Il primo canto

 

 

 

      Il primo canto

Nel cielo del mattino
il primo canto del merlo
nell’orecchio

schiarisce
la gola dell’oscurità.

 

 
Bologna-20150319-07088 copia
 

 

 
bologna 19 marzo. San Giuseppe falegname

Il giorno è venuto con i versi del merlo puntuali all’aurora. Per tutta la vastità del cielo nel mio orecchio, acuto e limpido il canto si stagliava come per modellare sonoro lo spessore del buio nell’aria. Nel dormiveglia non riesco ad aprire gli occhi, a orientare il mio sguardo verso lo specchio della finestra per scoprire a quest’ora in quale rapporto luce e oscurità si contendono il giorno.
 

 

 

 

 

 

Siamo partiti

 

 

 

Siamo partiti

Siamo partiti con il Vento
nella forma dei mazzolini di aromatiche in fiore

un buon cammino
per un migliore destino era l’auspicio dei vecchi

Cadeva la notte,
ma era soltanto il meriggio
schermato di tende di sonno

Terra d’Otranto. 17 marzo 2015
 

 

 

 

 

 

Notte fonda

 

 

 

      Notte fonda

Che notte fonda sopra il mare      quasi non si vede,
l’orizzonte sfondato e noi
su questo bordo dell’abisso
con i discorsi delle onde nell’orecchio.

Porto Adriano, San Cataldo di Lecce. 15 marzo 2015
 

 

 

 

 

 

Secentesco

 

 

 

      Secentesco

Sospeso al suo declino l’astro del giorno
solitario nel cielo sulla pianura sotto il livello del mare
coronato di rose nell’aria dal fiato delle terre
dal Vento di bonaccia che spira dalle maree.

Case Simini di Lecce. 14 marzo 2015
 

 

 

 

 

Imbiondisce l’ombra

 

 

 

 

DSCF9308
Ex cave di pietra. Mater Domini di Lecce, marzo 2015

 

 

 

 

      Imbiondisce l’ombra

Imbiondisce l’ombra delle sere sui calcari
ai limitari i cieli si piumano di rose
sui giardini d’ulivi uccelli secolari involano richiami
di canti lamentosi.

Mater Domini di Lecce. 14 marzo 2015
 

 

 

 

 

 

Poco lontano…

 

 

 

 
3_DSCF8793
lecce, chiesa della Madonna di monte vergine. Marzo 2015
 

 

 

 

      Poco lontano 

Poco lontano dai centri abitati superate anche le ultime periferie, percorrendo strade che oggi non portano a niente più lontano verso i dominii della luce sotto un cielo che sembra non finire mai. La terra abbandonata fiorisce da se stessa di mandorli, di bianche velature sui limitari di rovi. Fra i banchi mossi di roccia la terra, dissodata una volta tanto tempo fa ora ritorna selvaggia d’incolti. Sparse pietre d’inutili confini sono adesso disertate clausure e i cippi solitari di memorie perdute che assordano d’echi.

Terra d’Otranto. Febbraio – marzo 2015
 

 

 

 

 

 

Negli anfratti di luce

 

 

 

      Negli anfratti di luce

Negli anfratti i luce
negli interstizi del tempo
cullando il sonno
di venute di
parole

e i canti fini degli uccelli al tramonto
e l’azzurro incipiente della sera che strugge
e la clausura d’echi
alla fonte del poema.

Villa Convento. 10 marzo 2015
 

 

 

 

 

 

Un parlare turchino

 

 

 

      Un parlare turchino

       Un parlare turchino alla gola del pozzo
in cui l’acqua scava
sorgiva
la pietra
la vena nei banchi sepolti di roccia

       alle radici dei secolari.

