchissà dove chissà perché

 

 

 

 

 

 

Ma vie au village – Serge Marcel Roche

 

 

 

calao-crâne

 

 

 

Episodio 31

I nibbi girano il cemento del cielo, le grida sono più lucide, il rumore della città in alto crepita nell’orecchio. Occorrerebbe che il corpo non fosse così stanco. Si vede talvolta un occhio in una parvenza di blu che ci guarda, una scoria di nuvola prima che si dissolva. « Ah, mais n’oubliez pas le sang toujours sur la route, les solitaires que l’on calcine… » No, noi non dimenticheremo della foresta il sangue che passa ogni giorno sulla strada, e nella savana gli alberi calcinati anneriti, solitari nella morte. La pietra si arroventa e noi a cuocere nell’oblio. a predire di nausee, di spasmi. eppure a sentire lontano, così lontano da superare la distanza degli aerei. a prendere l’aria cattiva che ci spezzerà le ossa e addormentarsi dicendo che non esiste niente. auscultare gli hiboux asmatici. avere le dispepsie lunari. affannare tra schiuma e lenzuolo. seguire sul soffitto tutta una geografia di macchie e resti dei nembi di pioggia. volere, in sogno, penetrare degli istmi che si restringono. ancorare la piroga al letto. Poi vorremo che tutto questo finisca, come finivano i vecchi dischi continuando a girare, scricchiolii di zaffiro sul fondo dell’orizzonte nei secchi pascoli.

Serge Marcel Roche

Traduzione dal francese e corsivo in italiano nel testo di rosaturca

 

cliccare QUI per l’episodio in lingua originale

cliccare QUI per la nota a margine

QUI un’anteprima di più episodi tradotti in italiano

 

 

 

 

 

 

Antenata

 

 

 

Antenata

Silente
       come un conflitto
       irresoluto e
       vivo
       e aspro di silenzi.

 
Hai infilato la mia porta
vibrando
la tua presenza
nel luogo in cui
non eri attesa
       e scompigliando
       l’interezza e
       l’oriente
       del canto.

bologna. 21 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Voi

 

 

 

Voi

Da quale accesso
risorti       per quale lungo viaggio
giungete
fino a noi,
le nostre vite
fermando con
lo stupore
di un
perché.

bologna. 21 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Mare blu

 

 

 

Mare blu

Nell’ondivago
mareblu       nel corpo vasto
misterioso e
certo      
leva il suo piede
lo scritto di corrente.

bologna. 19 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

16 gennaio

 

 

 

16 gennaio

per il giorno della mia nascita

 

E il non avere
luogo
da tutta la vita,
ma una vena di vento
rasoterra fra i verdi
che profuma di
Aperto
             e un frinire di notti
             di stelle
erano segni
certi
di poetica follia.

bologna. 15 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nelle valve

 

 

 

Nelle valve

Nelle valve fluttuanti
fra notturno e
marea,
toccata d’acque la
carne
nell’interregno      sonora e
muta
ri – fonda

       si
       posa
       …..

bologna. 14 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Negli occhi del dio

 

 

 

Negli occhi del dio

E lo stupore negli occhi
del dio
alla vista raggiante della notte stellata
……
Il cuore – quieto – comprende
la necessità
del suo nascondimento.

villa convento di Lecce. 9 gennaio 2016
 

 

 

 

 

D’inerzia

 

 

 

D’inerzia

Accumuli di bianco
senza vento
trapassano le ore       all’orizzonte
trattengono
riserve d’acqua
intorno,
                   alla deriva.

villa convento di Lecce. 9 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Sensuale

 

 

 

Sensuale

Eterne ricorrenze di marea      e
toccata da carne
la pietra,
di verdi tremuli
il vento, e di dolcezza
di rovi
odoroso lo spirito del frutto
per un’altra stagione.

torre della serpe, Terra d’Otranto. 8 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Secentesco

 

 

 

Secentesco

E come posa d’inverno la pietra
salmastra
angolare
di secoli manufatti
nell’imbrunire
di un’aria
di mare
……..
            solitaria
            architetta
            nel capriccio dei venti.

bologna. 25 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

A te

 

 

 

A te

A te ri – guarda
questo calare di luna che
ti avvicina
straniera creatura di questi luoghi
– tu, che hai
cessato
di pensare
la tua mortalità
disabitando
questo vascello intagliato di secoli.

bologna. 20 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Buon Natale

 

 

 

 

DSCF6841

 

 

 

Per tutti quanti camminiamo nel buio di una ferita che non rimargina mai, possa stanotte una Luce danzante diffondere il conforto della sua cura.

