Corrispondenze

 

 

 

Corrispondenze

 

 

 

 

 

 

Lago di Pieve di Cadore. Agosto 2018

 

 

 

 

       Che cosa tocca nell’intimo la pietra e la collina ; cosa deriva della montagna alla città antica… Fin dove scivola nell’aria quest’atmosfera soffusa della sera…

 

 

 

 

 

 

Madre Cadore

 

 

 

Madre Cadore

 

 

 

 

 

 

Boschi intorno al lago di Pieve di Cadore. Agosto 2018

 

 

 

 

       Vorrei scrivere dei boschi nella montagna, dell’altezza nel cielo e di come vi abita la luce…..

 

per leggere tutto clicca QUI

 

 

 

 

 

 

Nel recinto lunare

 

 

 

Nel recinto lunare

 

 

Terra — madre
distende al
recinto lunare
al
primo passo,
per destinare di ἀχκύλωσις
una dissoluzione.

giardini Margherita, bologna. 26 aprile 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

ἀχκύλωσις

 

 

 

ἀχκύλωσις

 

 

Fiammata fusione d’impazienza
ridotta
all’immobilità

       e

di — stare
s’addensa.

borgo di San Petronio, bologna. aprile 2018

 

 

 

 

 

 

larosadimiopadre

Un pane d’assenza

 

 

 

Un pane d’assenza

 

 

         Un pane d’assenza

di
gravità
accoglie il risveglio
fra
scheletro membra e
parola

borgo di San Petronio, bologna. 26 novembre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Con ali

 

 

 

Con ali

 

 

Con
tatto di ali
sulla punta delle dita
affidarsi nel sonno
ad una rosa.

borgo di San Petronio, bologna. 26 novembre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Immoto

 

 

 

Immoto

 

 

Im — moto
perpetuo
per l’orecchio s’illumina

borgo di San Petronio, bologna. 15 novembre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Batte

 

 

 

Batte

 

 

Tatto di piogge sonoro
di gocce gravi
che battono le foglie
per una disseccata aria
di ghiacci.

borgo di San Petronio, bologna. 14 novembre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Di viole

 

 

 

Di viole

 

 

Di
viole
si fa incontro       di
nuovo radicare
sotto i passi della sera.

bologna. 16 novembre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Nella notte

 

 

 

Nella notte

 

 

E viene
pioggia in
levare

          non siamo altro che
          mosto
          di eterno
          ………

borgo di San Petronio, Bologna. 20 – 21 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Sonoro

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

 

 

 

Sonoro

 

Deserto di parole
il mondo
nell’assunzione dei cori
di grilli.

san Donaci di Brindisi – Bologna. Ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Segreto

 

 

 

Segreto

 

 

Di aromatiche
dolcezze
nella vena d’arie
non vista
rovina mosto di parole
di verde-incolto di
petali
e stupefatti fremiti
di zolla.

borgo di San Petronio, Bologna. 17 ottobre 2016
 
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Immoto meridiano

 

 

 

Immoto meridiano

 

 

Nell’orecchio
dell’immoto meridiano
in cui
solo le brume
della sera
………

borgo di San Petronio, Bologna. 17 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Nel mondo

 

 

 

Nel mondo

 

 

M’incuba       il tempo
dei suoi frutti

         con gli occhi chiusi
         nelle attese del mondo.

borgo di San Petronio, Bologna. 13 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Autunnale

 

 

 

Autunnale

 

 

Nel buio
         della terra
la pietra manufatta
manifesta
i bruni grani
del sogno

piazza Maggiore di Bologna. 11 ottobre 2016
 

 

 

 

 

 
San Donaci-20161003-08721

Lunare

 

 

 

Lunare

 

 

Fra le coste piumate
che il Vento
la notte
attraversano i cieli
nel silenzio d’autunno
nell’oscurità
…..
          arde fuoco di stoppia nell’ossa
          e calcina

Santa Maria dei Servi. 11 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Di un’anima

 

 

 

Di un’anima

 

 

Un morso profondo
           — che cosa vuol dire
nell’economia
stretta
fra muscoli e nervi
di esistere       a — bandonata
perduta.

bologna. 5 settembre 2016
 

 

 

 

 

 

Un lungo sonno

 

 

 

Un lungo sonno

Fuoco di braci che
disseccano, ardendo
fino all’osso

— dormire sul ferro
e cemento
che gravano e
sfiancano

finché il sogno di piogge
nell’orecchio
affranchi questo sforzo
di ri-salita
contro
corrente
al primo sbocco
della vita.

bologna. 30 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Nelle valve

 

 

 

Nelle valve

Nelle valve fluttuanti
fra notturno e
marea,
toccata d’acque la
carne
nell’interregno      sonora e
muta
ri – fonda

       si
       posa
       …..

bologna. 14 gennaio 2016
 

 

 

 

 

 

Visitazione

 

 

 

Visitazione

 

 

 
Gimp1.DSCF2979

 

 

 

Passa l’angelo e rintocca
alla mia porta

                   leggerissimo,       
                   la stanza ne rimbomba

E’ nell’attesa
del vuoto
di parola
che il suo silenzio si rivolge a me.

bologna. 8 dicembre 2012
 

 

 

 

 

 

La tavola d’ossa

 

 

 

La tavola d’ossa

Sulla tavola d’ossa
srotolo
le spirali del
Movimento,
fra pelle e smeraldo.

bologna. 14 novembre 2013
 

 

 

 

 

 

Carne sognante

 

 

 

Carne sognante

Carne
sognante       oppure
corpo del testo
in una lingua sconosciuta
e remota      

          di fasci
          e di sangue,
          Tu stai

Dipanare
lentamente, ogni mattino
la fine tessitura.