Monte Vergine di Lecce. 9 marzo 2015

 

 

 

DSCF8803
 

 

 

 

 

Segnature di viaggio

 

 

 

      Segnature di viaggio

 

“Lo Haikai è un’erba selvatica
lungo la strada della vita”

                   Matsuo Basho

 

 

Le sei di sera, attraversiamo l’Abruzzo. Siamo a metà del viaggio. Nel cielo scivola lentamente l’oscurità e le dorsali degli Appennini e le valli si accendono delle luci dei fanali. Incomincia adesso il tempo più rischioso alla guida dell’auto, quello dell’ipnosi del buio.

Autostrada Adriatica. 21 febbraio 2015

 

 

 

 

Città Sant'Angelo-20150221-06612( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

Cliccare QUI per l’album completo

 

 

 

 

 

 

Sacro salmastro

 

 

 

      Sacro salmastro

Sacro salmastro
che profuma di zolle
all’imbrunire,
e nell’Azzurro delle sere
di smalto nostalgia
sprofonda in seno alla marina.

Copertino di Lecce. 8 marzo 2015

 

 

 

 
Copertino-20150308-06983 copia
Altare della Croce. Santuario della Grottella
Copertino di Lecce. Marzo 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

 

 

 

Antichità

 

 

 

      Antichità

Antichità
del raggio di
sole sopra il legno del melograno.
Mattino presto,
un passero per un poco
nello stesso colore.

Villa Convento. 8 marzo 2015

 

 

 

 

Lecce-20150308-06939_proc
Albero di melograno che il passero ha visitato
lecce. Marzo 2015
 

 

 

 

 

 

Porta il Vento

 

 

 

      Porta il Vento

Porta il Vento
nell’aria
il profumo di
tutti fiori

Strabocca una vena
selvaggia
di freschezza

               la notte un manto di stelle

Villa Convento. 8 marzo 2015
 

 

 

 

 

 

Il Vento fuori

 

 

 

      Il Vento fuori

Il Vento fuori sta correndo
e sopra il tetto semina pioggia
che non fa rumore
e alla finestra profuma di erba nuova
e di fiori,
e degli uccelli una vena di canti
sopra la terra, fra ramo e
ramo
s’invola.

Villa Convento. 5 marzo 2015
 

 

 

 

 

 

Il giorno muore

 

 

 

      Il giorno muore

Il giorno muore
nei volumi di arie chiare
al Vento

di cielo
e di rose

Estinta ogni memoria di splendore.

Otranto. 4 marzo 2015

 

 

 

 
Otranto-20150304-06931
Località Le Orte. Otranto
Marzo 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

 

 

 

E rimane

 

 

 

      E rimane

E rimane della terra un ciglio
un albero vivo
dietro la casa
lasciato ad aspettare
una stagione d’incolti
dà ora il nome
all’Aperto.

Villa Convento. 4 marzo 2015
 

 

 

 

 

 

Celestiale

 

 

 

      Celestiale

Leucos distende banchi di chiarori
nel giorno celestiale
al Vento.

lecce. 2 marzo 2015

 

 

 

 

Lecce-20150302-06713
Ciglio di strada. Lecce, via extraurbana
Marzo 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

cliccare QUI per l’album completo

 

 

 

 

 

 

Torre costiera

 

 

 

      Torre costiera

Stazione di guardia sotto un cielo marino
sopra il murmure delle onde alta
nella notte
trafitta di stelle.

Torre dell’Orso di Lecce. 1 marzo 2015
 

 

 

 

 

 

L’aperto passaggio

 

 

 

      L’aperto passaggio

Stupisce al giorno lucentezza di tracce
dell’aperto passaggio
che ha toccato il
luogo in cui un dio
la presenza ha vibrato.

Porto Adriano, San Cataldo di Lecce. 28 febbraio 2015

 

 

 

 

DSCF7890_proc
Porto Adriano. San Cataldo di Lecce
Febbraio 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

 

 

 

La calma di marina

 

 

 

      La calma di marina

La calma di marina nelle piogge fini
e silenziose,
cielo bianco e
le cerulee trasparenze
delle attese
sul mare.