 

 

 

DSCF6880

 

 

bologna, Notte di Natale 2015 :

esterno, levare di luna sul quadriportico di Santa Maria dei Servi ;

interno, cattedrale di San Pietro, pala d’altare di Donato Creti, 1736. Particolare dello sfondo con la vista della città.

( cliccare sulle immagini per ingrandire )

 

 

 

 

 

 

Genealogia

 

 

 

Genealogia

“fino al tempo in cui spenta sarà la luna”

Grotta istoriata
d’ombre
al
posto del cuore

              Sul lastricato echeggia
              il battito dei passi
              e non si addentra
              al mistero
              una sola parola.

bologna. 17 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Al mattino

 

 

 

Al mattino

Al mattino
tastare la ferita
che segna
a due

E una gabbia di costole
      e
      vento

bologna. 17 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Da quale forma

 

 

 

Da quale forma

Da quale forma di membrature
affaccia questo volto,
da quale inclinazione
si levano lo
sguardo
la parola

bologna. 17 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Nell’eco di parola

 

 

 

Nell’eco di parola

Dimorare nello scomodo
anfratto di
voce senza,
a
questa venuta
sottomessa o …

Tentare il passo e
l’arida distanza
e un resto d’insonnia
nell’eco di parola.

bologna. 17 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Qualche cosa di vivo

 

 

 

Qualche cosa di vivo

Mi attraversa
di brividi

           Io so
qualche cosa di vivo
a innesto
mi coglie

Nell’ora senza più parole.

bologna. 17 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Verdeggiare

 

 

 

Verdeggiare

Nella notte
solitaria
nell’autunno di viole
muove
di primavera il
sogno di un — Tu,
a verdeggiare.

bologna. 16 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Pubblicato in nidi

Un fiore

 

 

 

Un fiore

Il deserto        lo attraversa
con un fiore
tra le mani

         porta un sigillo nelle mani
          – è
          come un fiore  

bologna. 16 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Pubblicato in nidi

E si ferrano le ore

 

 

 

E si ferrano le ore

L’inattingibile distanza che
ci separa
      le notti
      diverse

E si ferrano
le ore
del conflitto di vivere.

bologna. 14 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Del mattino

 

 

 

Del mattino

Il biancore del mattino
quando ancora non è vinto
nell’azzurro
nelle fibre del gelo.

bologna. 12 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Quando i visceri

 

 

 

Quando i visceri

Quando i visceri ascoltano
in – conoscibile
         luce
         nella stanza,
         al levarsi del giorno …

bologna. 12 dicembre 2015
 

 

 

 

Andare

 

 

 

Andare

Abbattere
dei giorni queste
mura di trame,
al dolore
richiudere la porta
sull’oscuro
e poi

        dis – togliersi da
        questa ricaduta
        tentare nuove desinenze
        non
        sedi – mentare
        andare         non seguire
        più.

bologna. 10 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Per immagini sole

 

 

 

Per immagini sole

 

 

 

DSCF6302
Teresa Muratori, Il miracolo di San Mauro (1661-1708)
Chiesa del Crocefisso, complesso di Santo Stefano. Dicembre 2015
( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

Prima della caduta.

 

cliccare QUI per l’articolo completo

Jerusalem Bononiensis, questa sera. Dicembre 2015

 

 

 

 

 

 

I pomeriggi di brume

 

 

 

 

 

DSCF6067
Monte Donato. bologna, novembre 2015
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

 

 

 

I pomeriggi di brume

I pomeriggi di brume
dei mattini sereni       chi li raccoglie
             al primo gelo d’inverno,
             chi se li porta
sulle braccia, fino all’espiro
d’azzurro fra
la terra e il cielo,
sopra le rime
di sogni dei rovi?

bologna. 30 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

Segreto

 

 

 

 

 

DSCF6055
Monte Donato. bologna, novembre 2015
( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

 

 

 

Segreto

Nell’alitare segreto
e gelido
un tremolare di
foglie
non visto
dal vento.