bologna. 4 giugno 2013
 

 

 

 

 

 

Parti di me

 

 

 

Parti di me

Solitarie
Parti di me
Giacciono
Addormentate
Posso vederle : l’una
Dall’altra
Separate.
Come per un magnete nel sonno
Che le attrae,
Così ogni sostanza s’ancora
Senziente
Nella profondità.

bologna. Settembre 2012
 

 

 

 

 

 

Terra

 

 

 

Terra

 

 

 

Crepuscolo d’autunno. Piazza Maggiore, bologna
Settembre 2012

( cliccare sull’immagine per ingrandire )

 

 

 

Terra
di cui è fatta anche la carne
si assesta, nel silenzio
– tempo del riposo –
nell’intimo lucore
delle membra
       si addensa
       e si fa
       forza, e slancio.

bologna. Settembre 2012
 

 

 

 

 

 

Inattese

 

 

 

Inattese

Ho ascoltato la pioggia cadere       senza fare rumore
                 del vento
                  la voce,
                 ma più lontano da qua.

bologna. 14 ottobre 2015
 

 

 

 

 

 

Immoto

 

 

 

Immoto

Del sogno il chiarore, fra le sabbie       il mare
— in piedi sulla rima,
cessate le maree.

Il retaggio della distesa d’acque
agli occhi del cuore
inattingibile distanza che
separa,
non ha derive
e incanta
schiumando di verde
di zolfo
di anemoni lumescenti
nell’acqueo volume muto.

Un sole palombaro.

bologna. 13 ottobre 2015
 

 

 

 

 

 

Di gomiti e di ginocchia

 

 

 
Di gomiti e di ginocchia

Di gomiti
e di ginocchia       
senza destare il tronco
in cui la mente
nel petto

riposa.

bologna. 1 settembre 2015
 

 

 

 

 

 

Poema alla luna

 

 

 

      Poema alla luna

Nella notte calda
il disegno solitario
del vero
come un ritaglio d’accesso
dell’immenso
nel tempo

Durevole riverberare
di tramonto della stella
lontana
da qui,
e il calore di fiato
arso d’ombra

Un momento
l’aria è scivolata dalla polvere
e il cielo schiuso
ha rivelato l’enigma
lo splendore

bologna. 2 luglio 2015
 

 

 

 

 

 

Senza voce

 

 

 

      Senza voce

                                     Senza voce
accostare l’orecchio       dormire
in questi voli.

bologna. 27 giugno 2015

 

 

 

senza-voce-s

Cliccare QUI per leggere un estratto di questi versi su :

MOTS LIÉS

Slow Reading—Parcours de lectures

 

 

 

 

 

 

Di luna

 

 

 

      Di luna

Disegno esatto nell’aria
che ti distende
remota e sorella
di quest’altra curvatura sonora
di secoli, che fanno
i boschi di pietra
e il cielo a punta
nell’arco di un’ogiva.

bologna. 21 giugno 2015
 

 

 

 

 

 

L’ascolto rimesso

 

 

 

      L’ascolto rimesso

L’ascolto rimesso nelle voci del mondo
si ravvolge a questo farsi di silenzi della sera.
       L’incunearsi nell’ombra del legno
di una stella,

uno sfogliarsi d’ali
alla finestra
per questo varco schiuso appena.

bologna. 19 giugno 2015
 

 

 

 

 

 

Très lent et sans rigueur

 

 

 

      Très lent et sans rigueur

Soltanto molto lentamente
ri – guadagnare
la lingua del giorno

dal fondo d’abbandoni
dove non-siamo noi
confusi nel biancore agli accumuli
che fanno la materia dei pensieri

Dall’alto lontano
un canoro pigolare,
uno scheggiare canoro nell’orecchio
       un richiamare sopravanza il
risveglio.

La feritoia nello sporto del cammino
– soltanto fuori da qui –
passo a passo feroce il
distacco
la svasatura
lo slancio.

bologna. 19 giugno 2015
 

 

 

DSCF2511.proc
I.

 

 

 

DSCF2512.proc
II.

 

I – II Via del piombo, bologna. Giugno 2015
( cliccare sulle immagini per ingrandire )
 

 

 

 

 

 

Disoriente

 

 

 

      Disoriente

Per primo l’olfatto — primi furono i legni
sul malcelato odore di
carni
a bruciare vivi
nel fumo di fiori

e intanto acqua
cadeva sulle mani, acqua che scorre
non lava

E poi fu dato un enigma
uno specchio
— per cosa farne
che non è ancora passato?

Volto verso di me       così nudo, così schiarito
come una piana dal Vento …

bologna. 26 maggio 2015
 

 

 

 

 

 

Il mio cammino

 

 

 

      Il mio cammino

Il cammino che
sbanda e s’avvita, alle spalle
mulini di foglie
e polverosi battiti d’ali
di colombi

qui — e non ancora
in complicato allaccio
di nervi e membrature

Illusorio avviluppa di riposo questo sonno.

bologna. 24 maggio 2015

 

 

 

e-non-ancora-in-complicato-allaccio-di-nervi-e-membrature-let

Cliccare QUI per leggere un estratto di questi versi su :

MOTS LIÉS

Slow Reading—Parcours de lectures

 

 

 

 

 

 

La cura

Galleria

This gallery contains 15 photos.

      La cura   a Ginevra             All’Albero alla radice Alla scorza. Ai colori che cadono di foglie             All’aria spenta di Luce che esala il suo vapore A questo passo nell’aria che è sciolto              A chi mi cura la scheggia di dolore, … Continue reading