Strada litoranea Lecce – Torre dell’Orso. 28 febbraio 2015

 

 

 

 
2_DSCF7966_proc
Canneti di palude. Strada litoranea Lecce – Torre dell’Orso
Febbraio 2015 ( cliccare sull’immagine per ingrandire )
 

 

 

 

 

 

L’Assiolo nei boschi

 

 

 

      L’Assiolo nei boschi

Percuote la notte l’Assiolo nei boschi
con la monotonia del canto che
sprofonda
con battito regolare
verso l’oscurità.

Porto Adriano, San Cataldo di Lecce. 27 febbraio 2015
 

 

 

 

 

 

Luna che reclina

 

 

 

     Luna che reclina

Luna che reclina
cede alla notte intorno
il suo chiarore.
Sciami di piogge velano
stelle dai bagliori sottili
scintillano come fuochi
lontani nel tempo
e biancori notturni
segnano le scriminature
delle profondità
del cielo
          tutto si muove

Villa Convento. 26 febbraio 2015
 

 

 

 

 

 

La notte marina

 

 

 

      La notte marina

La notte marina
porta il sogno dell’onda
che si fa letto di correnti
di Vento
di minutissima pioggia che si disperde —
e nella camera il profumo di fresie
e il cuore schivo dell’anemone
in fiore
e intorno nient’altro
da scindere
né da rifrangere.

Villa Convento. 21 – 24 febbraio 2015

 

 

 

 

Lecce-20150228-06658
I.
 

 

 

 

 

Lecce-20150228-06657
II.
 

 

 

 

 

Lecce-20150228-06655
III.
 
I – III Il mare scritto dalla pioggia
Porto Adriano, San Cataldo di Lecce. febbraio 2015
 

 

 

 

 

 

Il sonno della fiamma

 

 

 

      Il sonno della fiamma

Il sonno della fiamma
nella brace, al tocco e
al fiato
che sprigionano
di nuovo fuoco
in questa notte di Vento
della pietra

Il mirto ha in serbo in giardino
una grotta di fiori
e di licheni

Villa Convento. 22 febbraio 2015
 

 

 

 

 

 

Il sogno del mare

 

 

 

      Il sogno del mare

Il sogno del mare
gonfiò il passo del Vento,
di schiume di risacca
dove confondono dei morti le risa
e gole turchine, di sotto al cielo
fra stella
e stella.

Villa Convento. 22 febbraio 2015
 

 

 

 

 

 

La pioggia fine

 

 

 

      La pioggia fine

La pioggia fine
in fuga
nei battiti del Vento

a est della notte per gli orizzonti fatui di chiarore.

lecce. 21 febbraio 2015
 

 

 

 

 

 

Le prime arie di Marzo

 

 

 

      Le prime arie di Marzo

Non cede nella notte
il canto della collina

non smette di percuotere
il cielo della sera
l’azzurro vacillante
dentro il fiato delle terre.

La mendicanza di un Altro saluto
passa di qua.

bologna. 18 febbraio 2015
 

 

 

Trafitto il sogno

 

 

 

Trafitto il sogno

 

Francis Royo

 

Trafitto il sogno nella tenebra

                    albeggia         sui bordi
                    lingua promessa di poesia.

bologna. 17 febbraio 2015
 

Cliccare QUI per il blog di Francis Royo

 

 

 

 

 

 

Silenzio nell’aria

 

 

 

      Silenzio nell’aria

Silenzio nell’aria
la pioggia si è fermata

Schiarisce la notte

ma non ci sono a trafiggere
l’azzurro del paesaggio
le urgenze dei merli

bologna. 17 febbraio 2015
 

 

 

 

 

Tocca la pioggia

 

 

 

      Tocca la pioggia

Tocca
la pioggia
la foglia, la foresta
sulla capanna scivola una
pioggia da
nidi silenziosi
intrecci di capelli
fra le dita.

bologna. 16 febbraio 2015