Monte Donato. 29 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

“bouche à bouche…” – Pierre Soupir

 

 

 

” bouche à bouche
avec la froideur
d’un souvenir ému “

                                          Pierre Soupir

 

 

bocca
a bocca
con il rigore di un
ricordo
commosso

Traduzione dal francese di rosaturca
 

cliccare QUI per l’anteprima delle traduzioni di versi di Pierre Soupir

 

 

 

 

 

 

Un’altra volta, per sempre

 

 

 

Un’altra volta, per sempre

E le minute trasparenze
tra i rami della sera,
fra l’ultimo dei verdi
e il più pallido
     oro,
     trasale
il ricordo
di quando tutto questo fu
un’altra volta, per sempre
— la prima.

bologna. 1 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Fra la città e la pietra

 

 

 

Fra la città e la pietra

Fra la città e
la pietra          sorpreso
        nella sera
                a veleggiare

bologna. 1 – 3 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Quale nome

 

 

 

Quale nome

Quale nome
per queste ombre di arance
e di rose
per questo lume di miele
e questo evo
secolare lentissimo
a declinare.

bologna. 1 – 3 dicembre 2015

 

 

Comment nommer

Comment nommer
ces ombres d’oranges
et de roses
ce rayon de miel
et ce vieil âge
déclinant
sans fin
~

Traduzione dall’italiano di Philippe Aigrain @balaitous
 

ATELIER DE
BRICOLAGE
LITTÉRAIRE

 

 

 

 

 

 

Non sono poeta

 

 

 

Non sono poeta

Non bastano i versi per fare una poesia,
come non basta la voce al canto

Saldata
all’incolto dei giorni
miracolosi
di esistere,
allo stupore gettato nel grido
della lingua dei padri        — che le madri non l’hanno.

bologna. 1 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Questi giorni

 

 

 

Questi giorni

Questi giorni
                   per quale forma?

Al ri-paro delle parole
del mondo
lavora la notte
la sua vigna.

bologna. 3 dicembre 2015
 

 

 

 

 

 

Disincagliarsi

 

 

 

Disincagliarsi

Disincagliarsi
i fianchi
dalla vena sonnambula in cui
corrente
              la vita si
                      cede.

bologna. 29 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

Scismi

 

 

 

Scismi

Benedetti scismi
di sonno

         scambiano il tempo
e questa carne con
una svista
d’eterno.

bologna. 27 – 29 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

Come nidi

 

 

 

Come nidi

Le tue mani nella notte
come nidi che sospingono
le ombre       assiepano
le foglie
misteriosi lucori
e
battiti sospesi
ad albeggiare.

bologna. 27 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

Carioso

 

 

 

Carioso

Addentro il lato carioso
del vento
sulla pietra,
nell’ossidato di una
memoria
di cisti
fra l’organico e
il tempo

nella vecchiezza disertata dall’amore

nell’abbandono
nel fango
che del limo corrente non porta
il sogno
ma la dolcezza
che gela.

bologna. 26 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

Versi comuni

 

 

 

Versi comuni

Il vuoto
s’è fatto orecchio,
il cielo s’è dispiegato
— il tempo
senza un battito
d’ali,
senza eco
o un lamento
— senza
volere
una marea di
versi
comuni nella gola.

bologna. 22 – 24 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

Così l’oscurità

 

 

 

Così l’oscurità

Come del tempo la risacca s’arresta        e là, dove s’accumula, volenterose mani accorrano a dipanare

                    così, l’oscurità.

Monte Donato di bologna. 22 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

In anticipo

 

 

 

In anticipo

In anticipo sul giorno
          brano a
          brano
spiava nell’azzurro
l’aurea alchimia.

bologna. 22 – 23 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

La forma

 

 

 

La forma

Soffio lento
di fiato
sul battito regolare        aderisce
       la forma e
       s’annida
       al suo confino.

bologna. 21 novembre 2015
 

 

 

 

 

Non semina Demetra

 

 

 

Non semina Demetra

               non semina Demetra
               ha scelto
               di non più generare.

Come ogni donna
dal dolore può
rinunciare
a mettere al mondo vita.

bologna. 18 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

Dalle coste del silenzio

 

 

 

Dalle coste del silenzio

Corpo di acque,
di gelo
friabile la notte
che procede nella sua stagione

                       E si veglia, e

si vigila pensose come
àuguri sul ramo
dalle coste di un silenzio
nuovo
sulle semenze del cuore.

bologna. 16 – 18 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

Visitazione

 

 

 

Visitazione

 

 

 
Gimp1.DSCF2979

 

 

 

Passa l’angelo e rintocca
alla mia porta

                   leggerissimo,       
                   la stanza ne rimbomba

E’ nell’attesa
del vuoto
di parola
che il suo silenzio si rivolge a me.

bologna. 8 dicembre 2012
 

 

 

 

 

 

La tavola d’ossa

 

 

 

La tavola d’ossa

Sulla tavola d’ossa
srotolo
le spirali del
Movimento,
fra pelle e smeraldo.

bologna. 14 novembre 2013
 

 

 

 

 

 

Carne sognante

 

 

 

Carne sognante

Carne
sognante       oppure
corpo del testo
in una lingua sconosciuta
e remota      

          di fasci
          e di sangue,
          Tu stai

Dipanare
lentamente, ogni mattino
la fine tessitura.

bologna. 4 giugno 2013
 

 

 

 

 

 

L’arresto

 

 

 

“Et le ruisseau obscur essuie ses lèvres molles à peine décollées”
                                                                   Pierre Reverdy

 

 

 L’arresto

Questi polsi che pesano
al mattino,
questa mancanza di contorno
al cuore
e poi

                        l’arresto della voce
                        è nell’Aperto

Si ridiscende,
con il gelo delle
brume solitarie       aureolano
passo a
passo
….

bologna. 14 – 15 novembre 2015
 

 

 

 

 

 

Parti di me

 

 

 

Parti di me

Solitarie
Parti di me
Giacciono
Addormentate
Posso vederle : l’una
Dall’altra
Separate.
Come per un magnete nel sonno
Che le attrae,
Così ogni sostanza s’ancora
Senziente
Nella profondità.

bologna. Settembre 2012
 

 

 

 

 

 

Terra

 

 

 

Terra

 

 

 

Crepuscolo d’autunno. Piazza Maggiore, bologna
Settembre 2012

( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

 

 

Terra
di cui è fatta anche la carne
si assesta, nel silenzio
– tempo del riposo –
nell’intimo lucore
delle membra
       si addensa
       e si fa
       forza, e slancio.

bologna. Settembre 2012
 

 

 

 

 

 

Una più misteriosa lingua

 

 

 

Una più misteriosa lingua

 

 

 

DSCF5714

( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

Asciugata dal vento non ha più odore la vigna delle sere.
Nell’aria la vena di un selvatico marino e le foglie dei tigli di colpo ingiallite si staccano dai rami, e più lontane da sé vanno a riempire la breve oscurità.

 

cliccare QUI per l’articolo completo

bologna. 10 – 13 novembre 2015

 

 

 

 

 

 

S. M. Roche – Journal de la brousse endormie

 

 

 

 

couverture-brousse

 

 

Éditions QazaQ ( cliccare QUI per scaricare in PDF / ePub )

Chemin tournant ( cliccare QUI per il sito dell’autore )

 

 

 

Poèmes écrits dans la chambre, de nuit.
Lui à la table ne fait rien que chercher
la douceur trop souvent absente du cœur humain,
la cherche dans la forme enneigée de l’effraie,
le nid de l’oiseau-soleil,
le silence du bois,
le coq sur le toit,
les arbres des forêts
et la chair tremblante du vent sous le poids de la gloire.

Vient le jour,
son pendant à porter,
les pistes à départir,
les heures à remonter,
le prochain pas à faire
avec la terre battue du corps
sous le couvert des nuages.

Serge Marcel Roche
 

 

 

Poesie scritte nella stanza, di notte.
Seduto al tavolo non fa che cercare
la dolcezza troppo spesso assente dal cuore umano,
la cerca
nella forma innevata di spavento,

il nido dell’uccello-sole,
il silenzio del bosco,
il gallo sul tetto,
gli alberi della foresta
e la carne tremante del vento sotto il peso della gloria.

Viene giorno,
[ la sua pendenza ] da portare,
le piste da ripartire,
le ore da risalire,
il prossimo passo da fare
con la terra battuta del corpo
sotto il manto di nuvole.

Traduzione dal francese di rosaturca

bologna. 12 novembre 2015